Involtini di peperoni ripieni : una carica di vitamine

Involtini di peperoni ripieni
Commenti: 0 - Stampa

Con gli involtini di peperoni ripieni porti in tavola l’allegria! Ammettiamolo, a volte si sente proprio l’esigenza di preparare piatti originali, frutto di allegria e creatività.

Lo sanno bene alcuni mariti che, spesso, pur di non trovarsi dinanzi al solito piatto, decidono loro stessi di imbattersi nella preparazione di qualcosa di originale e … se possibile semplice.

Per tutti coloro che vogliano portare allegria  e colore sulle loro tavole ecco un piatto davvero chic, straordinario anche nel gusto, oltre che nella preparazione: gli involtini di peperoni farciti.

Ottobre: mese per eccellenza dei peperoni

Gli involtini di peperoni farciti possono essere facilmente preparati, anche in ragione della semplicità con la quale oggi in commercio sono reperibili i relativi ingredienti: peperoni appunto, olive nere, qualche acciuga, pochi capperi, tutto qui.

Ne consegue che, coloro che vogliano dedicarsi alla preparazione, non dovranno perdere troppo tempo tra gli scaffali dei supermercati.

Il mercato oggi ci offre frutta e verdura in ogni stagione, senza un vero e proprio discrimine legato alle condizioni atmosferiche, ma è bene sapere che il boom della produzione di peperoni in campo aperto è ottobre. Vantaggiosa informazione per coloro che intendano acquistarne buone quantità a prezzi più contenuti rispetto a quelli proposti nel resto dell’anno.

Anche la preparazione di questi involtini di peperoni farciti ha davvero dell’incredibile: non è richiesta l’accensione del forno -tanto temuta nelle giornate più umide o calde- con il relativo connesso risparmio di energia elettrica … oltre che fisica!

Involtini di peperoni ripieni

Peperoni: fonte naturale di vitamina C

Ed andiamo a verificare le proprietà nutritive di questo favoloso e coloratissimo piatto: i peperoni per loro natura rappresentano una fonte naturale di vitamina C, questa è la prima più grande caratteristica nutritiva di questo ortaggio.

Stupirà senz’altro sapere che i peperoni gialli hanno una concentrazione di vitamina C pari a 184 mg per ogni 100 g, una quantità questa addirittura corrispondente a tre volte quella contenuta nel succo dell’arancia.

Ne consegue che il loro consumo è indicato in ogni stagione, specie in quella autunnale, nella quale il nostro organismo dovrebbe fare il pieno di vitamine per meglio predisporsi ad affrontare i rigori dell’inverno.

Non è da sottovalutare anche il valore nutritivo apportato da capperi ed olive nere che, con la loro buona dose di vitamine del gruppo B, proteggono il nostro sistema nervoso centrale.

Involtini di peperoni e mozzarella: una vera prelibatezza

Gli involtini di peperoni e mozzarella sono una ricetta semplice e piuttosto veloce. Una di quelle preparazioni che proponiamo nelle cene con amici perché possiamo cucinarle in anticipo e scaldarle leggermente prima del servizio (così da non dover passare in cucina la maggior parte della serata!). Il sapore semplice ed essenziale di questi involtini fa sì che vengano apprezzati da tutti, bambini inclusi. La panatura abbraccia alla perfezione peperoni e mozzarella, esaltandone il sapore e conservando tutti i succhi al suo interno. Insomma, una delizia semplice ma d’effetto che sa proporsi come antipasto o come secondo, nutrendo senza appesantire troppo.

Tra le carrellate di un antipasto di terra, questi involtini di peperone e mozzarella sanno mostrarsi come veri protagonisti, magari affiancati ad una selezione di involtini assortiti. Divertenti ancora di più, se presentati come spiedini, questi involtini possono essere assaporati al loro meglio quando sono tiepidi, né troppo caldi né troppo freddi. Per questa ragione, dopo la cottura in forno, è consigliabile lasciarli raffreddare almeno 10 minuti prima di essere serviti a tavola.

Peperoni e porri in insalata

Involtini di peperoni ripieni : Bocconcini personalizzabili a seconda del gusto

Nei nostri involtini di peperoni e mozzarella abbiamo deciso di non appesantire il sapore con troppi ingredienti. Giusto un po’ di sale, pepe e capperi, per ravvivare il gusto di questa ricetta.  Pur facendo questa doverosa premessa, resta un dato di fatto che con gli involtini ci si può sbizzarrire, piegando questa idea base ai nostri gusti personali. Per stuzzicare la fantasia, vi suggeriamo che al posto della mozzarella potreste utilizzare, magari, della scamorza affumicata. Prezzemolo, basilico, acciughe o salsa di pomodoro si conciliano molto bene con i peperoni e possono quindi, volendo, essere aggiunti per un sapore in più.

Preferireste un ripieno più cremoso? Potreste anche immaginare una farcitura con un formaggio spalmabile fresco e senza lattosio. Altrettanta libertà potremmo dare alla modalità di preparazione. Nel nostro caso suggeriamo una scottatura dei peperoni in acqua bollente, ma potremmo anche ammorbidirli direttamente nel forno, spellarli e poi farcirli.

Questi involtini di peperoni e mozzarella ci piacciono così tanto che ogni occasione è quella giusta per proporli. Gratinati lievemente al forno, sono sempre pronti per essere serviti ed ogni occasione è per noi quella giusta.

Come antipasto, come secondo o volendo anche come contorno, sanno sempre come farsi apprezzare, assaggio dopo assaggio. 

Ed ecco la ricetta degli involtini di peperone e mozzarella:

 Ingredienti per 4 persone:

  • 2 peperoni grossi (di colori diversi)
  • 300 gr. di mozzarella Accadi
  • 4 cucchiai di pangrattato consentito
  • 2 cucchiai di capperi
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Lavate i peperoni e tamponateli per asciugarli. Tagliateli dunque a metà, eliminando semi e filamenti bianchi. Tagliate i peperoni in falde di circa 4 cm e mettetele a bollire in acqua bollente, lievemente salata per circa 5 minuti. Dopo la cottura, adagiate le falde di peperoni su della carta da cucina così a asciugarle. Tagliate la mozzarella e fettine ed adagiatene una su ogni falda di peperone, insaporendo con qualche cappero o dell’origano fresco. Arrotolate i peperoni e componete degli involtini infilzandoli con degli stecchini in legno.

Prendete una pirofila ed ungetela con dell’olio. Cospargete un paio di cucchiai di pangrattato Adagiate nella pirofila gli spiedini, posizionandoli l’uno accanto all’altro e spolverandoli poi con dell’altro pangrattato. Bagnate gli spiedini con dell’olio e cuocete in un forno pre-riscaldato a 200° per circa 20 minuti. Una volta sfornati, lasciateli raffreddare per circa 10 minuti prima di servirli a tavola.

5/5 (423 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un piatto tra i più conosciuti ed apprezzati. E’...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-10-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti