Hamburger e peperoni, un abbinamento eccezionale

Hamburger e peperoni
Commenti: 0 - Stampa

Hamburger e peperoni, un secondo piatto semplice ma davvero squisito. Amo i peperoni, ho sentito l’esigenza di preparare questa ricetta rapidissima e deliziosa. Tant’è che quando l’ho proposta i piatti sono stati “spazzolati”  in un attimo.

Uno dei punti di forza di questa pietanza è il fatto che servono pochissimi ingredienti. Solo l’essenziale, senza fronzoli. Sono sufficienti degli ottimi hamburger di chianina, dei peperoni e 2 spicchi d’aglio. In questo caso ho optato per una buona chianina, ideale per gli hamburger. Tutti sanno che questa tipologia di carne, derivata attraverso una razza bovina autoctona dell’Italia centrale, sta conoscendo una fase di grande notorietà anche all’estero.

Notevole l’esportazione in Asia, Cina, Russia, Canada, Stati Uniti, Brasile e Australia non solo della carne lavorata ma dei capi di bestiame. I quali vengono macellati “in purezza” per così dire oppure incrociati con bovini autoctoni. Eppure al tempo dei romani e degli etruschi la mucca originaria della Val di Chiana veniva utilizzata come razza da lavoro. L’uso alimentare è subentrato solo in un secondo momento, dando inizio a una tradizione che ha radici profonde nel territorio della Toscana. L’abbinamento tra hamburger e peperoni esalta ancora di più le qualità della chianina. La morbidezza e la sapidità ben si sposa con il retrogusto di uno degli ortaggi più gustosi della nostra cucina.

Hamburger e peperoni

Hamburger e peperoni: i vantaggi dell’ortaggio saporito

I peperoni possono essere rossi, gialli e verdi, ma sono in ogni caso squisiti. Originari dell’America, poi importati come tante specialità sconosciute in Europa, sono ricchi di vitamina C e di antiossidanti. Nono solo. Oltre alle vitamine, sono presenti parecchi sali minerali. Soprattutto potassio, quindi calcio, magnesio e ferro. I peperoni sono degli autentici protagonisti della cucina italiana. Amati da Nord a Sud. Per esempio sono parte integrante della mitica bagna cauda piemontese, simbolo sabaudo che racchiude un mix interessante di sapori. Scendendo lo stivale troviamo la peperonata, tipica delle regioni meridionali. In quest’ultimo caso i peperoni sono gli attori principali della pietanza. Ma anche quando svolgono il ruolo del “contorno”, come nel caso dell’hamburger, il risultato è eccelso sotto tutti i punti di vista.

Ingredienti per 4 persone

  • 6 hamburger di Chianina
  • 3 peperoni rossi e gialli
  • 2 spicchi aglio
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale pepe (omettere per gli intolleranti al nichel)

Preparazione

Arrostite per una decina di minuti, in forno, i peperoni; toglieteli dal forno, lasciateli raffreddare un poco ed eliminate la pellicina bruciacchiata strofinandoli con un panno umido. Togliete i semi e i filamenti interni e tagliateli a strisce.

Passate brevemente in padella queste striscioline con un poco di olio e due spicchi di aglio affettati (oppure interi e schiacciati, che poi toglierete). Intanto, fate cuocere i quattro hamburger sulla griglia.

Al termine della cottura, disponeteli su un piatto caldo, spruzzateli con qualche pizzico di sale, copriteli con le striscioline di peperone e il loro sughetto.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Triglie alla livornese

Triglie alla livornese, un secondo davvero squisito

Triglie alla livornese, una secondo di pesce davvero unico Come suggerisce il nome, le triglie alla livornese sono un piatto tipico della città di Livorno, che vanta una grande tradizione per...

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Le Coquilles Saint Jacques per deliziare il palato

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-01-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti