Teglia di peperoni e mozzarella al forno, piatto ricco

Teglia di peperoni e mozzarella
Commenti: 0 - Stampa

Teglia di peperoni e mozzarella al forno, un’esplosione di sapori

La teglia di peperoni e mozzarella al forno è una pietanza ricca di sapori e colori. D’altronde, la lista degli ingredienti è lunga e propone abbinamenti davvero particolari, tutti azzeccati. La ricetta è molto semplice, come quasi tutte le pietanze al forno del resto, e si fregia soprattutto della presenza della mozzarella, che lega tutti gli alimenti e migliora la consistenza del prodotto finale. Per quanto concerne la mozzarella, potete non rinunciarvi nemmeno se si soffrite di intolleranza al lattosio.

In commercio, infatti, esistono anche varianti che ne sono del tutto prive. Tra l’altro, il processo di rimozione del lattosio è “naturale”, in quanto consiste nel semplice inserimento dell’enzima lattasi nella materia prima (il latte). In tal modo, il lattosio viene scomposto in glucosio e galattosio, due sostanze che risultano pienamente digeribili anche da chi soffre di intolleranza.

Il notevole contributo dei peperoni

Tra i sapori che emergono maggiormente nella teglia al forno troviamo proprio i peperoni. Per la nostra la teglia di peperoni e mozzarella, consiglio di utilizzare sia i peperoni gialli che quelli rossi. E’ una questione estetica, certo, ma c’è dell’altro. Il colore dei peperoni è indice della presenza di determinate sostanze. I peperoni gialli, per esempio, sono ricchi di betacarotene, sostanza presente anche nelle zucche e nelle carote (che sono giallo-arancioni), in grado di stimolare la produzione della preziosissima vitamina A. I peperoni rossi, di contro, sono ricchi di licopene, una sostanza presente anche nella buccia dei pomodori. Il licopene è una sostanza antiossidante, dunque contrasta i radicali liberi, rallenta l’invecchiamento cellulare e agisce in funzione anti-cancro. Tutti i peperoni, a prescindere dal colore, sono ricchi di vitamine e sali minerali.

Teglia di peperoni e mozzarella

Il riferimento è alla vitamina C (presente in dosi superiori rispetto alle arance) e al potassio. Sono ricchi anche di capsaicina, un altro antiossidante presente anche nei peperoncini. I peperoni sono anche molto digeribili, nonostante il senso comune. L’idea di pesantezza deriva dall’abitudine, non esattamente salutare, di non sbucciarli. Infine, sono anche poco calorici: un etto di peperoni apporta solo 30 kcal. Il pregiudizio sull’abbondante presenza di grassi deriva dal metodo di cottura standard, che prevede un abbondante uso di olio. In questo caso, però, vengono brevemente marinati con un po’ di olio d’oliva e succo di limone.

Le principali caratteristiche dei capperi

I capperi giocano un ruolo fondamentale in questa teglia di peperoni e mozzarella. Infatti, si caratterizzano per un sapore molto forte e a tratti pungente. Ne bastano pochi per insaporire le ricette anche più complesse, come i piatti di pesce e di carne, nonché la pizza. Nella pizza, fanno coppia spesso con le acciughe per potenziarne il potere organolettico (le acciughe hanno un sapore molto forte). I capperi, in occasione di questa ricetta, vengono aggiunti nella seconda fase della cottura, contestualmente alla mozzarella. Il rischio, se vengono inseriti prima, è che si secchino eccessivamente.

I capperi spiccano anche per le proprietà nutrizionali. Innanzitutto, sono ricchi di vitamina C e di potassio, due sostanze fondamentali per la salute dell’organismo, in particolare per il sistema immunitario. Secondariamente contengono molti antiossidanti, che come abbiamo visto agiscono in funzione anticancro, riducendo il rischio di stress ossidativo. Contengono anche molto sodio, persino nella variante fresca, ossia non conservata sotto sale. Per questo motivo, ogni volta che si inseriscono i capperi, occorre fare molta attenzione all’aggiunta di sale. Il pericolo è di ritrovarsi con una pietanza organoletticamente squilibrata, ma anche non esattamente salutare per la pressione sanguigna.

Ecco la ricetta della teglia di peperoni e mozzarella al forno:

Ingredienti:

  • 2 peperoni gialli e 2 rossi,
  • 150 gr. di mozzarella di bufala consentita,
  • 3 cucchiai di olive nere denocciolate,
  • 2 cucchiai di capperi,
  • 1 limone,
  • 1 cucchiaio di timo,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della teglia di peperoni e mozzarella iniziate lavando i peperoni, poi pelateli (usando il pelapatate), divideteli in due e rimuovete sia i semi che i filamenti interni. Tagliate i peperoni a falde, ovvero seguendo le naturali scanalature. Poi, sistemateli in un vassoio e date loro una spennellata con un po’ di olio d’oliva. Infine, inumiditeli con il succo di limone e fateli riposare per un quarto d’ora.

Adagiate i peperoni in una teglia, date una sventagliata di timo e aggiungete due terzi delle olive precedentemente tritate in modo grossolano. Aggiungete, infine, un po’ di sale. Irrorate il tutto con il liquido della marinatura dei peperoni, applicate un foglio di carta forno e cuocete al forno per 25 minuti a 180 gradi. Trascorso questo lasso di tempo, togliete la carta aggiungete la mozzarella tritata, i capperi e le olive che sono avanzate. Infine, cuocete per altri 10 minuti e servite.

5/5 (469 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesce spada al forno con bergamotto

Pesce spada al forno con bergamotto, gourmet

Pesce spada al forno con bergamotto e radicchio, degli ingredienti di classe Il pesce spada al forno con bergamotto e radicchio stufato è un secondo molto elegante, quasi gourmet. D’altronde, la...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti