Torta alla ricotta, il dolce per chi soffre di intolleranze

Torta alla ricotta
Commenti: 0 - Stampa

Torta alla ricotta con mandorle e cannella, un dolce buono e semplice da realizzare

La torta alla ricotta con mandorle e cannella è davvero semplice da realizzare. Non sono necessarie competenze particolari, né esperienza nella preparazione dei dolci. Tantomeno, non è necessaria qualche particolare abilità. L’impasto, infatti, si forma semplicemente amalgamando gli ingredienti in una terrina. Insomma, la torta alla ricotta con mandorle e cannella è la classica ricetta che rende il massimo al minimo sforzo.

Un altro pregio consiste nell’accessibilità. Può essere infatti consumata anche da chi soffre di problemi nell’assorbimento di lattosio e glutine. La farina, infatti, è di mandorle, ed è priva naturalmente di glutine. La ricotta è invece delattosata. Non dovete pensare alla delatosizzazione come a un procedimento chimico o artificioso. Molto banalmente, il latte viene sottoposto all’enzima lattasi, che scinde il lattosio in glucosio e galattosio, due elementi digeribili dagli intolleranti.

Questa torta è valorizzata anche da un tocco di creatività finale. Una volta pronta, alla classica sventagliata di zucchero si accompagna un’abbondane spolverata di cannella. Questa spezia, un tempo davvero pregiata (praticamente di lusso), apporta sapore e tanti benefici nutrizionali. La cannella non solo è buona, ma fa anche bene alla salute. Il riferimento è soprattutto alla presenza di antiossidanti, che giovano all’apparato cardiocircolatorio, ai processi di rigenerazione cellulare e contribuiscono a prevenire il tumore. Il suo potere gustativo è elevato, sicché l’impatto sulla torta è davvero significativo.

I pregi nutrizionali della farina di mandorla

La farina di mandorla è l’ingrediente principale di questa torta alla ricotta. La sua presenza è giustificata da due motivazioni. In primis consente il consumo anche ai celiaci e agli intolleranti al glutine, dal momento che non contiene questa sostanza. In secondo luogo è semplicemente buona, e in grado di conferire alla torta un sapore diverso, che si distingue nettamente dalle farine di grano in quanto è leggermente più dolce e gradevole. Ma la farina di mandorle è anche un alimento dal grande potere nutrizionale, sotto certi aspetti superiore rispetto a quello delle farine di cereali. Il riferimento è alla quantità di carboidrati, che raggiungono il 10% del totale.

Torta alla ricotta

 

Va detto, la farina di mandorle è anche grassa. La stragrande maggioranza dei grassi, però, è “buona” in quanto formata da sostanze importanti come gli omega tre. Questi, per esempio, giovano al cuore, alla vista e alle funzioni cognitive. L’apporto calorico è comunque elevato, più di qualsiasi altra farina. La farina di mandorle sfiora le 600 kcal per 100 grammi. La farina di mandorle è comunque ricca di vitamine e sali minerali, infatti apporta una grande quantità di vitamina E e vitamine del gruppo B. Contiene inoltre calcio, potassio, magnesio fosforo, ferro e zinco. La farina di mandorle, se associata a un buon lievito, vanta capacità panificatorie più che discrete.

Noci e nocciole, un mix prezioso di frutta secca

Altri ingredienti fondamentali di questa torta alla ricotta sono le noci e le nocciole. Entrambe vengono tritate grossolanamente e inserite nell’impasto dopo che questo è stato opportunamente trattato. Grazie a questo inserimento, la torta apparirà come “costellata” di pezzetti di noci e nocciole, generando non solo una certa ricchezza organolettica ma anche un impatto visivo importante. La ragion d’essere delle noci e delle nocciole è ovviamente il gusto, che tutti conoscono e apprezzano (in particolare delle nocciole). Tuttavia, vanno menzionati anche i pregi dal punto di vista nutrizionale, che sono davvero significativi.

Sia le noci che le nocciole, in qualità di frutta secca, contengono ottime dosi di vitamina E, nonché di sali minerali come fosforo e potassio. E’ vero, sono molto caloriche dal momento che non scendono mai sotto le 650 kcal per 100 grammi. Tuttavia, c’è da dire che in genere vengono consumate in modiche quantità, come in questo caso, e che la maggior parte dei grassi che incidono sul conteggio delle calorie sono, in realtà, dei grassi “buoni”. Il riferimento è agli omega tre e omega sei, che fanno bene al cuore, alla vista e alle funzionalità cognitive. Insomma, noci e nocciole sono una gradevole aggiunta in una torta che è già buona di suo.

Ecco la ricetta della torta alla ricotta con mandorle e cannella:

Ingredienti per una tortiera cm 24:

  • 400 gr. di farina di mandorle;
  • 300 gr. di ricotta consentita;
  • 80 gr. di zucchero di canna finissimo per dolci;
  • 40 gr. di nocciole e 40 gr. di noci;
  • 1 uovo;
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • q. b. di zucchero a velo;
  • q. b. di cannella.

Preparazione:

Per la preparazione della torta alla ricotta iniziate versando in una ciotola la farina di mandorle, la ricotta, lo zucchero di canna, l’uovo e una bustina di lievito. Lavorate gli ingredienti, poi versate anche la frutta secca (noci e nocciole tritate grossolanamente). Mescolate e amalgamate fino ad ottenere un impasto parzialmente compatto. Poi livellate l’impasto in una teglia con della carta da forno sopra e cuocete per 35 minuti a 180 gradi. Fate intiepidire la torta, poi adagiatela su un grande piatto piano (o su un vassoio) e spolverizzate con un po’ di cannella e lo zucchero a velo che avete a disposizione.

5/5 (853 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, uno golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti