Paella con ceci neri e verdure, una versione alternativa

Paella con ceci neri e verdure
Commenti: 0 - Stampa

Quali sono le differenze con la paella classica?

La paella con ceci neri e verdure è una gradevole rivisitazione del classico piatto spagnolo. Incarna lo spirito della vera paella, ma allo stesso tempo propone qualche interessante variazione sul tema. In primis, sono assenti la carne e il pesce, sostituiti dai ceci neri. Stiamo parlando, dunque, di una paella “vegetariana”. Nonostante questa particolarità, può essere apprezzata da tutti, anche dagli amanti della carne e del pesce. Il merito va proprio ai ceci neri, che sono tra i legumi più buoni in assoluto, nonché validi sotto il profilo nutrizionale. I ceci neri si caratterizzano in primis per il loro colore, dovuto a una presenza massiccia di antiossidanti, che contrastano gli effetti dei radicali liberi e contribuiscono a prevenire il cancro.

Nondimeno, sono una fonte inestimabile di vitamine e sali minerali. I ceci neri apportano buone dosi di vitamina B, C, K ed E (anch’essa in grado di esercitare una funzione antiossidante). Proprio come i ceci standard, si caratterizzano per un’eccezionale fonte di proteine, che non fa rimpiangere le più sostanziosi carni rosse. In quanto a sali minerali, i ceci neri si difendono molto bene, come dimostra l’apporto di fosforo magnesio e potassio. L’apporto calorico, infine, è più basso di tanti altri legumi: 120 kcal per 100 grammi.

Il contributo della curcuma nella paella con ceci neri e verdure

Un’altra differenza della paella con ceci neri e verdure rispetto alla paella tradizionale risiede nella presenza della curcuma, che sostituisce lo zafferano. La ragione di questo cambiamento va rintracciata nella volontà di rendere ancora più saporita la paella, giustificata dall’assenza della carne e del pesce (che di base conferiscono sentori aromatici). Ad ogni modo, la curcuma esercita un buon impatto sia dal punto di vista organolettico che nutrizionale.

Paella con ceci neri e verdure

Infatti, conferisce un tocco arancione alla pietanza e, allo stesso tempo, la rende più salutare. La curcuma, infatti, è una spezia molto preziosa. Lo è in virtù del suo potere antiossidante, ma anche della funzione analgesica che ricopre. La curcuma va inserita a metà cottura e nelle dosi indicate in preparazione; se si esagera vi è il rischio di coprire gli altri sapori e rovinare la ricetta.

Tutta la carica cromatica e organolettica dei peperoni

Come nella ricetta originale, anche la paella con ceci neri e verdure si fregia della presenza dei peperoni. Nello specifico, dei peperoni gialli e rossi. Le due varietà si caratterizzano per le medesime proprietà nutrizionali. Sono, infatti, ricchi di vitamina C, che è presente in dosi superiori agli agrumi (arancia compresa). Sono anche ricchi di potassio, un minerale di fondamentale importanza per la salute dell’organismo. Contengono anche la capsaicina, sostanza in genere associata al peperoncino, che vanta formidabili proprietà antiossidanti, utili per prevenire il cancro e agire in modo positivo sull’apparato cardiovascolare.

Che differenza c’è tra i peperoni gialli e quelli rossi? Di norma i gialli sono un po’ più dolci dei rossi. Inoltre, contengono il betacarotene, un efficace precursore della vitamina A. E’ proprio il betacarotene a determinare il colore giallo. Per inciso, questa sostanza è presente in altre verdure dal colore giallo-arancio, per esempio nelle zucche.

Il riso bomba è l’ideale per la preparazione della paella, e di pietanze simili. Anzi, paella e riso Bomba sono praticamente due facce della stessa medaglia, due “pilastri gastronomici” caratterizzati da un forte legame. Infatti, il riso Bomba è in grado di assorbire i sapori della paella senza per questo renderla troppo umida, dunque consentendole di conservare la necessaria consistenza e una certa profondità a livello organolettico. Di base, tutte le ricette della paella (e ce ne sono davvero tante), richiedono il riso Bomba. Se non riuscite a reperirlo potete sostituirlo tranquillamente con il riso integrale.

Ecco la ricetta della paella con ceci neri e verdure:

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 gr. di ceci neri,
  • 300 gr. di riso Bomba,
  • 1 peperone rosso,
  • 1 peperone giallo,
  • 300 gr. di pomodorini,
  • 1 carota,
  • 1 zucchina,
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • 1 porro,
  • 1-2 spicchi di aglio,
  • 1 melanzana,
  • 1 cipolla,
  • mezzo lt. di brodo vegetale,
  • 1 cucchiaino di curcuma,
  • 1 pizzico di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della paella con ceci neri e verdure iniziate immergendo i ceci in acqua per almeno 18 ore. Trascorso questo lasso di tempo scolateli e sciacquateli ancora una volta. Dopodiché, lessateli per due ore in acqua non salata. Intanto, lavate le verdure e rimuovete gli eventuali residui di terra. Fatele a tocchetti, ad esclusione del porro, che dovete tagliare a rondelle. Scaldate un po’ di olio d’oliva in una padella antiaderente e fate imbiondire il porro, poi aggiungete le altre verdure. Cuocete le verdure insieme per cinque minuti. Tuttavia, dal momento che alcune verdure, come i peperoni, sono un po’ coriacei, anticipate il loro inserimento in padella in modo che la cottura sia uniforme.

Quando le verdure sono cotte, aggiungete il riso integrale. Mescolate senza spegnere la fiamma, poi versate mezzo litro di brodo vegetale e continuate la cottura per due minuti. Infine, fate andare per quaranta minuti, il tempo necessario affinché il brodo – e i liquidi di cottura delle verdure – si restringano adeguatamente. Quando la cottura è giunta a metà, aggiungete la curcuma, i ceci e un po’ di sale. Trascorsi i quaranta minuti, applicate il coperchio e fate andare ancora per qualche minuto in modo che i sapori si amalgamino. Mescolate con cura e servite, condendo ciascun piatto con un giro d’olio.

5/5 (468 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti