La carne: alleata o nemica della nostra salute?

La carne
Commenti: 0 - Stampa

Il consumo di carne mai come ora è diventato un argomento divisivo, sia dal punto di vista scientifico che da quello morale. Evitando demonizzazioni, la soluzione ottimale risiede nell’applicazione della dieta mediterranea.

La carne, soprattutto negli ultimi anni, è diventata un fattore di discordia su molteplici fronti. Molte volte infatti questo alimento è stato demonizzato, sia dal punto di vista scientifico, dove trova il sostegno di numerose ricerche, che da quello morale, dove vegetariani e vegani l’hanno per scelta bandita dalle loro diete.

Prima di tutto è importante saper riconoscere e identificare le possibili tipologie, ovvero la distinzione basilare tra bianca, rossa e nera.

Questa distinzione in base al colore è possibile grazie alla presenza della mioglobina, molecola classificabile tra le proteine e presente nei muscoli animali, il cui compito è quello di immagazzinare ossigeno per far fronte a sforzi muscolari. Più elevato sarà lo sforzo muscolare da affrontare, maggiore sarà la concentrazione di mioglobina con un conseguente colorito più scuro.

In base a questo possiamo dividere la carne come segue:

CARNI BIANCHE Pollo, tacchino, gallina, gallo, galletto, coniglio, vitello, capretto, agnello, cappone
CARNI ROSSE Manzo, cavallo, pecora, capra, bufalo, maiale
CARNI NERE Cinghiale, camoscio, cervo, capriolo, lepre, fagiano, pernice, quaglia, beccaccia, anatra, oca, faraona, piccione

Dalla tabella possiamo notare che vitello, capretto e agnello rientrano nelle carni bianche, mentre una volta adulte passano alle rosse, questo perché la carne dell’animale giovane ha un basso contenuto di mioglobina, che però in fase di invecchiamento aumenta, ed inoltre in tenera età le caratteristiche chimico-fisiche sono più similari a quelle della carne bianca. Il maiale, nonostante il colorito rosato, rientra nelle carni rosse dato l’elevato contenuto di lipidi.

Le carni rosse sono quelle con una quantità più elevata di ferro ed una maggior composizione lipidica. Quelle bianche sono invece più magre ed hanno una quantità proteica più elevata. Unica eccezione è le carni del cappone che, nonostante rientri nelle carni bianche, è decisamente ricca di grassi pertanto sconsigliata in alcune diete.

Le carni nere, come si può notare, comprendono la selvaggina e sono caratterizzate da un basso contenuto di grassi e da una carne più dura. 

Carne e intolleranze: cosa si può e cosa non si può consumare.

Per quanto riguarda le intolleranze alimentari, è un alimento che può essere consumato quasi sempre. Nel caso di intolleranza al glutine, al lattosio  e al nichel può essere sempre consumata poiché naturalmente priva di questi due allergeni. Bisogna fare attenzione solo a insaccati e salumi ed ovviamente alla tipologia di cottura e condimento che possono contaminarla.

Per quanto riguarda l’intolleranza al nichel il solo taglio da evitare è il fegato, bisogna però fare attenzione alle tipologie ed al materiale degli strumenti utilizzati durante la cottura. Nel caso invece dell’intolleranza all’istamina bisogna prestare più attenzione evitando carni lavorate, insaccati, affettati e carne secca. .

Carne sì o carne no?

La carne bianca è decisamente la più salutare, è infatti consigliata nelle diete per il suo basso contenuto di grassi saturi e per l’effetto di sazietà che dà al fisico, inoltre è altamente digeribile ed è un’alleata contro il colesterolo. Ha un elevato contenuto di vitamine del gruppo B e di proteine nobili che la rendono particolarmente adatta al consumo da parte degli sportivi.

La carne rossa contiene una percentuale elevata di sali minerali, quali ferro, potassio e fosforo, di contro però risulta meno digeribile ed ha una quantità elevata di grassi saturi e di sodio, principali responsabili dell’aumento del colesterolo e di malattie cardiovascolari.

Secondo recenti studi è stato dichiarato che un eccessivo consumo di quella rossa possa aumentare la probabilità di contrarre tumori, in particolare quelli di colon-retto e stomaco, ma anche alcuni tumori “ormoni-dipendenti” come quello al seno, prostata ed endometrio. Questi studi hanno inoltre dimostrato che molto più dannosa della carne rossa è quella lavorata, sia rossa che bianca, ovvero insaccati e salumi.

Insomma è sempre valido il detto: Uso e abuso!!

Nel mese di ottobre 2015 la IARC (International Agency for Research on Cancer) ha definito la carne rossa cancerogena al livello 2A (probabilmente cancerogena) mentre quella lavorata è stata classificata al livello 1 (sicuramente cancerogena).

La classificazione non vuole affermare che consumando questo alimento ci si ammalerà di tumore, ma deve essere considerata come un segnale d’allarme cui prestare attenzione, limitandosi ad un consumo coscienzioso una o due volte a settimana. Tabagismo, alcolismo e smog sono fattori ancora più rischiosi per il nostro organismo.

Molte persone leggendo certe informazioni in merito potrebbero pensare di diventar vegetariane, ma questo non esclude con certezza la possibilità di incorrere in certe problematiche.

L’ideale è prendere come modello la dieta mediterranea che, come ben sappiamo, è completa ed equilibrata e prevede il consumo di frutta e verdura senza limitazioni, favorisce cereali non raffinati e spezie in sostituzione del sale e predilige l’assunzione di pesce e carni bianche moderando invece quella di carni rosse.
bastoncini di carne

Piatti pronti per l’uso? No grazie. Preferiamo i bastoncini di carne

I bastoncini di carne rappresentano in assoluto uno dei piatti più amati dai piccini. E’ difficile, forse un po’ per tutti i genitori del mondo, cercare di garantire ai propri figli un’alimentazione sana e genuina, senza però che ciò vada a detrimento del gusto.

Di fatto, i più piccoli, sono attratti solo dal cibo “buono”, dunque, la scelta di conciliare entrambe le esigenze, si rende in qualche modo imperativa. A meno di non volerli “costringere” – cosa che nessuno farebbe mai – a mangiare cose che non desiderano.

Ebbene, il giusto compromesso è senz’altro rappresentato dalla cucina fai da te, tanto cara alle nostre nonne. Negli ultimi anni, si vede in maniera esponenziale al centro della rinnovata dedizione da parte delle donne – e non solo – alla preparazione di piatti il meno possibile preconfezionati.

Bastoncini di carne, la grande novità che spopola in cucina

Accanto alla sempre più generalizzata attitudine ad escludere alcuni prodotti, da medici e salutisti, come insalubri, si fa avanti la volontà di preparare da sé piatti di qualsiasi genere. Alcuni di questi,fino a qualche anno fa, erano retaggio esclusivo dei banconi dei supermercati.

I bastoncini di carne, singolari ed unici nel loro genere, ammettiamolo, non sono graditi ai soli più piccini. Quanti di noi a dei golosi, croccanti bastoncini di carne preferirebbero una “misera” fettina di carne saltata in padella?

Se un piatto di pasta rappresentava un tempo una pietanza che anche la donna meno portata alla cucina era in grado di preparare, oggi la buona volontà ha fatto passi da gigante. Merendine e dolciumi confezionati, cotolette pre-impanate e bastoncini di pesce surgelati hanno lasciato il posto a quelli fatti in casa.

La valida alternativa ai bastoncini di pesce: bastoncini di carne

Preziosa alternativa ai bastoncini di pesce, i bastoncini di carne rappresentano una valida risposta per chi ama la carne, piuttosto che il pesce, appunto. In fondo, quanti di noi hanno iniziato ad apprezzare il pesce solo in età adulta?

I bastoncini di carne, nello specifico, rappresentano un piatto completo, gustoso e genuino, in quanto preparato con ingredienti sani, quali, in primis, la polpa di vitello, la parte più tenera e raccomandata anche per l’alimentazione dei bambini, e poi: cipolla, uova, pangrattato e coriandolo.

Un perfetto mix di nutrienti, quali proteine, ferro e carboidrati. Tutti diversi tra loro e tutti in grado di garantire un apporto alimentare corretto e bilanciato.

Ed ecco la ricetta dei bastoncini di carne:

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di carne macinata di vitello,
  • 2 cucchiai di cipolla tritata,
  • 1 ciuffetto di coriandolo tritato,
  • 1 uova,
  • q.b. pangrattato consentito,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale, pepe

Preparazione

Lavorate la carne macinata con il coriandolo e la cipolla usando una spatolina di legno. Se lavorate a lungo, potete ottenere un composto che non ha bisogno d’essere tenuto insieme con l’uovo. Formate quindi delle palline e poi dei cilindretti schiacciandoli ai lati in modo da dare loro la classica forma dei bastoncini di pesce. Passali nell’uovo e poi nel pangrattato, poi ancora uovo e pangrattato. Quindi mettili a friggere in padella con abbondante olio ben caldo.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza al sorbitolo

Intolleranza al sorbitolo, un problema trascurato

Cos’è l’intolleranza al sorbitolo? Oggi parliamo di intolleranza al sorbitolo (o glucitolo), un disturbo che coinvolge molte persone e che, spesso, è in grado di compromettere il tenore di...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-06-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti