Panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola a merenda

Panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola

Panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola, un piatto più leggero di quanto pensiate

I panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola sono una rivisitazione gradevole dei classici panzerotti pugliesi. Le differenze rispetto agli originali non riguardano gli ingredienti del ripieno (che è sempre stato deputato alla fantasia del cuoco) quanto al metodo di cottura e all’ingrediente che forma la pasta. Quest’ultima, infatti, non è realizzata a mano, con farina, acqua etc. ma è semplicemente la pasta sfoglia. Un’aggiunta che semplifica, certo, ma che conferisce un sapore diverso alla ricetta. Per quanto riguarda il metodo di cottura, i panzerotti tradizionali sono fritti, mentre la variante che vi propongo oggi prevede la cottura in forno.

Si tratta di una scelta finalizzata a rimuovere l’unico vero difetto dei panzerotti: la pesantezza. Questi, dunque, sono tutto sommato leggeri, sebbene il ripieno sia realizzato anche con il gorgonzola, che non è tra i più dietetici dei formaggi. Per quanto riguarda il procedimento è tutto sommato semplice, anche perché come ho già accennato va utilizzata la pasta sfoglia. L’unico elemento di difficoltà è dato dalla realizzazione del ripieno, che prevede due fasi: la rosolatura del radicchio e la realizzazione della crema al gorgonzola (le due componenti andranno poi unite).

Il segreto dei panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola

Il vero segreto dei panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola, però, non risiede soltanto nel metodo di cottura, e nemmeno nell’impiego della pasta sfoglia, bensì nel latte Accadì di Granarolo. Esso va aggiunto al gorgonzola in modo da realizzare una deliziosa crema. Questa operazione sostituisce la semplice aggiunta di formaggio nel ripieno, che invece caratterizza la preparazione del panzerotto classico. Si tratta di una variazione dai risvolti organolettici importanti, che aggiunge gusto al prodotto finale.

Panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola

Il merito va anche al latte Accadì di Granarolo, che è un prodotto di alta qualità, realizzato con la migliore materia prima e seguendo la prassi tipica di Granarolo, caratterizza dal totale rispetto della tradizione. Tra l’altro, il latte Accadì di Granarolo è privo di lattosio, il ché rende l’intera ricetta accessibile anche a chi soffre di intolleranza a questa sostanza. Infine, il latte Accadì di Granarolo contiene meno grassi rispetto alla media, dunque risulta più leggero.

I benefici nutrizionali del radicchio rosso

Uno degli ingredienti principali dei panzerotti al gorgonzola è il radicchio rosso. È’ parte integrante del ripieno, peraltro oggetto di un trattamento specifico, piuttosto che inserito a crudo. Infatti, va rosolato insieme allo scalogno affinché ne assorba parzialmente il sapore. Il radicchio rosso non è solo buono, ma anche benefico per la salute. Il riferimento è in particolare alle antocianine, che tra l’altro sono responsabili della colorazione. Le antocianine sono antiossidanti, e, in quanto tali, contribuiscono a prevenire i tumori e contrastano l’effetto dei radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento precoce).

Il radicchio rosso può essere considerato un’eccellente fonte di vitamine. Contiene infatti la vitamina C (più che nelle arance), la K, la E e tante altre del gruppo B. E’ anche ricco di fibre “speciali”, che riducono l’assorbimento degli zuccheri. Per questo motivo, il radicchio rosso è considerato un toccasana per chi soffre di diabete di tipo 2. La grande quantità di fibre, tra l’altro, facilita la digestione e aiuta a combattere la stitichezza. Il radicchio rosso è anche un alimento depurativo, nonché ricco di sali minerali, contiene in dosi massicce: magnesio, fosforo, calcio, zinco, sodio, ferro, rame, manganese e soprattutto potassio. E’ infine è un alimento versatile che eccelle sia da crudo che da cotto, in questo caso viene rosolato.

Ecco la ricetta dei panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita;
  • 1 cespo di radicchio;
  • 60 gr. di gorgonzola dolce Igor;
  • 8 noci sgusciate;
  • 1 scalogno;
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 2 cucchiai di latte consentito;
  • q. b. di olio extravergine d’oliva;
  • 1 uovo;
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei panzerotti al radicchio rosso e gorgonzola iniziate sbucciando lo scalogno e ricavandone un trito, poi lavate il radicchio e tagliatelo a striscioline. In un tegame versate un po’ di olio e rosolateci leggermente lo scalogno, poi aggiungete il radicchio, un po’ di sale, pepe e fate cucinare per 5 minuti. Riducete a tocchetti il gorgonzola, mettetelo in una ciotola e fatelo sciogliere a bagnomaria assieme ad un cucchiaio di latte Accadì e al formaggio grattugiato. Mescolate gli ingredienti per farli amalgamare fino a ottenere una crema non troppo densa, ma nemmeno troppo liquida.

Estraete il radicchio dalla pentola, avendo cura di scolarlo per bene, poi unitelo alla crema. Aggiungete poi le noci tritate e mescolate. Prendete la pasta sfoglia, stendetela e ritagliate 8 dischi, poi farciteli con il composto di radicchio e crema al gorgonzola e latte, chiudeteli a mo’ di fagotto e date una spennellata di uovo battuto. Infine, infornateli a 180 gradi per 15-20 minuti. A seconda della qualità del forno, potrebbero essere pronti in più o meno tempo. Per regolarvi, guardate la superficie, se sono ben dorati potete estrarli. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

sciatt

Gli sciatt, delle splendide polpettine al formaggio

Gli sciatt, una ricetta antica Gli sciatt sono delle frittelle tonde con un cuore di formaggio filante, un piatto tipico della Valtellina. Benché siano simili ai soliti pezzi di rosticceria, in...

Pallotte cacio e ova

Pallotte cacio e ova, un piatto della cucina...

Pallotte cacio e ova, una pietanza rustica Le pallotte cacio e ova sono una specialità abruzzese della tradizione contadina. Sono realizzate con ingredienti semplici e reperibili, come vuole la...

Cipolle speziate al forno

Cipolle speziate al forno, un contorno fuori dal...

Cipolle speziate al forno, un contorno leggero e dal sapore spiccato Le cipolle speziate al forno sono un contorno facile da preparare, nonché una squisita variazione sul tema delle classiche...

sarma

Il sarma, una specialità turca con le foglie...

Il sarma, un piatto che stupisce Oggi vi presento una ricetta all’apparenza distante dalla cucina italiana: il sarma. Si tratta di una specialità turca realizzata con ingredienti che potrebbero...

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

21-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti