Farina di pistacchio, molti pregi in cucina

farina di pistacchio
Commenti: 0 - Stampa

La farina di pistacchio ha un grande pregio in cucina: conferisce un sapore delizioso di a pane, torte, biscotti e a qualsiasi altro prodotto da forno.

In più dona una straordinaria luce verde. Molti chef e gourmet la apprezzano e la utilizzano per le loro creazioni culinarie. In casa la potete usare anche per aggiungere un sapore più ricco ai piatti di tutti i giorni, ad esempio come panatura per pesce e carne.

Come per ogni altra farina di origine vegetale è particolarmente nutriente, un’ottima fonte di grassi sani, fibre e ferro; vediamo nel dettaglio le proprietà benefiche dei pistacchi e della farina di pistacchio:

Salute del cuore: Una delle caratteristiche più salutari dei pistacchi è che sono “cuore-friendly”. Alcune ricerche suggeriscono che il consumo regolare di pistacchi può ridurre il livello di colesterolo cattivo LDL nel corpo. Merito dell’alto contenuto di antiossidanti, fitosteroli e acidi grassi insaturi.

Regolarità e salute intestinale: I pistacchi sono una buona fonte di fibra alimentare, aiutano dunque la digestione e la regolarità intestinale. Aggiungere farina di pistacchio alle vostre preparazioni aiuterà a renderle più digeribili.

Un utile difesa contro il diabete

Un altro importante benefici per la salute che arriva dal consumo di pistacchi è che aiutano a controllare il diabete. È ormai riconosciuto da diversi medici che l’introduzione di frutta secca e in particolare di pistacchi nella dieta di soggetti prediabetici (con alti livelli di glicemia ma non ancora diabetici) riduce i livelli di glicemia, oltre a quelli, come ho già detto, di colesterolo.

Aumenta l’assorbimento di ferro: I pistacchi contengono un elevato contenuto di rame, che aiuta l’assorbimento di ferro nell’organismo proveniente da altre fonti alimentari. Per questo i pistacchi sono ideali in caso di anemia.

Questi alcuni dei benefici più importanti per la salute che otterrete scegliendo di introdurre la farina di pistacchio nella vostra cucina. Ma non è tutto, ci sono altri benefici, forse meno importanti ma non da sottovalutare.

Pare ad esempio secondo una ricerca recente, che i pistacchi influenzerebbero notevolmente la vitalità sessuale negli uomini. Oppure, altra chicca, forse più scientificamente provata, è che i pistacchi, aiutano a eliminare la secchezza della pelle, in questo caso è il contenuto di grassi saturi a svolgere un ruolo importante.

Certo, le ricerche sono state condotte sui pistacchi e non su i suoi derivati ma in questo caso, molto più che in altri, vale la pena sperimentare tali prodigi utilizzando la farina di pistacchi.

E’ una farina molto particolare ma naturalmente senza glutine

I pistacchi sono i semi di piccoli alberi forse originari del Turkestan meridionale, e che si coltivano nei paesi mediterranei e del Medio Oriente da tre o quattromila anni (nel Genesi è detto che tra i doni inviati da Giacobbe a Giuseppe c’erano anche i semi di pistacchio). Il pistacchio preferisce un clima simile a quello adatto alla coltivazione delle mandorle e delle olive e oggi viene coltivato praticamente in tutti i paesi intorno al Mediterraneo, tra cui la Francia meridionale, l’Italia, la Spagna, nonché in Persia, nell’ Afghanistan, e nelle regioni sudoccidentali degli Stati Uniti. Se ne coltivano molte varietà; vi sono alberi maschili e femminili.

Il seme della noce di pistacchio è ricoperto da una pellicola rosso-bruna, ma la polpa è verde brillante fin nell’interno. In generale, la gradazione del verde sta ad indicare la qualità del seme. I semi di pistacchio non sono famosi dappertutto come nei paesi dove vengono coltivati, forse perché sono piuttosto costosi.

A chi ha viaggiato nel Medio Oriente è capitato senz’altro di imbattersi nei pistacchi salati, coi gusci che si spalancano come tante piccole conchiglie. I semi di pistacchio sono utilizzati nei torroni orientali e nel locoum (una specialità turca). Si adoperano anche per decorare dolci e costituiscono (almeno si spera) il colore e l’aroma principale del gelato al pistacchio, cosi popolare in Italia e negli Stati Uniti.

L’aroma dei semi di pistacchio è delicato, e dai migliori si ricavano estratti ed essenze. Si conservano bene e se ne può tenere una piccola scorta in cucina, per mescolarli alle creme o decorarle. I pistacchi compaiono anche in alcuni piatti di carne e di selvaggina, particolarmente nella cucina libanese e in altre del Medio Oriente, ma in questo caso non si possono considerare una vera sostanza aromatica in quanto pur essendo belli da vedere il loro sapore viene in gran parte eclissato. Piii notevole è l’apporto di sapore che danno ad alcuni salumi, come alla mortadella bolognese.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Farina di cicerchia

Farina di cicerchia, un ingrediente da rivalutare

Cos’è la farina di cicerchia e quali sono le sue caratteristiche La farina di cicerchia è un ingrediente poco impiegato nella cucina italiana. Il motivo è semplice in quanto ad essere poco...

Mais Rostrato Rosso

Mais Rostrato Rosso di Rovetta, una varietà pregiata

Le origini del mais Rostrato Rosso di Rovetta In questo spazio vorrei parlare del mais Rostrato Rosso di Rovetta, un prodotto tipico della nostra terra e che solo ora, dopo più di un secolo dalla...

farine in casa

Silenzio si macina: come e perché farsi le...

Preparare le farine in casa è sempre una buona idea! Forse non avevate mai pensato di preparare le farine in casa, anche perché al supermercato le troviamo tutte (o quasi) già pronte. Tuttavia,...

farina di mais blu

Farina di mais blu: un benessere psico-fisico  

Scopri perché dovresti mangiare la farina di mais blu La farina di mais blu è un prodotto davvero speciale, non convenzionale, che il mercato ha messo a disposizione a tutti noi consumatori...

Farina di mais bianco

Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in...

Le imperdibili proprietà nutrizionali della farina di mais bianco Farina di mais bianco, proprietà e utilizzi in cucina. Il mais bianco è una vera panacea per chi ama la cucina fai da te sana e...

gofio

Gofio, anche senza glutine: ne avete sentito parlare?

Il gofio senza glutine, un alimento tutto da scoprire Il gofio senza glutine, che per l’esattezza si chiama “Gofio Canario”, è un alimento che la Commissione Europea ha incluso nel suo...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-01-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti