bg header
logo_print

Petto di pollo in padella alla paprica: una ricetta sfiziosa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

petto di pollo alla paprica
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Petto di pollo alla paprica: una valida soluzione per pranzo

Vi manca un secondo piatto appetitoso per il vostro pranzo della domenica? Che ne pensate di preparare questa ricettina? Avete degli ospiti e non sapete cosa preparare? Potrebbe essere sicuramente un’alternativa valida al solito secondo piatto a base di carne rossa. La ricetta si basa su un condimento fatto da ingredienti piuttosto saporiti, come paprica, yogurt e vino bianco. Inoltre, chi ama mangiare un po’ più piccante può sostituire il pepe nero con il peperoncino.

Si tratta per lo più di una pietanza per il periodo autunnale – invernale, anche se può essere tranquillamente gustato durante la bella stagione. In tal caso, si può portare a tavola ad una temperatura tiepida.

Ricetta petto di pollo in padella

Preparazione petto di pollo in padella

  • Lavate le verdure e tagliatele a dadini. Salate e rosolate il pollo nell’ olio caldo e tenete da parte.
  • Nello stesso tegame con il fondo di cottura, fate appassire trito e la mela a dadini e fate insaporire mescolando per qualche minuto.
  • Spolverizzate con la paprica dolce, mescolate e sfumate con il vino.
  • Poi versate 1 dl. di brodo e fate cuocere per 5 minuti.
  • Unite quindi il pollo messo da parte, lo yogurt e mescolate bene.
  • Servite in tavola spolverizzando con un pizzico di sale.

Ingredienti petto di pollo in padella

  • 650 gr. di petto di pollo
  • misto verdure per soffritto: cipolla sedano e carota
  • 2 mele verdi a dadini
  • mezzo cucchiaio di paprica dolce
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 200 gr. di yogurt consentito
  • 2 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 1 dl. di brodo
  • q. b. di sale

Le interessanti proprietà della carne di pollo

Il petto di pollo è con tutta probabilità la carne più consumata in assoluto, inoltre è molto versatile e può essere fatta in padella o al forno. Oltre alla reperibilità, di gran lunga superiore a quella del manzo e del suino, a incidere è il sapore, che è equilibrato e alla “portata” di tutti i palati, Inoltre, la carne di pollo è caratterizzata da una sostanziale morbidezza e da una digeribilità spiccata. Senza contare il valore nutrizionale, che è davvero elevato. Il riferimento è soprattutto alle proteine, che rappresentano il 20% del totale e spiccano per qualità e digeribilità. L’assenza dei grassi, se si esclude la pelle, è un altro elemento a favore rispetto alle carni rosse. Inoltre, la carne di pollo è ricca di vitamine, sali minerali e contiene discrete dosi di vitamina B5, che aiuta ad alleviare lo stress e supporta le funzioni della ghiandola surrenale.

Il pollo apporta quantità più che discrete di vitamine B2 e B5, che esercitano un impatto positivo sulla salute della cute e sul metabolismo cellulare. Sono, inoltre, alti i livelli di fosforo (quasi al pari del pesce), che agiscono sulle funzionalità cognitive, ma anche su quelle del fegato e dei reni. Discorso simile per il magnesio e il potassio, che tra le altre cose ricoprono una funzione energizzante. A completare il tutto vi è un apporto calorico molto basso, inferiore a quasi tutte le carni attualmente a disposizione, pari a 110 kcal per 100 grammi (pelle esclusa). La carne di pollo si configura, quindi, un alimento da dieta. Anzi, è la carne ideale per chi vuole dimagrire e sostiene regimi alimenti ipocalorici. Da questo punto di vista va preferita alla carne di manzo e di suino. Non sostituisce il pesce, ovviamente, ma coesiste in una prospettiva di dieta equilibrata.

Oggi in tavola petto di pollo alla paprica

Considerate le sue proprietà nutritive,  il petto di pollo in padella alla paprica potrebbe benissimo diventare il vostro pasto principale da gustare nell’arco della settimana, oppure la domenica. I tempi di preparazione variano in media dai 45 ai 60 minuti.

Gli ingredienti utili per realizzare il nostro petto di pollo alla paprica sono tutti facilmente trovabili in qualsiasi periodo dell’anno. Inoltre, avrete modo di preparare questa pietanza per 4 persone senza sostenere molti costi. Pertanto, potete fare bella figura con i vostri ospiti sorprendendoli con gusto, senza fare troppo male al vostro portafogli.

La paprika appartiene alla stessa famiglia del peperoncino, in quanto deriva dalla medesima pianta. Essa è in grado di stimolare la circolazione del sangue, per via della presenza di una sostanza che si chiama capsaicina. Ecco per quale motivo questa spezia può fungere da antidolorifico e antinfiammatorio, riducendo il dolore in caso di reumatismi e problemi muscolari.

La paprica: valori energetici e proprietà benefiche

Sempre grazie a questa sostanza, notte, la paprica stimola il processo digestivo. Fungendo da importante antiossidante contrasta il processo di invecchiamento del nostro organismo e grazie alla presenza della vitamina C rafforza anche il nostro sistema immunitario.

La paprica può essere utilizzata anche come disinfettante antisettico, se si considera l’elevato contenuto di vitamina C, E, K. Sono molto importanti anche le sostanze minerali utili per l’attività del nostro corpo, che rinveniamo in appena 100 grammi di prodotto: selenio, ferro, magnesio, fosforo, potassio e sodio.

Secondo degli studi che sono stati condotti di recente, per concludere, se la paprica viene associata a degli alimenti ad alto contenuto di grassi, tende a ridurre il livello di colesterolo cattivo e aiuta a perdere peso.

Cosa c’entra lo yogurt nel petto di pollo in padella alla paprica?

Il petto di pollo in padella si presta a molte ricette, alcune delle quali propongono soluzioni fuori dal comune. E’ il caso della ricetta che vi presento qui, che vanta il contributo di un alimento insolito per i secondi piatti: lo yogurt. Lo yogurt viene incorporato nella salsina realizzata con il brodo vegetale e la mela allo scopo di conferire una cremosità spiccata al piatto.

Ora la domanda sorge spontanea: quale tipo di yogurt utilizzare per questa ricetta? Il primo pensiero va allo yogurt bianco, che è il più reperibile. In realtà esiste una soluzione più efficace è più facilmente integrabile nelle ricette a base di carne: lo yogurt greco, meglio ancora se è yogurt colato.

Lo yogurt greco si caratterizza per un sapore tutt’altro che dolce, in grado di esprimere note acidule. Allo stesso tempo esalta il gusto di latte, come se fosse un formaggio cremoso. Lo yogurt contribuisce ad aumentare lo spessore nutrizionale del piatto, infatti spicca per l’apporto calorico limitato e per un contenuto di proteine più che soddisfacente. Stesso discorso per il calcio, che è una sostanza molto utile per le ossa.

L’importanza del brodo nel petto di pollo in padella

Come abbiamo visto il brodo gioca un ruolo importante nella ricetta del petto di pollo in padella alla paprica. Nello specifico, funge da supporto alla preparazione della salsina che valorizza il pollo. Si tratta di una salsina che vanta il contributo dello yogurt, della mela e del fondo di cottura della carne.

Alla luce di ciò è bene preparare un brodo perfetto, quindi occorre rinunciare al dado pronto, che pecca per qualità ed equilibrio. Per fortuna preparare un buon brodo vegetale è molto semplice. Basta scegliere con cura gli ingredienti, procedere con un’abbondante lessatura e filtrare il tutto.

Sul sito ho pubblicato la ricetta per un  brodo vegetale genuino e leggero, quindi vi consiglio di consultarla. Ovviamente se soffrite di allergia o sensibilità al nichel, operate le opportune sostituzioni, in quanto quasi tutti gli ingredienti del brodo classico contengono questo allergene.

FAQ sul petto di pollo in padella alla paprica

A cosa fa bene il petto di pollo?

Il petto di pollo fa bene in quanto è poco calorico ed è una delle carni più salutari in assoluto. Contiene pochi grassi e apporta molte proteine, inoltre è ricco di vitamine e sali minerali tipici delle carni rosse. Il pollo è invece povero delle sostanze che rendono le carni rosse potenzialmente dannose.

Che verdura sta bene con il pollo?

Con il pollo stanno bene le verdure più delicate e dal sapore neutro, come le carote e le zucchine.

Che differenza c’è tra il pollo giallo e bianco?

Molti credono che il pollo di colore giallo sia in qualche modo dannoso o, peggio ancora, andato a male. In realtà il colore dipende esclusivamente dall’alimentazione dell’animale. A conferire le tonalità più gialle sono, in particolare il mais e la calendula.

Come assottigliare il petto di pollo?

Per assottigliare il petto di pollo è sufficiente batterlo con un batticarne. Durante questa operazione è bene coprire il pollo con un po’ di carta forno e compiere movimenti secchi, non troppo rapidi e quasi perpendicolari.

Ricette con pollo ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Brandade de Morue à la Nimoise

Brandade de Morue à la Nimoise: lo snack...

Tutto il sapore del baccalà Il protagonista di questa ricetta è il baccalà, che qui viene sottoposto a un trattamento particolare. Tanto per cominciare viene dissalato, ossia viene lasciato in...

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...

Hamburger di verdure grigliate

Hamburger di verdure grigliate, un’alternativa vegetariana

Quali verdure usare per questo tipo di hamburger? L’hamburger di verdure grigliate si basa proprio su questi ultimi ingredienti per dare vita ad un secondo piatto davvero gustoso. Quali verdure è...