Sfogliata di mele: ogni momento diventa un grande occasione

La sfogliata di mele è un dolce molto semplice da preparare. Che può essere proposto in ogni momento, riscuotendo davvero tanto successo.  Così avrete la possibilità di fare bella figura con i vostri ospiti a cena oppure nel pomeriggio. Magari accompagnando la sfogliata con una buona tazza di tè. Ben si presta per un picnic.

Potrebbe diventare anche un ottimo pasto nutriente con cui iniziare la vostra giornata. Un’abbondante colazione, ricca di valori nutrizionali e calorie che potrete smaltire durante le ore successive. Affrontando con grande energia le vostre quotidiane faccende. In media, i tempi di preparazione della sfogliata di mele si aggira intorno ai 60-70 minuti.

Gli ingredienti sono facilmente acquistabili presso qualunque supermercato. E non vi è alcuna difficoltà nel reperire le mele che sono disponibili in qualsiasi periodo dell’anno. Anche i costi per preparare questa ricetta sono sicuramente abbordabili, pertanto avrete la possibilità di mangiare in maniera genuina senza costi eccessivi.

Adesso proviamo a scoprire insieme quali sono le principali valori nutrizionali della nostra sfogliata di mele.

La sfogliata di mele: i principali valori nutrizionali

Il principale ingrediente per la preparazione della nostra sfogliata di mele, sono le mele golden. Si tratta di una delle tipologia di mele più diffuse sul mercato, di colore giallo e con una croccante polpa che nel nostro paese viene coltivata prevalentemente in Val d’Aosta. In 100 g di questo prodotto riscontriamo appena 38 kcal. La mela golden per buona parte è costituita da acqua.

Anche se in minor quantità, è composta anche da carboidrati, fibre e proteine. Può assicurare un buon apporto vitaminico, rappresentato dalla vitamina A e dalla vitamina C. A queste si aggiungono anche dei nutrienti di non secondaria rilevanza, come potassio, acido malico e acido citrico. Gli zuccheri sono presenti in quantità piuttosto moderate: in 100 g, appena il 10%. Pertanto, questo frutto è ideale per chi soffre di diabete. E’ idonea anche per chi ha problemi di intolleranza e/o allergia al nichel

Il consumo regolare della mela golden tende a ridurre la quantità di colesterolo cattivo presente nel nostro sangue. Grazie alla presenza dell’acido folico e delle vitamine che fungono da antiossidante. Per tale ragione la mela golden può essere considerata in prima linea nella prevenzione di infarto e di ictus.

Una buona presenza delle vitamina B1 è di grande aiuto nei momenti in cui ci si sente piuttosto stanchi e nervosi. La vitamina B2, invece, agevola la digestione e agisce in modo tale da proteggere le mucose del nostro intestino. Per concludere, la mela golden se viene consumata cotta può diventare un valido alleato contro la stitichezza. Se invece si hanno problemi di diarrea, grazie al suo potere astringente, è altamente consigliato consumarla cruda.

Ed ecco la ricetta della  sfogliata di mele

Ingredienti per 4 persone

  • 1 confezione pasta fillo
  • 4 mele Golden
  • 80 gr zucchero canna bianco
  • 1 limone scorza e succo
  • 2 cucchiai miele acacia
  • 20 gr burro chiarificato
  • q.b. zucchero canna bianco a velo

Preparazione

Sbucciate le mele, eliminate il torsolo e tagliatele a fettine sottili. Mettetele in una ciotola e conditele con il succo di limone, la scorza grattugiata, il miele di acacia e lo zucchero, mescolate delicatamente per coprirle in maniera uniforme. Fate fondere il burro a bagnomaria.

Imburrate bene una teglia da forno e adagiatevi una sfoglia di pasta phyllo, spennellatela delicatamente e velocemente col burro fuso, adagiate un’altra sfoglia di pasta, spennellatela col burro e procedete quindi allo stesso modo con altri 2 fogli di pasta.

Distribuite sopra metà del composto di mele e lo zucchero, coprite con gli altri 3 fogli spennellando anche questi con il burro. Aggiungete l’altra metà del composto di mele, disponendola in maniera omogenea sulla superficie. Completate con i fogli di pasta phyllo rimasti, ognuno spennellato col burro fuso. Una volta aggiunti tutti i fogli, spennellate bene la superficie col burro rimasto. Mettete in forno già caldo a 190 °C per 30 minuti circa sul ripiano centrale finché la superficie non diventerà dorata. Lasciate raffreddare e spolverizzate con lo zucchero a velo.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *