Insalata svizzera…un pieno di calcio e fosforo!

Insalata svizzera
Commenti: 0 - Stampa

Volete preparare l’insalata svizzera? Eccovi accontentati!

Forse l’avete già assaggiata o magari siete molto curiosi e vorreste assaporarla al più presto… Qualunque sia il vostro caso, non avete tutti i torti: l’insalata svizzera è davvero deliziosa! Ma di cosa si tratta esattamente? Partiamo dall’inizio… Quando si parla di Svizzera, ci vengono subito in mente i formaggi, non è vero? Infatti, quella di oggi è una ricetta a base di Emmenthal, accompagnato da carote, cipolla rossa di Tropea e uova sode, il tutto condito con olio, succo di limone, pepe macinato sul momento e sale.

In pratica, abbiamo a che fare con un mix di ingredienti unici, sia da un punto di vista culinario che nutrizionale. Dagli antiossidanti ai minerali, dalle proteine alle fibre, dalle vitamine fino ad arrivare ai numerosi fitonutrienti contenuti negli ingredienti di origine vegetale, abbiamo a che fare con un piatto delizioso sotto ogni punto di vista… ma ecco tante altre buone ragioni per assaporare questa insalata!

Le caratteristiche dell’ingrediente principale

L’Emmenthal è il più conosciuto dei formaggi svizzeri. Oggi viene prodotto in tanti altri luoghi, ma il nome senza altre indicazioni contraddistingue esclusivamente il prodotto svizzero originario della zona dell’Emmenthal. Quello non prodotto in Svizzera deve essere accompagnato invece dal nome del paese di origine.

Io oggi ho usato Emmentaler Switzerland della #Ferrari Formaggi, che seleziona e importa solo il meglio della tradizione casearia svizzera. Infatti, il prodotto che ho scelto per la preparazione dell’insalata svizzera viene prodotto da piccoli caseifici montani, situati a una altitudine media di oltre 700 metri sul livello del mare.

Insalata svizzera

I tipici “buchi” di questo formaggio sono ottenuti grazie a una tecnologia di produzione che consente l’instaurarsi, nel corso della maturazione, di una particolare fermentazione causata da batteri che, oltre a dare il gusto dolce tipico di questo formaggio, producono anidride carbonica che con il suo espandersi darà luogo alle tipiche occhiature. Attenzione però: cavità superiori a 3-4 cm, sono però indice di cattiva maturazione e di sapore scadente.

A tavola con un’ottima insalata svizzera!

Avendo scelto un formaggio molto nutriente, che contiene più vitamine della carne, questa pietanza si presenterà come un deliziosa spinta di energia, pronta per darvi la carica e soddisfare ogni palato.  Anche l’apporto di calcio è notevole: un etto di Emmenthal ci fornisce l’intero fabbisogno giornaliero! Non possiamo sottovalutare neanche le dosi considerevoli di vitamine A e D e del 50% del fabbisogno di fosforo che ci regala questo piatto.

Ricca inoltre di proteine e grassi, l’insalata svizzera che prepareremo si rivelerà perfetta sotto ogni punto di vista. Il suo sapore molto particolare è deciso e al contempo morbido: non essendo piccante, può essere dato ai bambini come sostituto della carne, senza esagerare nelle dosi per l’elevato apporto di grassi.

Oggi ho preparato questa velocissima insalata per tutta la mia tribù, perché proprio voglia di cucinare = zero!

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cespo lattuga
  • 100 gr Emmantaler Switzerland
  • 4 carotine novelle tenere
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 2 uova sode
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. succo di limone
  • q.b. sale e pepe bianco macinato al momento

Preparazione

Lavate la lattuga, asciugatela, spezzettatela e mettetela in un’insalatiera.Raschiate le carote e tagliatele alla julienne, sbucciate la cipolla, tagliatela a rondelle sottili e aggiungete le due verdure  alla lattuga.

Mettete delicatamente le uova in un pentolino con l’ acqua fredda fino a coprirle e un pizzico di sale. Una volta che l’acqua bolle, fatele cuocere per dieci minuti;  scolatele  e metterle immediatamente sotto acqua fredda per fermare la cottura;

Sgusciatele e tagliatele a spicchi, tagliare l’emmenthal a cubetti e uniteli alla lattuga, condite con olio, sale e pepe, mescolate e servite.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cetrioli allo Skyr

Cetrioli allo Skyr, un’insalatona gustosa

Cetrioli allo Skyr, colore e gusto per un’insalata corposa I cetrioli allo Skyr sono un'insalata molto corposa, che si caratterizza per un sapore composito e per la presenza di molti alimenti...

Insalata di fiori ed erbe con Skyr

Insalata di fiori ed erbe con Skyr, un...

Insalata di fiori, un’idea davvero particolare L’insalata di fiori ed erbe con Skyr è un’idea particolare e solo a primo acchito bizzarra, per un contorno fuori dal comune che premia gusto e...

Insalata di spinaci

Insalata di spinaci, un contorno completo

Insalata di spinaci, una particolare selezione di ingredienti Oggi vi presento una particolare variante dell’insalata agli spinaci, una ricetta che si completa con un'emulsione squisita e...

Bowl con avocado e fiocchi di latte

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte,...

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte, una lista creativa di ingredienti La poke bowl con avocado, edamame e fiocchi di latte è un'insalata molto corposa, che spicca per l’abbondanza di colori...

Insalata estiva con uova sode

Insalata estiva con uova sode, un contorno iper-proteico

Insalata estiva con uova sode, un contorno tra il dolce e il salato L’insalata estiva con uova sode è un contorno che spicca in primis per l’impatto visivo. La lista degli ingredienti,...

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti