bg header
logo_print

Teglia di patate sfiziose con pancetta, un piatto corposo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Teglia di patate sfiziose
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 30 min
cottura
Cottura: 40 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Teglia di patate con pancetta, un contorno ricco e gustoso

Oggi vi propongo la teglia di patate sfiziose con pancetta. Le verdure sono un alimento di grande valore, così allegre grazie ai loro vivaci colori, fresche e saporite, varie nell’arco dell’anno, cucina bili in tanti modi diversi ed in poco tempo, nutrienti e sane; insomma sempre gradite ed insostituibili sia cotte che crude.

L’importanza degli ortaggi nell’alimentazione è innegabile; basta citare le vitamine, i sali minerali, gli zuccheri e le proteine vegetali. in esse contenute per non avere più dubbi a riguardo. Inoltre possono entrare come ingrediente in ogni genere di ricette dagli antipasti, ai primi, ai secondi piatti anche se il loro momento trionfale lo vivono come contorno. Insomma un cibo che non è possibile trascurare! Tuttavia a volte per mancanza di stimoli o di informazioni ed a volte per pigrizia dovuta alla consuetudine ricadiamo nella solita veloce insalata di lattuga o in qualche verdura semplicemente lessata senza pensare a quante preparazioni si presta ogni tipo di ortaggio.

Per apprezzare le verdure per quanto realmente valgono è necessario comprare verdure di stagione perchè quelle conservate, anche se molto pratiche, sono spesso deludenti e le primizie hanno generalmente poco sapore e prezzi proibitivi. È sempre da prediligere verdura freschissima con l’aspetto lustro, senza grinze ed al giusto punto di maturazione con chiari sintomi di buona e recente raccolta.

Ricetta teglia di patate

Preparazione teglia di patate

  • Mondate accuratamente i porri, eliminate la parte verde, lavate quella bianca e tagliatela a rondelle. Pelate le patate, lavatele e riducetele a tocchetti.
  • Ponete una padella sul fuoco con il burro, aggiungete i porri e lasciatele dolcemente imbiondire.
  • Unite allora i dadini di pancetta affumicata, rimescolate e, dopo 5 minuti, aggiungete le patate.
  • Rimescolatele con un cucchiaio di legno, lasciatele colorire e conditele con una presa di sale e con un po’ di paprica.
  • Spolverizzate allora le patate con il rosmarino, bagnatele con il sidro, aspettate che evapori, quindi unite il brodo.
  • Fate proseguire la cottura della preparazione per altri 15 minuti a calore moderato mescolando di tanto in tanto.
  • Servite le patate in tavola disposte in un piatto di portata preriscaldato.

Ingredienti teglia di patate

  • 800 gr. di patate novelle piccole
  • 150 gr. di pancetta affumicata tagliata a dadini
  • 3 porri
  • qualche filo di erba cipollina e un rametto di rosmarino
  • mezzo bicchiere di sidro
  • 1 mestolo di brodo
  • 80 gr. di burro chiarificato
  • q. b. di sale.

Un ottimo contorno

Poichè la cottura in acqua bollente causa la perdita di principi nutritivi è bene che sia il più breve possibile oppure potete far ricorso alla cottura a vapore o utilizzare l’acqua di cottura che è ricca delle sostanze cedutele dalle verdure. Tutti i vegetali hanno bisogno di condizioni molto speciali per conservarsi nello stato ottimale e non potendo andare a fare la spesa tutti i giorni è indispensabile usare alcune precauzioni. Per questa teglia di patate le verdure devono essere pulite sotto acqua corrente e sistemate in sacchetti di politene forati o meglio ancora in appositi contenitori a chiusura ermetica di ottima qualità. Dopo aver sistemato gli ortaggi bisogna riporli in frigorifero nell’apposito cassetto ricordando che non solo il caldo eccessivo è dannoso, ma anche il freddo.

I recipienti più idonei per la cottura sono quelli in terracotta, vetro da fuoco, acciaio inossidabile; sono da evitare quelli in alluminio ed i recipienti metallici per la conservazione. Il lavaggio delle verdure deve avvenire in abbondante acqua fresca e deve spesso essere ripetuto più volte: niente è più fastidioso dei residui di terriccio o di parti non perfette in un piatto di verdura. Durante la cottura delle verdure in umido è utile mettere una reticella spargifiamma sotto alla casseruola per evitare che si attacchi al fondo. Quando trattate delle verdure ricordate sempre che il loro sapore non deve mai essere soffocato, ma al contrario esaltato.

Teglia di patate sfiziose

Quali patate scegliere?

Le patate, si sa, non sono tutte uguali. Esistono molte differenze tra una varietà e l’altra, sia in termini di consistenza quanto in termini di gusto. Le patate a pasta gialla sono più sode e hanno un sapore più corposo. Le patate bianche farinose sono più cedevoli (in quanto ricche di amido) e un po’ più dolci. Infine, le patate rosse, dette anche “batata”, presentano sentori vicini a quelli della zucca e sono molto morbide. Quale varietà utilizzare per la nostra teglia di patate? In questo caso vi consiglio le patate novelle a pasta gialla. Questo tipo di patate sono più piccole, e quindi facili da porzionare, inoltre hanno un sapore più delicato.

Dal punto di vista nutrizionale non si segnalano differenze rispetto alle altre tipologie di patate. Le patate novelle a pasta gialla sono ricche di amido, carboidrati e sali minerali. I grassi sono quasi assenti, il ché le rende meno caloriche di quanto si possa immaginare.

Quali aromi usare per le patate?

Se la teglia di patate con pancetta è così buona il merito va anche ad un impiego abbondante, per quanto equilibrato, di aromi. Si utilizza per esempio il rosmarino, una spezia ricorrente nelle altre ricette a base di patate, che aggiunge un tocco di sapore in più e un sentore vagamente amarognolo. Il rosmarino, almeno in questo caso, è associato all’erba cipollina, che ha un sapore che ricorda il celebre bulbo in una versione più delicata.

Troviamo poi anche la paprika, che colora le patate di un bell’arancione e aggiunge piccantezza. Infine vengono aggiunti alcuni alimenti a supporto, che da un lato aiutano la cottura e dall’altro insaporiscono. Mi riferisco al sidro di mele, che conferisce dolcezza, oltre a consentire una discreta sfumatura. Stesso discorso per il brodo, che serve a non fare attaccare le patate alla padella ed impatta anche sul sapore.

Perché abbiamo scelto il burro chiarificato nella teglia di patate?

La teglia di patate con pancetta vanta il contributo di un corposo soffritto, che funge da base e allo stesso tempo prepara alle fasi più avanzate della cottura. Questo soffritto non viene realizzato con le cipolle, ma con i porri, che spiccano per un aroma più delicato. Come grasso di cottura, invece, vi consiglio di utilizzare il burro chiarificato.

Si tratta di un burro privato di caseine, che rende il sapore più delicato e quindi in grado di non coprire gli altri ingredienti. Inoltre, il burro chiarificato resiste bene alle elevate temperature senza generare una sgradevole sensazione di bruciato. Il burro chiarificato ha solo un difetto, ossia è più calorico del burro standard. Tuttavia, ne vale la pena per le sue proprietà, inoltre si utilizzano dosi davvero minime che non devono impensierire più di tanto.

La pancetta fa male?

La pancetta gioca un ruolo fondamentale nella ricetta della teglia di patate in quanto aggiunge sapore e integra un elemento di carne. Quindi non stiamo parlando di un semplice contorno, ma di un contorno rinforzato, che potrebbe passare anche per antipasto completo. La pancetta va aggiunta al soffritto di porri poco prima delle patate.

La pancetta fa male? Fa ingrassare? Che la pancetta faccia ingrassare non ci sono dubbi, infatti apporta circa 400 kcal per 100 grammi ed è ricca di lipidi. Tuttavia, questo effetto viene neutralizzato da un consumo moderato e sporadico. Al netto di ciò, la pancetta apporta le sostanze tipiche delle carni rosse. E’ ricca di proteine (quasi 20 grammi), vitamine del gruppo B (che agiscono sul metabolismo energetico) e alcuni sali minerali.

Vi consiglio di inserire la pancetta non appena il porro è stato rosolato. Solo in questo modo potrà cedere i suoi grassi e apparire più legata agli altri ingredienti. Ovviamente non esagerate con i tempi di cottura, in quanto lo scopo è di consentire alla pancetta di rilasciare i suoi grassi in forma liquida.

Ricette con le patate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...