logo_print

Croccante e morbido: salmone in crosta

salmone in crosta
Stampa

Ogni occasione è quella giusta per preparare il salmone in crosta. Chi ama il pesce non può fare a meno di amare la ricetta del salmone in crosta. Delicato e croccante, morbido e gustoso, questo secondo piatto è l’ideale per qualunque occasione e, volendo, può anche essere servito come uno sfizioso antipasto, rivelandosi ogni volta un abbraccio di sapori unici e un’ottima fonte di nutrienti.

Questa ricetta semplice e sfiziosa può essere preparata con facilità e in maniera rapida, permettendovi ogni volta di portare in tavola una pietanza dalle inconfondibili proprietà organolettiche e benefiche. Ecco tutte le ragioni per provarla al più presto e qualche consiglio da non sottovalutare!

Il salmone in crosta: gustoso e nutriente, dentro e fuori

Questo piatto è molto speciale e riesce a conquistare sia gli adulti che i bambini. Gran parte del merito di tutto questo va ovviamente all’ingrediente principale, ovvero il salmone. Quest’ultimo è un alimento ricco di proteine magre e grassi sani, capace di far gioire il palato ma anche l’organismo. Infatti, grazie alle sostanze in esso contenute, propone innumerevoli proprietà benefiche, di cui possiamo godere sia quando lo portiamo in tavola fresco che quando lo scegliamo affumicato.

Pertanto, il salmone in crosta può garantirci un elevato nutrimento per una quantità non troppo elevata di calorie (non a caso, si rivela l’ideale anche per coloro che stanno seguendo un regime alimentare ipocalorico). Nello specifico, è utile considerare che si tratta di un pesce ricco di omega-3: acidi grassi essenziali per il nostro organismo, in grado di ridurre i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, di rallentare il naturale processo di invecchiamento del nostro corpo e di prevenire i tumori.

salmone in crosta

Questi grassi sani sono inoltre ottimi per il trattamento dell’osteoporosi e per rinforzare le nostre capacità cognitive, ma possono offrire persino un interessante effetto antidepressivo. In più, non dobbiamo dimenticare che il salmone è un alimento povero di sodio, ma ricco di vitamina D (essenziale per promuovere l’assorbimento del calcio e la mineralizzazione dell’apparato scheletrico), di vitamina B6 e B12, di selenio e fosforo. In pratica, possiamo affermare che il salmone ci propone un fantastico apporto nutrizionale.

Consiglio finale: ecco l’ingrediente ideale per la preparazione del salmone in crosta

Come avrete capito, il salmone è un cibo perfetto sotto molti punti di vista. Tuttavia, per godere appieno delle sue proprietà organolettiche e nutritive, è necessario puntare ad un prodotto di elevata qualità. A questo proposito, è consigliabile effettuare una selezione molto attenta prima di portare in tavola questa pietanza.

Lo consigliamo perché si presenta come l’ingrediente ideale per la preparazione della ricetta del salmone in crosta in quanto non è mai troppo salato e vanta di un’affumicatura speciale ed equilibrata che non altera il gusto inconfondibile e il carattere di questo pesce. Insomma, a voi la scelta e buon appetito!

Ingredienti per 4 persone

  • 1 rotolo pasta sfoglia consentita
  • 400 gr filetto di Salmone
  • un porro
  • una zucchina
  • l’ albume di 1 uovo
  • 2 cucchiai olio extravergine oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Lavate e mondate il porro e la zucchina e affettateli a rondelle. Versate nel bicchiere del frullatore con l’olio e un pizzico di sale. Frullate il tutto fino ad ottenere una consistenza cremosa.

Prendete il filetto e insaporitelo con una spolverata di sale e pepe.

Stendete il rotolo di pasta sfoglia, e spalmate un po’ della crema preparata, adagiatevi il salmone e spalmate la crema restante. Arrotolate la sfoglia e richiudete le estremità con cura.

Praticate dei piccoli tagli sulla superficie del rotolo e infornate per circa 20/25 minuti.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


02-12-2017
Scritto da: NonnaPaperina
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti