bg header
logo_print

Costolette di agnello con salsa di lamponi: un piatto unico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

costolette di agnello in salsa di lamponi e aceto balsamico
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 1 ore 20 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Costolette di agnello con salsa di lamponi: un piatto ottimo per il pranzo di Natale

Volete stupire i vostri ospiti durante il pranzo di Natale? Perfetto, perché oggi vi suggerisco un secondo che fa proprio al caso vostro.  Si tratta delle costolette di agnello in salsa di lamponi e aceto balsamico, un trionfo di gusto perfetto

L’effetto finale vi assicuro che sarà speciale anche dal punto di vista visivo e che i vostri ospiti si ricorderanno di questo piatto raffinato, preparato con amore senza lasciare nessun dettaglio al caso. Pronti per scoprirne tutti i benefici?

Ricetta costolette di agnello

Preparazione costolette di agnello

  • Lavate velocemente sotto l’acqua corrente e asciugate con della carta assorbente i lamponi prima di passarne la metà  al setaccio.
  • Versate la purea ottenuta sulle costolette, bagnate con il vino, unite l’aglio a fettine coprite con pellicola a lasciate marinare per un’ora.
  • Fate dorare le costolette in poco olio e in una padella antiaderente prima di unire l’altra metà dei lamponi lasciati interi e lasciateli appassire a calore medio per qualche istante.
  • Salate, pepate e quindi aggiungete qualche goccia di aceto balsamico poi girate la carne da ambo i lati per farla insaporire.
  • Togliete le costolette dalla padella e tenetele in caldo fra due piatti, nel frattempo passate al setaccio il fondo di cottura.
  • Disponete le costolette sui piatti e bagnatela con la salsa unite qualche altra goccia di aceto balsamico e l’erba cipollina tagliuzzata, aggiungete a piacere qualche lampone fresco.

Ingredienti costolette di agnello

  • 800 gr. di costolette di agnello
  • 250 gr. di lamponi
  • qualche filo di erba cipollina
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 spicchio di aglio
  • q. b. di aceto balsamico
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale e pepe

Costolette di agnello in salsa di lamponi , un secondo che conquisterà tutti

La ricetta delle costolette di agnello in salsa di lamponi e aceto balsamico non è solo un secondo piatto perfetto per gli intolleranti al lattosio e celiaci, ma anche una soluzione veramente salutare proprio per via della presenza dei lamponi, considerati dei veri e propri frutti dei miracoli.

Per quale motivo? Prima di tutto perché sono ricchi di fibre, principi nutritivi che favoriscono il raggiungimento della sazietà e che, cosa ancora più importante, contribuiscono a un assorbimento più lento degli zuccheri nel sangue. Da non dimenticare è poi la presenza di sali minerali come il calcio, il potassio e il magnesio, essenziali per la disintossicazione del corpo.

costolette-agnello-in-salsa-di-lamponi-e-aceto-balsamico4Viva l’aceto balsamico, ricchissimo di sali minerali

A rendere queste costolette di agnello in salsa di lamponi e aceto balsamico un piatto che far sì che i vostri ospiti si alzino da tavola pienamente soddisfatti ci pensa anche il secondo ingrediente principe, l’aceto balsamico appunto. Anche in questo caso, se vogliamo conoscerne i benefici più importanti, dobbiamo chiamare in causa la presenza di un alto contenuto di minerali.

Si può parlare di preciso di calcio, potassio e magnesio. Ma la caratteristica primaria di questa perla della gastronomia italiana è la straordinaria azione antiossidante, per la quale dobbiamo dire grazie ai polifenoli presenti nell’uva.

Non è fantastico pensare di omaggiare la nostra tradizione culinaria più preziosa facendo anche qualcosa di positivo per la salute, ossia prevenendo le patologie tumorali? Secondo me sì! Penso anzi che sia uno degli aspetti più belli della cucina italiana, un vero trionfo di benessere che permette anche, come dimostra questo piatto, di trovare delle soluzioni adatte agli intolleranti al lattosio senza rinunciare al gusto.

Cosa sapere sulla carne di agnello

La carne di agnello, usata in queste deliziose costolette, non è certamente la più consumata ma comunque è ben considerata dalla cucina italiana (specie in alcune regioni). Vale dunque la pena spendere qualche parola sul sapore, proprietà nutrizionali e metodi di cottura.

Il sapore della carne di agnello, pur vantando una sua specificità, si pone a metà strada tra quello delle carni rosse e quello delle carni bianche. L’agnello è meno pesante delle carni rosse, ma è più aromatica delle carni bianche. Di base la carne di agnello è tenera, ma in fase di cottura potrebbe diventare gommosa. In ragione di ciò viene abbondantemente marinata con aceti, vini e agrumi vari.

Dal punto di vista nutrizionale la carne di agnello si difende molto bene. Apporta 20 grammi di proteine ogni 100 e vanta una certa quantità di vitamine del gruppo B, magnesio e ferro. L’apporto calorico è nella media, infatti si attesta sulle 160 kcal per etto.

Come cucinare le costolette di agnello, ecco qualche trucchetto

Cucinare le costolette di agnello può risultare complesso, d’altronde vantano caratteristiche diverse rispetto ai medesimi tagli del vitello, del maiale etc. In ogni caso, come ho appena specificato, è bene preparare la carne alla cottura mediante una fase di marinatura. Al di là di ciò vi segnalo anche qualche trucchetto utile.

Il primo consiste nel far riposare la carne a temperatura ambiente tra la fase di marinatura e quella di cottura. In questo modo i sapori fanno in tempo a stabilizzarsi e la carne, una volta cotta, risulterà più gradevole al palato.

Un altro trucco consiste nell’impiegare una padella di ghisa antiaderente e con il fondo spesso. Ciò consente di realizzare una cottura uniforme in ogni suo punto. Infine è importante non muovere troppo l’agnello, ma è bene lasciarlo cuocere per qualche minuto su ogni lato per formare una crosticina dorata e croccante, che aggiunge sapore e texture. Mi raccomando, non usate forchette o utensili che possono bucare la carne, preferite piuttosto delle pinze per girarla delicatamente.

Come aromatizzare le costolette di agnello?

Le costolette di agnello in salsa di lamponi sono buone così come si trovano, d’altronde vanno incontro a un’abbondante marinatura. Tuttavia, meritano comunque di essere aromatizzate. La ricetta prevede giusto un po’ di erba cipollina, che richiama alle note aromatiche della cipolla, ma si caratterizza per una certa delicatezza e per la capacità di rispettare la specificità della carne di agnello.

In alternativa, o anche in aggiunta, potete aggiungere un po’ di timo. Si tratta di un’erba aromatica particolare, in quanto è pungente, leggermente amara e capace anche di conferire una certa freschezza. Le varietà più comuni di timo esprimono anche note che richiamano al succo di limone.

FAQ sulle costolette di agnello

Come si possono cucinare le costolette di agnello?

Le costolette di agnello si possono cucinare alla brace, in padella (come in questo caso) e al forno. In ogni caso è bene far precedere la cottura con una marinatura più o meno abbondante e lunga, in modo da insaporire le carni, renderle più morbide e privarle dei sentori più pesanti.

Cosa si mangia dell’agnello?

Dell’agnello si consumano principalmente le parti muscolari come le costolette, la spalla, la coscia, e il carré. Anche le frattaglie (come il fegato, il cuore e i reni) sono molto apprezzate in diverse cucine regionali, in particolare in quella toscana.

Quante calorie hanno le costolette di agnello?

Le costolette di agnello viaggiano sulle 160 kcal per 100 grammi. Ovviamente va considerato anche il condimento e la marinatura, che possono aumentare sensibilmente l’apporto calorico.

Quanto costano le costolette di agnello?

Le costolette di agnello sono considerate come un taglio mediamente pregiato, dunque costano sulle 20-30 euro al kg.

Ricette costolette di agnello ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...