Ecco sua maestà: il panzerotto pugliese versione al teff

panzerotto
Commenti: 0 - Stampa

Una delle ricette più apprezzate del Sud Italia: i panzerotti

Ecco sua maestà: il panzerotto pugliese versione al teff. Da Napoli a Bari, tutto il Sud Italia offre la propria versione di questa golosissima specialità da rosticceria. Il panzerotto, talvolta definito anche calzone o pizza fritta, è sostanzialmente un fagotto di pasta da pizza, farcito e risvoltato su se stesso. Fritto o al forno, il panzerotto è una vera leccornia.

Da mangiare come street food o da godere a casa, il panzerotto può essere farcito a fantasia. Con o senza salsa di pomodoro, imbottito con la scamorza, i funghi, la mortadella, il peperoncino, la ricotta forte, il salame, le rape, la salsiccia, i carciofini, la scamorza affumicata, lo speck… insomma, può essere fatto davvero per tutti i gusti!

Pensando light col panzerotto pugliese al teff

Non si può negare, nella sua versione più tradizionale, fritto e farcito con mozzarella, prosciutto e pomodoro, il panzerotto è una pietanza piuttosto calorica. Ma quest’oggi ve ne proponiamo una versione più light e salutare, ossia il panzerotto pugliese in versione al teff.
La pregiata farina di teff, senza glutine ed altamente digeribile, conferisce all’impasto un sapore in più, particolarmente apprezzabile.

Abbiamo deciso, inoltre, di completare la cottura al forno, anziché nell’olio per frittura. Il risultato sarà un panzerotto ugualmente goloso ma più facile da digerire, una variante atipica che vi consentirà d’apprezzare comunque i panzerotti anche in caso d’intolleranze al lattosio e celiachia. L’importante, come sempre, è scegliere gli ingredienti più adatti. Prestate particolarmente attenzione, infatti, all’acquisto di mozzarella, prosciutto e farine, senza glutine e senza lattosio.

panzerotti

Il mix Nativa Food che ci semplifica il lavoro

Lo sappiamo bene, preparare impasti senza glutine non è sempre facilissimo. In questo caso ci siamo avvalsi del mix al teff per pane, pizza e focaccia Nativa Food, una miscela d’alta qualità che ci aiuta notevolmente nella preparazione di impasti e lievitati, destinati alla cottura in forno. Relativamente alla farina di teff, se ancora non doveste conoscerla, vi consigliamo un doveroso approfondimento.

Questa farina, infatti, è particolarmente versatile ed utile per le preparazioni gluten free, sia dolci che salate. E’ una farina ricca di fibre, vitamine e calcio, quindi anche particolarmente salutare oltre che buona! La farina di teff, lo sottolineiamo, deriva da un cereale di dimensioni particolarmente piccole ed è disponibile solamente integrale. Si tratta di una farina ricca di amminoacidi, capace di regolare l’assorbimento delle sostanze durante la digestione. Con il teff, infatti, si regolarizza l’assorbimento degli zuccheri e si favorisce il benessere intestinale.

Ed ecco la ricetta del panzerotto pugliese versione al teff:

Ingredienti per 10 panzerotti:

  • 390 ml d’acqua
  • 430 gr. di mix al teff per pane, pizza e focaccia Nativa Food
  • 60 ml di olio di semi di mais
  • 16 gr. di lievito di birra fresco
  • 6 gr. di sale
  • 200 gr. di mozzarella consentita
  • 150 gr. di prosciutto cotto a dadini
  • q.b. d’origano fresco
  • q.b. di farina di riso

Preparazione:

Sciogliete il lievito di birra fresco nell’acqua tiepida. Mettete nella vasca della planetaria il mix di farina al teff ed impastate con il lievito sciolto nell’acqua, utilizzando il braccio a foglia. Dopo qualche minuto, unite pian piano olio e sale ed impastate ancora fino ad ottenere un composto omogeneo (generalmente sono necessari circa 15 minuti). Prelevate a questo punto l’impasto dalla vasca ed appoggiatelo su di un tavoliere in legno, spolverato con farina di riso. Dividete l’impasto in circa 10 panetti da 80 grammi ciascuno. Coprite i panetti con della pellicola per alimenti e lasciate il tutto a riposare in un luogo fresco per almeno 1 ora. Abbiate cura di porre i panetti a sufficiente distanza gli uni dagli altri, perché tenderanno a crescere di volume e potrebbero fondersi tra loro se messi troppo stretti.

Riprendete i panetti, trascorsa un’ora di lievitazione, stendeteli uno per uno col mattarello infarinato con farina di riso e ricavate dei dischi il più possibile regolari. Tagliate la mozzarella a cubetti ed unitela ai dadini di prosciutto. Aggiungete, se gradito, dell’origano fresco, e mescolate. Distribuite una porzione di farcitura sul disco e versatevi il ripieno. Ripiegate il disco di pasta su se stesso, assicurandovi di far coincidere bene i due lembi. Ricavate delle mezzelune, con la pancia ricca di ripieno, e sigillate bene i bordi premendo con le dita. Se avete difficoltà, inumidite lievemente l’impasto con dell’acqua per far aderire meglio le due estremità. Definite col tagliapasta le estremità dei panzerotti e poneteli su di una leccarda con carta da forno. Questi panzerotti al teff dovranno cuocere in un forno preriscaldato a 220° per circa 20 minuti.

5/5 (380 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...

Crocchette di salmone e patate

Crocchette di salmone e patate, un piatto insolito

Crocchette di salmone e patate dolci, particolari Le crocchette di salmone e patate dolci sono preparazioni di rosticceria sui generis. Si caratterizzano, infatti, per una lista di ingredienti...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti