Le Crepes al farro : ottima base per ricette dolci o salate

Crepes al farro
Commenti: 0 - Stampa

Una scelta per la tua salute: la farina di farro

Se cercate di mangiare il più sano possibile, sicuramente avrete letto molto riguardo i processi di raffinamento delle farine, spesso accusati di nuocere alla nostra salute. Ebbene, proprio la farina bianca di tipo 00 è quella generalmente indicata nelle ricette tradizionali per la preparazione delle crepes. La farina bianca è tuttavia spesso accusata d’essere portatrice di “calorie vuote”, tra le ragioni che hanno causato una diffusa obesità ed una tendenza generale alle patologie metaboliche. Senza affrontare in questa sede un discorso così ricco d’implicazioni, ci limitiamo a sottolineare quanto buona potrà essere una valida alternativa, ossia la farina al farro, ingrediente madre delle nostre crepes al farro.

Il farro è un cereale particolarmente resistente in natura e quindi per questo coltivato senza particolari apporti chimici o concimi, fatto che si traduce in una farina di ottima qualità e “pulita” da eventuali sostanze chimiche. Il consumo di questo tipo di farina ed i suoi derivati è consigliato a chi ha problemi di digestione del pane tradizionale, in quanto meno calorica e più leggera. Sottolineiamo tuttavia che il farro, in quanto cereale, contiene glutine e per tanto non è indicato per una dieta specifica per la celiachia.

Dolci o salate, a te la scelta con le crepes al farro!

Di cosa avete voglia oggi? Dolce o salato? In ogni caso preparare le crepes al farro sarà la scelta giusta. Le crepes, più di qualsiasi altra preparazione di base, si presta ottimamente sia alla realizzazione di pietanze salate che ad eccellenti dessert.

Per questo motivo la ricetta che segue rischia di diventare una delle vostre preferite, da appuntare e tenere sempre a portata di mano, per ogni occasione e perfino per ospiti dell’ultimo minuto… Noi, vi abbiamo avvertiti!

Crepes al farro

Ogni occasione è giusta per una buona crepe

Le crepes, dolci o salate che siano, si prestano a tantissime ricette. Cambiandone la farina, la composizione o la farcitura, potrete utilizzare le crepes per liberare la fantasia! Giusto qualche suggerimento che vi sia d’ispirazione: con le crepes non si sbaglia mai! Con le crepes al farro, ancora meglio.

Come antipasto? Magari con una bella farcitura di funghi oppure ricotta e spinaci oppure ancora, perché no, un buon ragù. Quel che preferite andrà bene! Come piatto unico? Una ricca porzione di crepes ben farcite sarà più che nutriente, a pranzo o a cena. E se le proponessimo dolci? A colazione, a merenda o come fine pasto, le crepes farcite a piacere con marmellata, crema o cacao, saranno un’irrinunciabile delizia.

Ed ecco la ricetta delle crepes al farro:

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 gr. di farina di farro
  • 1 uovo
  • 1,9 dl di latte intero consentito
  • 1 pizzico di sale
  • q.b. di olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Sbattete in una coppetta l’uovo sgusciato ed unite la farina con un pizzico di sale. Versate il latte e frullate il tutto con un mixer ad immersione, fino a che il composto non appaia liscio e privo di grumi. Se il composto dovesse sembrarvi eccessivamente denso, versate qualche altra goccia di latte, andando a tentativi. Se, invece, dovesse restare troppo liquido, aggiungete un altro po’ di farina.

Coprite dunque il contenitore con l’impasto con della pellicola e lasciate il tutto a riposo per circa 30 minuti. Scaldate una padella (l’ideale sarebbe una crepiera con un diametro di 16 cm) e spennellatela con dell’olio. Quando sarà ben scaldata, sollevate la padella dal fuoco e versate una mestolata di pastella. Aiutatevi ruotando la padella con un gioco di polso o con l’apposito utensile in legno da crepiera per stendere l’impasto e renderlo sottile e tondeggiante.

Appoggiate quindi la padella sul fuoco ed attendente fino a che il bordo non tenda ad alzarsi. Appena la crepe si sarà dorata, giratela e terminate la cottura dall’altro lato. Rimuovetela dunque dal fuoco e ripetete l’operazione con le altre crepes fino ad esaurimento del composto.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante gluten-free con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine...

Glassa a specchio

Glassa a specchio per dolci gourmet

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, base eccellente per dolci e torte.

Qualche precisazione sulla pasta biscotto Prima di approfondire le ricette delle paste biscotto al fonio, al cacao e al riso integrale è bene fare qualche precisazione sulla pasta biscotto in...

pane di castagne farcito

Pane con farina di castagne, una ricca merenda...

Pane con farina di castagne, merenda mediterranea e americana Il pane con farina di castagne e burro di arachidi, lo avrete capito già dal nome, non è un pane come tutti gli altri. A prescindere...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-02-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti