bg header
logo_print

Timballo di crespelle con ricotta, un primo piatto sfizioso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Timballo di crespelle con ricotta
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Timballo di crespelle con ricotta e spinaci, il perfetto pranzo della domenica

Oggi cuciniamo il timballo di crespelle con ricotta e spinaci, una ricetta che piace per la capacità di reinventare piatti della tradizione in una chiave suggestiva e fantasiosa.

In questa ricetta le crepes diventano materiale da timballo, ossia agiscono come le sfoglie di pasta per lasagne, che vengono ripiene in grande stile. Al loro interno si cela un composto formato da ricotta e spinaci. A fungere da intermezzo troviamo un po’ di besciamella, tanta mozzarella e altrettanto speck.

Ne risulta un pasto abbondante che non sfigura sulle tavole domenicali, magari in sostituzione delle lasagne vere e proprie. Certo, non stiamo parlando di una ricetta dietetica, ma di tanto in tanto uno sgarro è permesso!

Ricetta timballo di crespelle

Preparazione timballo di crespelle

  • Per preparare il timballo di crespelle sbattete le uova in una ciotola con una forchetta, poi inserite la farina, il latte e il sale. Mescolate con una frusta in modo da ottenere un composto ben amalgamato.
  • Scaldate una padella antiaderente molto ampia, poi versate al suo interno un mestolo di composto, distribuendolo in modo uniforme su tutta la superficie. Cuocete per 1 minuto e ripetete l’operazione fino a quando non avrete terminato l’impasto.
  • In una ciotola versate gli spinaci (precedentemente saltati con un po’ di olio), la ricotta, il Parmigiano grattugiato e la noce moscata. Mescolate il tutto con cura.
  • Farcite le crespelle con il ripieno appena preparato e piegatele in due.
  • Tagliate lo speck a listarelle e la mozzarella a fettine. Tostate lo speck in padella a crudo senza alcun condimento.
  • Ora non vi rimane che comporre il timballo. Distribuite le crepes su una pirofila, copritele con la besciamella, con lo speck e con la mozzarella. Ripetete l’operazione per comporre più strati e concludete con una bella spolverata di Parmigiano grattugiato.
  • Cuocete al forno a 180 gradi per 20-30 minuti.
  • Lasciate riposare il timballo per 10 minuti prima di servire.

Per le crespelle:

  • 50 gr. di farina di riso,
  • 20 gr. di farina di grano saraceno,
  • 180 ml. di latte consentito,
  • 2 uova,
  • q. b. di sale

Per il ripieno:

  • 200 gr. di spinaci,
  • 20 gr. di olio extravergine d’oliva,
  • 250 gr. di ricotta,
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • q. b. di noce moscata

Per il condimento:

  • 200 gr. di speck,
  • 500 ml. di besciamella,
  • 250 gr. di mozzarella,
  • q. b. di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • q. b. di sale e di pepe

Timballo di crespelle: una sfiziosa ricetta a base di crespelle classiche

Tra le peculiarità di questo timballo di crespelle, o timballo di crepes che dir si voglia, spiccano proprio le crespelle. All’apparenza sono normalissime crespelle realizzate con farina, latte, uova e un pizzico di sale. Nella sostanza, però, propongono un sapore diverso, più rustico e dolce allo stesso tempo. Il merito va alla farina utilizzata, che non è la farina 00 bensì la farina di grano saraceno.

La farina di grano saraceno spiana la strada a un modo diverso di intendere il concetto stesso di impasto. E’ una farina compatibile con le esigenze dei celiaci, infatti è priva di glutine.

Ma questi non sono gli unici pregi della farina di grano saraceno. E’ anche ricca di vitamine e sali minerali, inoltre apporta una quantità di proteine maggiore di quanto non facciano le farine comuni, infine abbonda in fibre. Per quanto concerne l’apporto calorico non riserva sorprese né in un senso né nell’altro, infatti viaggia sulle 340 kcal per 100 grammi.

Se si esclude la farina di grano saraceno, le crespelle di questo timballo non si differenziano da quelle originali. Vanno dunque cotte in padella, facendo attenzione a distribuire il composto uniformemente. Il consiglio è di utilizzare la stendi crepes e la crepiera, ma con un po’ di manualità è comunque possibile preparare la ricetta.

Un ripieno per gli amanti dei sapori delicati

Vale la pena parlare del ripieno, che è un altro punto di forza di questo timballo di crespelle. Il ripieno ricorda alcune varianti delle lasagne e dei cannelloni, infatti è realizzato con la ricotta e con gli spinaci. Il sapore dolce e acidulo della ricotta si sposa alla perfezione con la profondità corposa degli spinaci. La morbidezza della ricotta garantisce stabilità e una gradevole texture, mentre gli spinaci conferiscono una grana ruvida capace di stuzzicare il palato.

Il ripieno è valorizzato anche dal Parmigiano grattugiato, che aggiunge un tocco sapido, oltre a incidere sul piano nutrizionale con il suo inestimabile carico di proteine. Se volete potete aggiungere anche un po’ di noce moscata, che aromatizza e rende un po’  pungente il composto. Tuttavia, fate attenzione a non esagerare con le dosi: la noce moscata tende a coprire gli altri ingredienti, inoltre, in quantità molto elevate, sortisce un blando effetto allucinogeno.

Timballo di crespelle con ricotta

Come preparare una perfetta besciamella per il timballo di crespelle

Tecnicamente la ricetta dà vita a un timballo di crepes al forno che assomiglia più a una lasagna, dunque non stupisce la presenza della besciamella. La besciamella funge da intermezzo tra gli strati del timballo di crespelle, garantendo cremosità e gusto. Inoltre, contribuisce anche alla resa estetica della preparazione con il suo bianco candido e lucente.

Potreste essere tentati di acquistare la besciamella al supermercato, d’altronde se ne trovano di eccellenti, tuttavia vi consiglio di prepararla in casa. In questo modo avrete un maggiore controllo sulle componenti e sulle proporzioni tra le note di latte e quelle farinose. Inoltre, potrete apportare tutte le modifiche necessarie per rendere la besciamella a prova di celiachia e di intolleranti al lattosio. E’ sufficiente utilizzare una farina gluten-free (magari la farina di riso), il burro chiarificato e il latte delattosato.

Preparare la besciamella è semplice, basta sciogliere il burro insieme alla farina e aggiungere man mano il latte. Preparare una besciamella perfetta è già più complicato. A tal proposito è bene suggerire qualche utile consiglio: utilizzate il latte caldo o a temperatura ambiente per evitare grumi, aggiungete alla bisogna la farina o il latte (se la besciamella è troppo liquida o troppo densa), non lesinate gli elementi aromatici come la noce moscata. Fate attenzione anche a non “stracuocere” la besciamella, poiché potrebbe generare sentori poco gradevoli, di base sono sufficienti due o tre minuti.

FAQ sul timballo di crespelle

Come si chiama lo strumento per fare le crepes?

L’attrezzo per fare le crepes si chiama “spatola per crepes” o “stendi crepes”, ed è un bastoncino alla cui estremità si trova un cilindro posto perpendicolarmente. La padella su cui si stende l’impasto delle crepe si chiama crepiera.

Come si chiamano le crepes in italiano?

Le crepes in italiano si chiamano crespelle. Badate bene però, con il termine crespelle in alcune zone d’Italia (in Calabria e in Sicilia) si intende tutt’altra preparazione, ovvero le frittelle di pastella tipiche del Natale.

Quando è stata creata la crepe?

Le crepes sono state inventate nel V secolo in occasione dell’arrivo a Roma di alcuni pellegrini francesi come segno di accoglienza. Si sono però diffuse solo a partire dal IX secolo. Inizialmente erano preparate con il vino al posto del latte.

Ricette con le crespelle ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...