Insalata di radicchio e mela, il contorno perfetto

Insalata di radicchio e mela
Commenti: 0 - Stampa

Insalata di radicchio con mela e melograno, ricca di colore.

L’insalata di radicchio con mela e melograno è un’insalata molto semplice da realizzare, il classico piatto che rende molto con il minimo sforzo. La sua forza, evidentemente, sta nella scelta degli ingredienti, che è abbastanza insolita.

E’ realizzata, infatti, sia con la frutta, rappresentata dal melograno e dalla mela, sia con le verdure, rappresentate invece dal radicchio. Il tutto è valorizzato da un condimento semplice, tipico dell’insalata mediterranea: aceto (balsamico), olio e sale.

A differenza del procedimento cui tutti siamo abituati, però, il condimento va preparato a parte, per poi essere versato sugli ingredienti.

Oltre al melograno e al parmigiano, a cui dedicherò i paragrafi successivi, gli ingredienti principali di questa ricetta sono la mela e il radicchio. La mela è il frutto probabilmente più consumato in assoluto, e forse per questo motivo dato abbastanza per scontato.

Si tende dunque a dimenticarne i pregi della mela, che sono tanti. Per esempio è ricca di vitamina C, e da questo punto di vista ha poco da invidiare alle più “famose” arance. E’ anche ricca di potassio, un minerale fondamentale per i processi cellulari.

Discorso simile per il radicchio, che pur essendo molto consumato lo è in misura inferiore rispetto alla classica lattuga, almeno per le insalate. La sua variante più diffusa, quella rossa, è ricca di antocianine, antiossidante che si trovano pure nella melanzana e che esercita un’azione positiva nei confronti dell’apparato cardiocircolatorio.

Il radicchio rosso è anche un’eccezionale fonte di vitamine, che offre in quantità notevoli: si segnala la presenza delle vitamine del gruppo B, della vitamina K, vitamina C e della vitamina E. ll radicchio eccelle anche per i sali minerali, con esplicito riferimento al già citato potassio, al calcio, al manganese e al fosforo.

Il ruolo del parmigiano reggiano e le sue proprietà

L’insalata di radicchio con mela e melograno si avvale di un ingrediente veramente nobile: il parmigiano reggiano. Non sono in tanti a utilizzarlo per l’insalata, e in effetti non ne rappresenta l’uso più tipico. Tuttavia, si sposa perfettamente con la dolcezza della mela, con il gusto leggermente acidulo del melograno e con la corposità del radicchio.

Va posto in scaglie sopra gli ingredienti, prima di aggiungere il condimento, dunque è bene optare per le forme più stagionate. Da queste, infatti, è più facile ricavarne delle scaglie.

Insalata di radicchio e mela

Il parmigiano reggiano, prima che un formaggio delizioso, è un alimento sano, pregno di principi nutritivi. E’ in primis una straordinaria fonte di proteine, che ne rappresentano il 33% (da questo punto di vista supera nettamente tutte le carni attualmente in circolazione).

E’ anche ricchissimo di calcio, a tal punto da essere consigliato ai bambini in fase di sviluppo e agli anziani che soffrono di problemi alle ossa. Un altro minerale ben rappresentato è lo zinco, che fa bene alla digestione e, secondo recenti studi, anche all’umore. E’ anche un alimento abbastanza calorico e ricco di sale, dunque il suo abuso è sconsigliato.

Il melograno, un frutto dalle molteplici proprietà nutritive

Il melograno, utilizzato nell’insalata di radicchio e mela, è un frutto giudicato a torto esotico. Certamente non è tra i più consumati, almeno in Italia, ma è molto conosciuto da qualche millennio. E’ un frutto prezioso, sia per il suo gusto che per le sue capacità nutrizionali.

Viene consumato a crudo, gustandone i chicchi, o utilizzato per preparare dei succhi rinfrescanti e nutrienti. Ovviamente, può essere impiegato per realizzare pietanze più complesse. Il ruolo in questa ricetta è importante, in quanto aggiunge un sapore diverso da quello delle solite insalate: l’acidulo.

Si sposa pertanto ottimamente con la dolcezza della mela, la sapidità del parmigiano e la corposità della stessa insalata. Tra l’altro, il melograno è anche un frutto prezioso, soprattutto dal punto di vista nutrizionale.

Il riferimento è all’abbondante presenza di antiossidanti, che agiscono in maniera positiva sull’apparato cardiocircolatorio, contrastano i radicali liberi e stimolano la rigenerazione cellulare. Il melograno è anche un frutto ricco di vitamine, e in particolare della vitamina C, che rafforza il sistema immunitario.

Infine, il melograno è ricco di fibre, che impattano positivamente sui processi digestivi (come buona parte della frutta e delle verdure).

Ecco la ricetta dell’insalata di radicchio con mela e melograno:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cespo di radicchio;
  • 1 mela;
  • 40 gr. di melograno;
  • 40 gr. di parmigiano reggiano in scaglie;
  • 2 cucchiaio di aceto balsamico o aceto di mele ;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata di radicchio con melograno iniziate lavando la mela e, senza sbucciarla, fatela a fette. Lavate bene  anche il radicchio e riducetelo a pezzi molto piccoli, lunghi un paio di centimetri.

Versate il radicchio e la mela in una ciotola, poi unite il melograno. Infine, mettete le scaglie di parmigiano reggiano sulla vostra insalata. A parte create un’emulsione di aceto, olio extravergine d’oliva ed un po’ di sale.

Versate questa emulsione nella ciotola, poi aggiungete altri chicchi di melograno e un altro strato di emulsione. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un piatto tra i più conosciuti ed apprezzati. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-10-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti