bg header

Tatin di pere con crema di formaggio : che dolce delizia!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tatin di pere con crema di formaggio

Cercate un nuovo dessert? Provate il tatin di pere con crema di formaggio

Chi l’avrebbe mai detto che pur mettendo da parte il lattosio avrei potuto realizzare dolci unici! Eh, sì… Fino a qualche tempo fa non ci avrei mai creduto, ma un dessert come il tatin di pere con crema di formaggio al cacao e rum è un valido esempio tra le tante pietanze gustose che possiamo realizzare con pochi ingredienti, leggeri e genuini. Tra l’altro, molti di questi dolci risolvono il problema dell’indecisione: si rivelano sempre la scelta ideale e un valido asso nella manica ogni qualvolta che abbiamo gente a cena!

In fondo, ogni occasione speciale diventa ancor più unica con un menu perfetto e con un dolce che sappia dare il tocco di classe finale al nostro pasto. Con questi presupposti, non voglio dilungarmi tanto, ma voglio subito parlarvi del tatin di pere con crema di formaggio e poi passare alla preparazione. Siete d’accordo con me? Bene… ci sono alcune informazioni che vorrei condividere con voi prima di metterci all’opera.

Le pere… che alleate del benessere!

In tutto il mondo sono tantissimi gli amanti delle pere. Per quale motivo? Beh, chiaramente perché sono buone. Tuttavia, dietro la loro bontà si nasconde anche un carico di energia sensazionale, dato principalmente dagli zuccheri della frutta. L’ingrediente principale del tatin di pere con crema di formaggio al cacao e rum è un valido alleato della pelle, dell’intestino, del sistema cardiovascolare e delle ossa. Ci dona un notevole apporto di calcio, boro (un toccasana per il cervello), potassio, fosforo e magnesio, ma anche di vitamine del gruppo B e di vitamina C.

La pera è il frutto del Pyrus communis, un albero conosciuto fin dai tempi antichi, che cresce sia allo stato selvatico sia in coltivazione. Le pere, frutti a seme come le mele, ne differiscono per la forma, generalmente conica, e per la qualità della polpa, di solito granulosa, di sapore particolare zuccherino, meno acidulo di quello delle mele. Le varietà e sottovarietà di pere coltivate hanno raggiunto un numero ragguardevole. I principali tipi che si coltivano in Italia e si trovano sui nostri mercati sono: pera butirra, gialla o giallo-rossa, a polpa fine succosissima, zuccherina, molto profumata; pera coscia, giallognola, dalla polpa succosa, dolce e profumata; pera spadona, verde o rossa, con polpa zuccherina, acidula, profumata; pera William, a buccia giallo-rosata, con polpa butirrosa; pera imperatore o Kaiser, allungata, buccia gialloscura coperta di ruggine, polpa bianca molto succosa, profumata, zuccherina. Le pere vengono messe in commercio fresche o inscatolate; si utilizzano inoltre per la preparazione di succhi.

Le pere maturano in un periodo estremamente breve dell’anno, e vengono raccolte immature e poi fatte maturare durante la conservazione refrigerata. Manipolatele con cautela perché sono fragili. Si trovano tutto l’anno.

Se immature, le pere dovrebbero essere fatte maturare a temperatura ambiente finché cedono alla pressione delle dita. Evitate frutti discolorati, ammaccati, ammuffiti. Refrigeratele fino al momento del consumo se molto matura, altrimenti lasciatela maturare a temperatura ambiente.

Tatin di pere con crema di formaggio

Secondo le ricerche, le pere possono aiutarci a ridurre i livelli di colesterolo e a favorire il buon funzionamento del tratto intestinale (sono ricche di fibre), nonché a prevenire l’osteoporosi, contribuendo al processo di mineralizzazione delle ossa. Naturalmente, queste sono solamente alcune delle caratteristiche e potenzialità di questo frutto. Pertanto, dovremmo portarlo in tavola più spesso, sia con un buon tatin di pere con crema di formaggio, che con altre ricette semplici e genuine, come quella delle pere al vino rosso e spuma di cannella o del risotto alle pere e zafferano… senza dimenticare di mangiarle a morsi e così come sono!

Il tatin di pere con crema di formaggio al cacao e rum… e vorranno il bis

Sicuramente, parlandovi del frutto protagonista di questa ricetta vi ho dato tanti validi motivi per preparare questo dessert. Tuttavia, quando si tratta del tatin di pere, ci sono anche altri ingredienti da considerare, sia da un punto di vista nutrizionale che organolettico. Infatti, potrete contare su un’ulteriore quantità di sostanze nutritive e anche su un sapore unico. Soprattutto quest’ultimo non è da sottovalutare: provate a immaginarvi il sapore delle pere che si unisce a quello del rum e del cacao… Un mix sensazionale! Non è così? E cosa possiamo dire del formaggio?

Per la preparazione di questa ricetta ho scelto il formaggio fresco senza lattosio Exquisa. Se dovessi descriverlo in poche parole direi: gustoso, digeribile, leggero, cremoso, genuino e senza conservanti. Forse sono troppe, ma devo dire che quando ci vuole… ci vuole! Se un prodotto è buono, è giusto dirlo. A questo punto, non ci resta che portare tutte queste deliziose qualità in tavola, con un goloso tatin di pere con crema di formaggio al cacao e rum. Mettiamoci al lavoro!

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr. di pere mature ma sode,
  • 120 gr. di zucchero semolato,
  • ½ dl di acqua,
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 200 gr. di pasta sfoglia consentita,
  • 400 gr. di formaggio cremoso Senza Lattosio Exquisa,
  • 40 gr. di zucchero a velo,
  • 40 gr. di cacao,
  • ½ dl di rum

Preparazione

Caramellate lo zucchero semolato con l’acqua, versatelo in uno stampo da torta e lasciatelo raffreddare.

Unite il burro a pezzetti con le pere sbucciate e tagliate a spicchi, e cuocete in forno a 200°C per 10 minuti. Lasciate raffreddare. In seguito, coprite con la pasta sfoglia e lasciate cuocere in forno a 190°C per 30 minuti.

Lavorate il formaggio con il rum, il cacao e lo zucchero a velo. Togliete la tatin dallo stampo e servite con la crema di formaggio al cacao.

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Casatiello napoletano

Casatiello napoletano, la tradizione pasquale che profuma di...

Origini e significato del casatiello napoletano Il casatiello napoletano è un tipico piatto pasquale della tradizione culinaria napoletana. Le sue origini risalgono al periodo dell'antica Roma,...

Ghirlanda salata con gamberi

Ghirlanda salata con gamberi: un contorno unico per...

Un contorno completo e ricco di gusto Questo contorno a forma di ghirlanda colpisce anche per la sua completezza. Troviamo infatti alimenti ittici (come i gamberi), la frutta esotica (come...

Cuddura cu l ova

Cuddura cu l’ova, dalla Calabria un dolce di...

Un dolce tipico per Pasqua, davvero gustoso e nutriente Ho parlato di uova sode nella ricetta della cuddura, ma in realtà è un termine leggermente improprio. L’uovo, infatti, non viene cotto in...

logo_print