bg header
logo_print

Salmone in crosta di pistacchi e purè di sedano rapa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

salmone in crosta di pistacchi e pure di sedano rapa
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3/5 (1 Recensione)

Oggi porto in tavola il salmone in crosta di pistacchi e purè di sedano rapa

Il piatto che vi propongo oggi è delicato, nutriente, sostanzioso e di alta classe. Perfetto come ricetta per le occasioni speciali e ideale per qualunque stagione, questo secondo di pesce con contorno è un toccasana per la salute e una delizia per il palato. Prepararlo è molto semplice, ma quello che conta è scegliere gli ingredienti giusti, caratterizzati da qualità e freschezza.

Infatti, gli alimenti principali che andremo ad utilizzare per portare in tavola questa pietanza sono il salmone, i pistacchi, il sedano rapa: un mix di nutrienti e sostanze essenziali per il nostro organismo, di cui non possiamo fare a meno… neanche per quanto riguarda i sapori! Andiamo a scoprirne di più.

Ricetta salmone in crosta di pistacchi

Preparazione salmone in crosta di pistacchi

  • Preriscaldate il forno a 200 gradi. Lavate, asciugate e tritale il timo. Lavate, asciugate e tritate il rosmarino. Tritate finemente le gallette di riso con quinoa.
  • Sgusciate i pistacchi e scottateli in acqua bollenti per pochi minuti. Scolate e passate sotto l’acqua fredda. Adagiateli sopra un telo da cucina ad asciugare e strofinate accuratamente prima di tritarli grossolanamente. Tritate le nocciole grossolanamente.
  • In una padella antiaderente scottate velocemente i filetti e in un piatto grande riunite pistacchi, nocciole, parmigiano reggiano, le gallette grattugiate,  timo, sale e pepe.
  • Mescolate accuratamente, poi pennellate i filetti con dell’olio e cospargeteli con questo mix.
  • Adagiate i filetti su di una teglia ricoperta da carta forno e infornate per circa 15/20 minuti.
  • Per il purè pulite il sedano rapa e tagliatelo a pezzi.
  • Fate cuocere il sedano rapa con il latte per circa 20 minuti. Riducete in purea con un frullatore a immersione.
  • Aggiustate di sale e pepe. Aggiungete il burro e il Parmigiano e mescolate accuratamente.
  • Tagliate i filetti a fette grosse e servite con il purè.

Per la preparazione del salmone:

  • 2 filetti salmone scozzese,
  • 40 gr. pistacchi tritati,
  • 45 gr. nocciole tritate,
  • 1 cucchiaio timo tritato e 1 di rosmarino tritato,
  • 60 gr. Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi grattugiato,
  • 50 gr. gallette riso con quinoa grattugiate,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e pepe

Per il purè di sedano rapa:

  • 800 gr. sedano rapa,
  • 80 cl. latte intero consentito,
  • 60 gr. Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato,
  • 50 gr. burro chiarificato,
  • q. b. di sale e pepe

Salmone in crosta di pistacchi: in cucina con gli alimenti giusti

Il principale ingrediente di questa ricetta è decisamente il salmone in crosta. Protagonista per il suo sapore e per il suo elevato contenuto di omega-3, questo pesce si presenta come una pietanza amata da adulti e bambini. Ottimo per la salute del cuore e capace di regalare al nostro corpo minerali e vitamine in quantità, può offrire le giuste proprietà nutrizionali e organolettiche solamente se viene selezionato accuratamente.

Proprio per questo, per preparare questa ricetta vi consigliamo di provare il filetto di salmone affumicato Kinglas, di Loch Fyne. Si tratta di un prodotto alimentare pregiato, mai troppo salato e proveniente da uno dei migliori fiordi scozzesi dell’Atlantico. La speciale affumicatura, effettuata con il legno di vecchie botti di whisky, non copre i sapori e neanche il profumo originale di questo pesce, offrendo al piatto un carattere unico e una squisitezza a prova di chef.

Accompagnata dal purè di sedano rapa, questa pietanza a base di salmone ci regala un’ulteriore dose di minerali e vitamine, ma anche di potenti antiossidanti, utili per prevenire le malattie, i danni dei radicali liberi e per rallentare il naturale processo di invecchiamento cellulare. Scegliendo il sedano rapa fresco, potrete godere di tutto questo, nonché di un gusto particolarmente intenso.

L’ingrediente che rende speciale il salmone in crosta di pistacchi

Come avrete capito, si tratta di un pasto delizioso e nutriente allo stesso tempo, ma cosa possiamo dire dell’ingrediente che fa la differenza? Stiamo parlando dei pistacchi che, con il loro sapore, regalano al salmone un tocco di classe e di bontà da non sottovalutare. Oltre a questo, ci offrono interessanti benefici come la riduzione dei livelli di colesterolo, un potente effetto antiossidante e un’ottima protezione per gli occhi. Sono antibatterici, antitumorali, promuovono la salute della pelle e aiutano a trattare l’anemia e l’ipertensione.

Che dire di più del salmone in crosta di pistacchi e purè di sedano rapa? È una ricetta sfiziosa, veloce e semplice da preparare, che conquista davvero tutti. Chi ama il salmone dovrebbe provarla al più presto e godere di tutte le qualità di questa pietanza.

Non solo pistacchi per questa ricetta a base di salmone in crosta

In questa ricetta la panatura, o per meglio dire  la crosta del salmone è affidata non solo ai pistacchi, ma anche alle nocciole. Lo scopo è quello di trasmettere al pesce una varietà di sentori e note aromatiche, in modo da valorizzarlo e rendere l’esperienza gustativa ancora più preziosa. Potete utilizzare sia le nocciole tostate che quelle fresche. Nel primo caso la crosta risulterà più irregolare e croccante, nel secondo caso sarà più omogenea e liscia (a patto di tritarle finemente).

Le nocciole impattano sulla ricetta anche dal punto di vista nutrizionale. E’ vero, sono molto caloriche, ma ciò è dovuto all’abbondanza di acidi grassi benefici. Inoltre, le nocciole sono ricche di vitamina E, che sostiene il sistema immunitario e svolge una funzione antiossidante e antitumorale.

Le nocciole, infine, sono ricche di sali minerali come il magnesio, una sostanza coinvolta nel metabolismo energetico e apprezzata per la sua capacità ricostituente.

Quali aromi usare nel salmone in crosta di pistacchi?

Il salmone in crosta di pistacchi è una ricetta dall’aspetto gourmet ma tutto sommato semplice. Tale semplicità si riflette anche nella fase di aromatizzazione, che è appena accennata. Per questo piatto si utilizza infatti solo il timo, come ingrediente della panatura e della crosta. Il timo è una delle erbe aromatiche più potenti, esprime note che sono allo stesso tempo fresche, amarognole e agrumate (soprattutto se si usa la variante del timo-limone).

Il timo è prezioso anche sotto il profilo nutrizionale. Apporta una vasta gamma di vitamine e sali minerali, tipica delle erbe aromatiche, ma in aggiunta contiene molti antiossidanti. Tra questi ultimi spiccano i flavonoidi, che sono una specie di panacea per l’organismo, in quanto aiutano a prevenire il cancro, rallentano l’invecchiamento cellulare e neutralizzano i radicali liberi.

Salmone in crosta al forno, una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari

La ricetta del salmone in crosta di pistacchi che vi presento qui è pienamente compatibile con chi soffre di intolleranza al lattosio e disturbi simili. La presenza della crosta potrebbe impensierire i celiaci, tuttavia viene realizzata non con il pane bensì con le gallette di riso sbriciolate, che incidono positivamente sulla texture e la rendono croccante.

Gli intolleranti al lattosio potrebbero trovare un ostacolo nella presenza del purè, che è realizzato di norma con il latte. Ebbene, in questo caso si sua il latte delattosato, che è simile al prodotto originale e presenta solo un sapore leggermente più dolce. In realtà è presente anche un derivato del latte, ovvero il Parmigiano, ma in virtù della sua stagionatura si rivela naturalmente privo di lattosio.

E per quanto concerne gli allergici e i sensibili al nichel? Purtroppo per loro non c’è nulla da fare. Nocciole, pistacchi e sedano sono ricchi di nichel e non esistono versioni de-nichilizzate. Potete comunque provare a sostituire questi ingredienti con altri che non contengono la sostanza incriminata.

FAQ sul salmone in crosta di pistacchi

A cosa si abbina il salmone?

Il salmone presenta un sapore solo leggermente sapido e piuttosto grasso, dunque si abbina a una vasta gamma di ingredienti. E’ perfetto soprattutto con le erbe aromatiche e con i formaggi. In questo caso viene abbinato a un purè di sedano rapa e viene arricchito con timo e Parmigiano Reggiano.

Come si può cuocere il salmone?

Il salmone può essere scottato in padella o cotto al forno. Le cotture in umido sono rare in quanto il pesce tende a disfarsi. Ovviamente se il salmone è affumicato a dovere, può essere consumato anche crudo.

Cosa mettere come contorno al salmone?

Il salmone può essere accompagnato con un’insalata a foglia verde piuttosto che dalle classiche patate al forno. Si presta però anche agli accompagnamenti gourmet, come il purè di sedano al formaggio e al latte che propongo in questa ricetta.

Quante calorie ha il salmone fresco?

Il salmone fresco ha circa 185 kcal per 100 grammi. Non è calorico in senso assoluto, ma lo è rispetto alla maggior parte dei pesci.

Ricette di salmone ne abbiamo? Certo che si!

3/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gamberi saltati al tamarindo

Gamberi saltati al tamarindo, un secondo agrodolce di...

Un focus sui gamberi Nonostante l’abbondanza di ingredienti e di abbinamenti arditi, i protagonisti della ricetta rimangono i gamberi saltati. I gamberi sono tra i crostacei più consumati, che si...

Baccalà in umido alla Veneta

Baccalà in umido alla Veneta, un gustoso piatto...

Origini e storia del baccalà in umido alla veneta Il baccalà in umido alla veneta è una delle più antiche e tipiche ricette della cucina veneta. Le origini di questo piatto risalgono al periodo...

Carne di renna grigliata

Carne di renna grigliata, una salsiccia per eventi...

Cosa sapere sulla carne di renna Vale la pena parlare della carne di renna, che è il vero protagonista di questa ricetta. E’ una carne sui generis molto rara dalle nostre parti, ma che può...