Yemista, i peperoni ripieni alla greca

yemista
Stampa

Cosa sono gli yemista?

Il nome yemista sicuramente non vi dirà niente, infatti è un piatto tipico greco, per quanto – almeno esternamente – possa ricordare una nostra vecchia conoscenza “gastronomica”. Gli yemista sono in effetti dei peperoni ripieni, ma diversi rispetto a quelli tipici del sud Italia. Se nei “nostri” il ripieno è formato da un composto a base di pangrattato, negli yemista il ripieno è un risotto. Nello specifico un risotto al pomodoro molto semplice, basta tostare il riso con un soffritto di cipolle, poi si aggiunge la polpa di pomodoro, il brodo e si porta a cottura. Niente di più facile.

Un altro elemento tipico degli yemista, almeno rispetto ai nostri peperoni ripieni, è la presenza di un contorno, ovvero di patate che vengono cotte al forno con i peperoni. La presenza delle patate è tutt’altro che superflua, in primis perché gli yemista sono un po’ più leggeri dei nostri peperoni ripieni, secondariamente perché concorre a formare una resa visiva davvero gradevole, una sinfonia di colori accesi in cui il giallo è valorizzato dal rosso. Pur non essendo assolutamente complicati da preparare, gli yemista richiedono un po’ di tempo, tra la preparazione del risotto e la cottura si sfiorano i sessanta minuti. Poco male visto il risultato davvero spettacolare!

Quali patate scegliere per gli yemista?

Quando ci si ritrova a dover utilizzare le patate per una ricetta, soprattutto se si tratta degli yemista, ecco che emerge un dubbio: quali patate dovrei scegliere? Dubbio più che legittimo, dal momento che, in effetti, di varietà ce ne sono tante, e ciascuna è indicata per un uso specifico. La risposta in questo caso è semplice: le patate a pasta gialla. Questa tipologia di patate è particolarmente indicata per la cottura al forno in quanto riesce a sopportare in maniera egregia le alte temperature per un tempo prolungato, senza disfarsi o ammorbidirsi eccessivamente. Tra l’altro, le patate a pasta gialla sono quelle più consumate e diffuse.

yemista

Ovviamente la ricetta può dirsi rispettata anche nel caso in cui si opta per altre varietà di patate, per esempio quelle bianche che sono, però, tendenzialmente più farinose e tendono maggiormente a scuocersi. A prescindere dalla varietà, le patate sono alimenti più salutari di quanto si possa pensare. Il luogo comune secondo cui sarebbero grasse è in realtà un pregiudizio, probabilmente derivato dall’abitudine a scegliere metodi di cottura ricchi di grassi aggiunti (come la frittura). In realtà le patate di grassi ne hanno davvero pochissimi, in compenso sono ricche di vitamine e di sali minerali. Anche l’apporto calorico è inferiore a quanto si possa pensare: 80 kcal per 100 grammi di patate.

I peperoni e il loro valore nutrizionale

E’ ovvio, l’ingrediente principale degli yemista sono i peperoni. Sono degli alimenti preziosi, ingiustamente oggetto di pregiudizi, che possono offrire molto in termini di gusto e nutrizionali. L’immaginario collettivo attribuisce loro una scarsa digeribilità. In realtà essa è dovuta esclusivamente al metodo di cottura, che spesso e volentieri corrisponde alla frittura. In questo caso i peperoni vengono cotti al forno, che è un metodo decisamente più sano e leggero. Ad ogni modo, i peperoni sono anche piuttosto dietetici: 100 grammi di alimento apportano solo 22 kcal. I grassi, poi, rappresentano solo lo 0,3%.

In compenso sono ricchi di vitamine e sali minerali, il riferimento è alla vitamina C, che tra le altre cose contribuisce al rafforzamento del sistema immunitario, e alla vitamina A, che come tutti sanno fa bene alla vista. Notevoli poi sono le concentrazioni di potassio, calcio e fosforo. I peperoni, inoltre, contengono molti antiossidanti, i quali impattano positivamente sull’apparato cardiovascolare, supportano i meccanismi di rigenerazione cellulare e combattono gli effetti dei radicali liberi contribuendo a prevenire il cancro. In questa ricetta vengono semplicemente privati della calotta, riempiti con il risotto al pomodoro e cotti al forno insieme alle patate. Dovrebbero bastare meno di 60 minuti, ma ovviamente dipende dal tipo di peperone e dal grado di maturazione.

Ecco la ricetta degli yemista:

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 600 gr. di patate,
  • 250 gr. di riso,
  • 6 peperoni,
  • 100 gr. di polpa di pomodoro,
  • 1 cipolla,
  • un ciuffetto di aneto,
  • ½ lt. di brodo vegetale,
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco,
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione degli yemista iniziate sbucciando la cipolla e tritandola finemente, poi soffriggetela in 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva. A questo punto aggiungete il riso, tostatelo per un minuto, poi mettete la polpa di pomodoro, un po’ di sale e proseguite con la cottura integrando il brodo vegetale un po’ per volta.

Ora sbucciate la patate, tagliatele a pezzi e sbollentatele in acqua salata con un cucchiaio di aceto di vino bianco. Infine aggiungete l’aneto per fare aromatizzare il tutto e lasciate raffreddare.

Nel frattempo occupatevi dei peperoni, togliete la calotta, i semi e riempiteli con il riso già raffreddato. Adagiate i peperoni ripieni in una teglia, unite a mo’ di contorno le patate e condite con un po’ di olio d’oliva. Infine cuocete al forno per 30 minuti a 200 gradi. Servite il piatto caldo e buon appetito!

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti