bg header
logo_print

Cheesecake al vov con amarene: un dessert facile e sublime

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

cheesecake con amarene
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.8/5 (4 Recensioni)

Cheesecake al Vov con amarene: un capolavoro di gusto e colore

Esistono piatti che trascendono la semplice esperienza gustativa per diventare opere d’arte culinarie, capaci di affascinare sia il palato che la vista. La cheesecake al Vov con amarene è una di queste creazioni, un dessert che si distingue per l’armonia di sapori e la vivacità di colori, offrendo un’esperienza sensoriale unica.

La cheesecake, con le sue radici antiche e la sua evoluzione moderna, si presta a infinite variazioni. Tuttavia, l’aggiunta del Vov, un liquore dolce e avvolgente a base di tuorlo d’uovo, insieme all’acidità contrastante delle amarene, eleva questo dolce al cucchiaio ad un livello superiore. Questa combinazione non solo arricchisce il dessert con una texture cremosa e un sapore profondo, ma aggiunge anche un tocco di novità che sorprenderà e delizierà.

Il contrasto cromatico tra la base cremosa della cheesecake e il rosso intenso delle amarene rende questo dolce un vero piacere per gli occhi, tanto quanto lo è per il palato. L’aroma invitante del Vov si fonde con la dolcezza delle amarene, creando un profumo che invita immediatamente alla degustazione.

Ricetta cheesecake al vov

Preparazione cheesecake al vov

  • Tritate i biscotti con lo zucchero di canna ed il cacao, poi aggiungete il burro fuso.
  • Sistemate la base di biscotti, aiutandovi con un cucchiaio, sul fondo dei barattoli e lasciate raffreddare in frigo 10 minuti circa.
  • Montate la panna fresca, poi lavorate il mascarpone con il formaggio, con lo zucchero e con il VOV.
  • Aggiungere la panna montata con l’aiuto di una spatola e con una sac à poche riempite i barattoli fino al bordo.
  • Decorate con amarene sciroppate e con Digestive sbriciolati e mettete in frigo almeno 1 ora prima di servire.

Ingredienti cheesecake al vov

  • 250 gr. di mascarpone senza lattosio
  • 100 gr. di formaggio cremoso consentito
  • 100 gr. di zucchero a velo consentito
  • 2 bicchierini di VOV
  • 100 gr. di panna fresca di latte senza lattosio
  • 4 cucchiai di amarene
  • 80 gr. di biscotti digestive consentiti
  • 40 gr. di burro chiarificato
  • 1 cucchiaio di cacao
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna

Creazione e presentazione della cheesecake al Vov con amarene

La preparazione della cheesecake al Vov con amarene è un’esperienza piacevole e gratificante, che permette anche ai meno esperti di cimentarsi con successo nella pasticceria. La base croccante, il ripieno morbido e la guarnizione di amarene sciroppate si combinano in un equilibrio perfetto di texture e sapori.

Servire questo dessert è l’occasione per dimostrare non solo abilità culinarie ma anche senso estetico, decorandolo in modo tale da esaltarne i colori e la ricchezza. È il dessert ideale per concludere una cena speciale, celebrare un’occasione o semplicemente per regalarsi un momento di puro piacere.

La cheesecake al Vov con amarene è più di un semplice dessert, è una dichiarazione d’amore per i sapori ricchi e le bellezze visive che la cucina può offrire. Invitiamo tutti a provare questa ricetta, a lasciarsi sorprendere dalle sue note gustative e a condividere con noi l’esperienza di un dessert che è davvero un capolavoro di gusto e colore.

Cheesecake al Vov con amarene nel barattolo

Cheesecake al Vov con amarene: un dolce alternativo

La presenza del formaggio nella cheesecake al Vov, e nei dolci in generale, rappresenta una delle più grandi conquiste in campo culinario. In tutta Europa è diffuso in maniera capillare l’utilizzo del formaggio come ingrediente principe di moltissime preparazioni, sia dolci che salate.

La decalcificazione ossea è, uno dei più comuni problemi nella popolazione over 60.Ebbene, consumare una delizia che sia al contempo in grado di arrecare un valido apporto di calcio non rappresenta certo un sacrificio. E se a questo, va ad aggiungersi il prezioso contributo delle amarene, note sin dall’antichità per le loro proprietà terapeutiche, i benefici si fanno ancora più notevoli.

Le amarene non a caso hanno da sempre costellato le ricette dei più gustosi dolci che la cucina italiana abbia mai generato: crostate, marmellate, biscottini ripieni ed anche cheesecake. Una presenza così costante non è certo casuale, infatti il loro sapore agro-dolce è in grado di conferire quel tocco in più che si rivela magico in cucina.

Ma non è solo questa, sia pur nobile, causa a giustificare una presenza così assidua: le amarene rappresentano infatti una validissima fonte di antociani, sostanze antiossidanti che si rivelano lodevolmente in grado di contrastare l’invecchiamento cellulare. Le amarene sono inoltre in grado di regolarizzare l’attività del sistema cardiovascolare ed agire in contrasto con tossine e scorie presenti nel nostro organismo.

Il dolcetto perfetto per un gustoso dopocena

Nessuno mai potrebbe pensare che un dolce così squisito possa altresì conciliare il sonno. In effetti le amarene contengono melatonina, sostanza naturale in grado di favorire il riposo notturno, in particolare per quanto attiene alla sua durata: questa sua caratteristica ne fa uno dei frutti più ricercati, non solo dai bambini, che in esse ravvisano dei frutti simpatici e singolari, e per di più gustosissimi, ma anche dagli adulti.

Ma, a ben vedere, non sono solo le amarene a conferire a questo dolcetto queste singolari proprietà: il VOV, la deliziosa crema di liquore all’uovo, delicatissima e semplice anche da fare in casa, consente di vivere delle notti più tranquille, cosa che, di questi tempi caratterizzati da ansia e stress, è più che auspicabile, specie negli anziani ai quali, purtroppo, spesso l’insonnia è associata a dolori cronici e problemi cognitivi.

Cheesecake al Vov, una ricetta che rompe gli schemi

Lo avrete già capito, la cheesecake al Vov che vi presento qui non è affatto una cheesecake qualsiasi. Sono tanti gli elementi di rottura rispetto alle varianti più comuni. Tanto per cominciare è un dolce monodose che viene servito nei bicchieri. In secondo luogo la base è realizzata con i biscotti digestive e con il burro, ma vanta anche il contributo dello zucchero. E’ quindi un dessert più dolce, aromatico e in qualche modo più stuzzicante.

Ma l’elemento più dirompente è il Vov. Ma cos’è di preciso? Si tratta di un liquore dal carattere casalingo (ma ben commercializzato) a base di zabaione. E’ originario del Veneto ed ha goduto di un momento di popolarità a cavallo tra le due guerre. Oggi è considerato una sciccheria, ossia un prodotto che richiama ai tempi remoti e che può essere impiegato per le ricette gourmet dal tocco più vintage.

In questa ricetta il Vov va aggiunto al mascarpone, alla panna e al formaggio, dunque fa parte integrante della farcitura della cheesecake.

Una cheesecake a prova di intolleranze

Di base questa cheesecake al Vov è off limits per i celiaci e per gli intolleranti al lattosio. I celiaci hanno problemi con la base, che è realizzata con i biscotti, mentre gli intolleranti al lattosio devono stare attenti ai derivati del latte impiegati per la farcitura. Per fortuna è sufficiente operare le giuste sostituzioni per rendere la ricetta sicura.

Per quanto concerne i celiaci possono utilizzare dei biscotti con farina senza glutine, ne trovate in abbondanza nei supermercati. A tal proposito vi consiglio farine tendenti al rustico ma tutto sommato delicate, come la farina di grano saraceno, la farina di riso e di mais.

Gli intolleranti al lattosio, invece, dovrebbero utilizzare panna e formaggio spalmabile delattosati. Se il prodotto è di qualità la differenza con l’originale nemmeno si sente, si avvertirà solo una lieve nota dolce.

FAQ sulla cheesecake al Vov

Quale formaggio spalmabile si usa per la cheesecake?

In genere si usa un formaggio spalmabile tipo “philadelphia”, ossia un formaggio gustoso ma non sapido. Se soffrite di intolleranza al lattosio utilizzate una versione delattosata, in genere la differenza in termini di gusto con il prodotto originale è impercettibile.

Quanti giorni si può tenere la cheesecake in frigo?

La cheesecake si conserva in frigo per circa 4 giorni, a patto di porla nei ripiani più bassi, dove la temperatura è un po’ più rigida. Non bisogna dimenticare, infatti, che se si esclude la base in biscotti, nessuno degli ingredienti è cotto, dunque è a rischio di deperimento rapido.

Che teglia ci vuole per la cheesecake?

La teglia migliore per la cheesecake è quella a cerniera o ad anello, che permette di sformare la cheesecake senza romperla o sgualcirla.

Come addensare la crema della cheesecake?

In genere la cheesecake si addensa con la gelatina. Si immerge la gelatina in acqua per reidratarla, poi la si scioglie in un pentolino insieme a un po’ di panna e si integra nella farcitura. Esistono comunque soluzioni alternative e più facili da adottare, come l’agar agar.

Con cosa sostituire il burro per la base della cheesecake?

Per sostituire il burro per la base della cheesecake si possono utilizzare degli olii particolarmente pastosi, come quello di cocco e di palma. Anche la margarina è un’alternativa valida, infatti viene apprezzata per il suo sapore neutro.

Ricette dolci per Carnevale ne abbiamo? Certo che si!

4.8/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta fredda ai biscotti

Torta fredda ai biscotti: a metà tra torta...

Una base che ricorda le cheesecake Tra i punti di forza di questa torta fredda ai biscotti c’è la capacità di attingere a piene mani dalla tradizione. Lo si nota dalla base, che riprende quella...

Granita al tamarindo

Granita al tamarindo, la ricetta ottima per la...

Un focus sul tamarindo Il tamarindo, usato per preparare questa deliziosa granita, è un frutto esotico originario delle zone tropicali dell’Africa Orientale e dell’Asia. Dalle nostre parti non...

Torta di anguria

Torta di anguria, un dessert alla frutta fresco...

Un dessert ricco di frutta Più che una torta di anguria questa è una torta di frutta, infatti oltre all’anguria troviamo frutti esotici come l'ananas e il kiwi, che spiccano per le tonalità...