Ravioli di castagne con speck e pinoli , piatto gustoso

Ravioli di castagne con speck e pinoli
Commenti: 0 - Stampa

Avete voglia di provare una ricetta un po’ insolita? E allora vi propongo questi gustosissimi  ravioli di castagne con speck e pinoli.

Si avete letto bene: ravioli di castagne; l’idea più comune è che le castagne si consumino arrosto,  candite, oppure lessate da mangiare così o per la preparazione di qualche dolce o al massimo utilizzate per la preparazione della farcitura del cappone o del tacchino durante le festività natalizie, ma non è così!!!

Sono molto versatili, sia mangiandole fresche, bollite o arrostite ma si fanno anche seccare e per trasformarle in farina oppure secche si  utilizzano, dopo averle ammollate in acqua, per la preparazione di  minestre, di risotti ecc…

Ma c’è molto di più perché dal punto di vista nutrizionale, le castagne,per la quantità elevata di carboidrati che contengono,sono  paragonabili ad un cereale con il vantaggio che, non contenendo il glutine, sono consumabili da chi è affetto da celiachia;  la presenza di zuccheri, lo rende, invece, un alimento alternativo per chi soffre di intolleranza al lattosio.

Grazie all’ alta percentuale di amidi, il discreto contenuto di grassi, di  proteine, di sali minerali (tra cui  potassio, fosforo, zolfo, magnesio, calcio, ferro), di oligoelementi, e di vitamine (C, B1, B2 e PP) che contengono le castagne, sono considerate un alimento di elevata qualità e di ottima digeribilità; i loro zuccheri complessi (i carboidrati) infatti risultano essere più digeribili di quelli dei cereali;  la presenza del  sodio, poi è utile alla digestione.

Ravioli di castagne con speck e pinoli

Ravioli di castagne con speck e pinoli per pranzo

Molto energetiche sono  indicate in casi di anemia e inappetenza. Per all’abbondante  contenuto di fibre le castagne sono molto utili per la funzionalità dell’intestino e, inoltre,  la presenza dello zolfo, che  è un antisettico  e un disinfettante, aiuta a combattere le affezioni epatobiliari, le malattie renali, e le affezioni alle ossa.

Il magnesio  in esse contenute  aiuta a combattere le alterazioni nervose, infatti agisce sulla rigenerazione dei nervi,mentre  il fosforo collabora alla costituzione del tessuto nervoso.

Il potassio è anch’ esso presente ed è utile nelle affezioni muscolari, Comunque essendo le castagne  ricche di minerali sono molto indicate per chi è affetto da stanchezza cronica, per chi è convalescente e sono adatte per i bambini le persone anziane.

Per la preparazione di questi ravioli ho utilizzato per la pasta sia la farina di castagne che la farina di grano, mentre per il ripieno ho utilizzato oltre che una purea di castagne,l’uovo e il mascarpone.

Ma a proposito di mascarpone, forse  non tutti sanno che si tratta di un antico formaggio dall’aspetto di una crema morbida, consistente, di colore bianco-giallo chiaro, con sapore molto dolce che si produce nelle zone di Lodi e di Abbiategrasso il cui nome deriva dalla parola “Mascherpa” che in dialetto lombardo vuol dire “crema di latte”.

Ma adesso mettiamoci all’opera e… Buon Appetito!!!

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr. di ravioli di castagne

per il ripieno

  • 200 gr. di castagne lessate
  • 250 gr. di mascarpone Accadi
  • 1 tuorlo d’uovo
  • sale

per il condimento

  • 80 gr. di burro chiarificato
  • 100 gr. di speck
  • 30 gr. di pinoli di cedro (facoltativo)
  • parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato

Preparazione

Tritate grossolanamente le castagne lesse, unite il mascarpone, un tuorlo d’uovo e un pizzico di sale e amalgamate il tutto. Mettete in frigorifero per un’oretta.

Fate una fontana con le due farine, al centro mettete un uovo intero e un tuorlo, impastate, formate una palla, copritela con della pellicola e asciate riposare per mezz’ora

Trascorso il tempo necessario tirate con il matterello la pasta in due sfoglie sottili; sulla prima collocate con un cucchiaino, alla distanza di 2 centimetri l’una dall’altra, tante piccole pallottoline dell’impasto preparato, grosse come una nocciola, avendo cura di sistemarle bene in fila per rendere più facile l’operazione di divisione. Ricoprite ora con l’altra sfoglia e pigiate bene con le dita intorno al ripieno in modo da far bene aderire tra loro le due sfoglie (se la pasta è fresca ciò avverrà immediatamente, se invece la pasta fosse già un po’ secca sarà bene inumidire leggermente la sfoglia sottostante con una pennello intinto in poca acqua e senz’altro la sigillatura sarà garantita). Ritagliate ora la pasta contenente le pallottoline di ripieno mediante una rotella dentellata suddividendo i ravioli leggermente infarinati ben distesi sul tavolo.

In un tegame antiaderente fate rosolare senza alcun condimento lo speck tagliato a fiammiferi, unite i pinoli e lasciateli leggermente tostare.

In una pentola con abbondante acqua lessate al dente i ravioli, conditeli con il burro cotto a color nocciola e con il parmigiano e versatevi sopra l’intingolo di speck e pinoli.

i pinoli di cedro a differenza dei pinoli tradizionali hanno un basso contenuto di nichel

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta a strati della Befana

Torta a strati della Befana con caramelle

Auguriamoci buone feste con la torta a strati della befana! Questa torta a strati della befana è una meravigliosa ondata di zuccheri ed allegria. Già a vederla si scatena l’acquolina in bocca,...

Strudel della befana

Strudel della befana, quando la calza si fa...

Strudel della befana, un’idea simpatica per grandi e piccini Lo strudel della befana è un’idea creativa per festeggiare l’Epifania. E’ una pietanza riservata ai piccini, ovviamente, ma può...

Panna cotta con cardamomo e pere

Panna cotta con cardamomo e pere, un dolce...

Panna cotta con cardamomo, pere e cannella, un ottimo dessert La panna cotta con cardamomo, pere e cannella non è una panna cotta come le altre. Lo potete notare dalla foto, che rivela un impatto...

Casetta di pan di zenzero

Casetta di pan di zenzero, un dolcetto quasi...

Casetta di pan di zenzero, un dolce per la Befana La casetta di pan di zenzero è un dolce davvero particolare. Per capirlo è sufficiente dare un’occhiata alla foto: si tratta, infatti, di una...

Cheesecake alla melagrana

Cheesecake alla melagrana, gusto e colore a tavola

Cheesecake alla melagrana, una rivisitazione del classico dolce anglosassone La cheesecake alla melagrana è una variante leggermente diversa della classica cheesecake, dolce di origine anglosassone...

Hamburger di zampone

Hamburger di zampone, Capodanno in stile street food

Hamburger di zampone, un’idea simpatica L'hamburger di zampone è un idea sfiziosa per un capodanno diverso dal solito. Potrebbe essere considerato come un piatto capace di coniugare la tradizione...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-01-2014
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti