Baklava, un dessert della cucina greco-turca

Baklava
Commenti: 0 - Stampa

Baklava, un dessert diverso da quelli nostrani

La Baklava è un dessert molto particolare. Non appartiene alla tradizione italiana, la Baklava è un dolce della cucina turca e più in generale dei Balcani. Anzi, visto con “occhio italiano”,  questo dessert assomiglia più ad una torta salata dolce.

Il procedimento, infatti, rievoca in un certo senso quello delle torte salate in quanto basta farcire la pasta fillo (non sfoglia).  La farcitura è interamente dolce, come dovrebbe essere per un dessert,  sebbene la cucina greco-turca ci abbia abituato a preparazioni che all’occorrenza integrano il dolce con il salato.

A prescindere dai tanti elementi di diversità rispetto ai dessert italiani, la Baklava vi consentirà certamente di fare bella figura con i vostri commensali. In primis perché la cucina etnica, e in particolare quella greco-turca (molto apprezzata), attira sempre l’attenzione.

In secondo luogo perché la Baklava è semplicemente buona. Gli ingredienti, per quanto poco numerosi e facilmente reperibili, creano un abbinamento perfetto ed un gusto più che equilibrato. Il tutto in una prospettiva, che se non è di leggerezza, non si caratterizza certo per l’abbondanza di calorie. In quanto dolce, la Baklava può essere consumata sia a fine pasto, sia a merenda, oppure per una nutriente colazione.

Il valore aggiunto di questa Baklava

Nel paragrafo precedente ho specificato che il procedimento della Baklava, nonostante la sua qualifica di dessert, ricorda da vicino molte ricette di torte salate all’italiana. Rispetto a queste, però, si segnala una differenza importante.

Non sto parlando della farcitura, in questo caso dolce (dettaglio più che scontato), bensì della “pasta” utilizzata per la base e la copertura. Ebbene, per preparare una perfetta Baklava non si deve utilizzare la pasta sfoglia, quanto piuttosto vari strati di pasta fillo. Una pasta particolare, che molti confondono con la sfoglia.

Baklava

Cos’ha di diverso la pasta fillo? La caratteristica principale è l’assenza del burro, che viene sostituito dal semplice olio extravergine di oliva. Non è un particolare da poco, infatti la presenza dell’olio rende questa pasta più leggera e digeribile.

La Baklava, quindi, è un dessert tutto sommato leggero, proprio perché non fa uso della pasta sfoglia bensì di quella fillo. Tra l’altro questo tipo di pasta, sebbene molti non lo sappiano, è originaria della Grecia. Infatti “fillo” in greco significa proprio sfoglia.

Un’altra caratteristica interessante della pasta fillo è il suo spessore, che risulta piuttosto ridotto e adatto a preparazioni come la Baklava, conferendo maggiore spazio e importanza alla farcitura.

Il formidabile contributo della frutta secca

La farcitura è responsabile della maggior parte della resa gustativa di questo interessante dessert, proprio perché la pasta utilizzata è sottile. Si tratta di una farcitura molto gustosa, genuina e del tutto priva di grassi aggiunti.

Tale farcitura si realizza semplicemente con della buona frutta secca, un po’ di zucchero semolato, un po’ di cannella e del miele di acacia (che è il più leggero in assoluto). Per quanto riguarda la frutta secca, si utilizza di solito un composto di noci e pistacchi.

A proposito di frutta secca, sia le noci che i pistacchi si caratterizzano per un elevato valore nutrizionale, a tal punto che vengono consigliati per le diete dimagranti pur contenendo molti grassi. Si tratta, però, di grassi buoni, che fanno bene alla salute e in particolare all’apparato cardiocircolatorio.

Il riferimento è agli acidi grassi omega-3, che giovano al cuore, alle funzioni cognitive e alla vista. Sia le noci che i pistacchi, poi, sono ricchi di sali minerali. Infatti sono un’eccellente fonte di potassio, magnesio e soprattutto fosforo. Non deludono nemmeno in quanto a contenuto di vitamine, con esplicito riferimento a quelle del gruppo B.

Se siete celiaci o intolleranti al glutine potete utilizzare le sfoglie di pasta fillo fatte in casa e trovate la ricetta seguendo il link.  a questo link

Ecco la ricetta della Baklava:

Ingredienti per 6 persone:

  • 9 fogli di pasta fillo,
  • 300 gr. di noci,
  • 100 gr. di pistacchi,
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere,
  • 3 dl. di acqua naturale,
  • 200 gr. di zucchero semolato,
  • 100 gr. di miele di acacia,
  • q.b. succo di limone e acqua di rose,
  • 80 gr. di burro chiarificato.

Preparazione:

Per la preparazione della Barlava sciogliete il burro in un pentolino e lasciate raffreddare. Occupatevi ora dello sciroppo portando a bollore l’acqua, lo zucchero e aggiungendo poi la scorza di limone, l’acqua di rose e il miele.

Poi fate intiepidire il tutto prima di filtrare. Ora sgusciate i pistacchi e le noci. Versate in una terrina le noci e i pistacchi tritati e aggiungete la cannella. Mescolate e tenete da parte.

Spennellate il fondo di una teglia con il burro fuso. Adagiate un primo foglio di pasta fillo e spennellate  con il burro fuso e ripetete l’operazione per 3 fogli di pasta fillo e ogni volta spennellate con il burro fuso.

Dopo il terzo strato versate il composto preparato e stendete altri fogli di pasta fillo imburrati ogni volta. Procedete in questo modo fino a colmare la teglia .

Spennellate la superficie con il burro e cuocete in forno già caldo a 180° per 15 minuti. Infine fate raffreddare la Baklava e solo allora distribuite lo sciroppo in modo che penetri al di sotto della superficie. Tagliate a rombi o in quadrati monoporzione e servite e buon appetito! Questo dolce turco è molto particolare ma piace!

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti