Risotto con pere e gorgonzola, un primo raffinato

Risotto con pere e gorgonzola
Commenti: 0 - Stampa

Risotto con pere e gorgonzola, un delicato equilibrio tra sapori diversi

Il risotto con pere e gorgonzola allo zafferano è un primo corposo, non troppo grasso e in grado di soddisfare tutti i palati. Si regge su un delicato equilibrio di sapori, capace di valorizzare la dolcezza delle pere con la sapidità del gorgonzola, in una prospettiva che premia i sentori agrodolci. E’ anche un risotto abbastanza semplice da realizzare, a patto ovviamente di seguire fedelmente le indicazioni e di rispettare le proporzioni tra le dosi. In alternativa vi è il rischio che l’equilibrio tra i sapori venga meno, e che un alimento prevalga sugli altri.

Quanto alla tipologia di riso, quella giusta è il Carnaroli. D’altronde, ormai da qualche decennio è diventato il riso “tipico” di ogni risotto. La sua caratteristica principale consiste nella resistenza alle cotture prolungate, che sopporta molto bene senza scuocersi. Inoltre, è in grado di assorbire i liquidi di cottura in maniera abbondante, sicché propone una decisa amalgama dei sapori. In quanto a valori nutrizionali, si pone sulla stessa linea delle altre tipologie di riso: l’apporto calorico è medio (350 kg), il contenuto di grassi minimo e la quantità di proteine è discreta.

Il gorgonzola è un formaggio salutare?

Tra le tante tipologie di formaggio che la tradizione è capace di offrire, il gorgonzola occupa un posto di rilievo, e quindi non potevamo non inserirlo nel nostro risotto con pere. E’ uno dei pochi formaggi con una erborinatura imponente, testimoniata dal sapore e dall’odore caratteristico e pungente, e dalle abbondati striature bluastre e grigie. E’ un formaggio speciale in quanto si presta sia al consumo in solitaria sia all’essere utilizzato come ingrediente. Proprio il risotto può essere definito come “l’habitat naturale” del gorgonzola.

Risotto con pere e gorgonzola

E’ vero, il gorgonzola è uno dei formaggi più calorici in assoluto, con i suoi 353 kcal per 100 grammi, ma apporta anche molti benefici dal punto di vista nutrizionale. In primis, è una inestimabile fonte di vitamine e sali minerali, con esplicito riferimento alla vitamina A, al calcio e al fosforo. Anche dal punto di vista proteico non è da meno, infatti contiene 27 grammi di proteine ogni 100 (meno del parmigiano reggiano, ma molto più di qualsiasi carne o pesce). L’unico difetto del gorgonzola consiste nel fatto che è abbastanza “impegnativo”, proprio a causa della presenza della muffa alimentare. Per questo motivo, le persone immunodepresse non dovrebbero abusarne. Il gorgonzola si sposa in particolare con le pere, che tra l’altro giocano un ruolo fondamentale in questa ricetta.

Lo zafferano, una spezia preziosa e ricca di proprietà nutritive

Lo zafferano, utilizzato nel nostro risotto con pere e gorgonzola, è una delle spezie più amate e diffuse. Pur provenendo da oriente, si è integrata stabilmente con la tradizione italiana, come si evince da alcuni piatti tipici lombardi (come il risotto allo zafferano). Come suggerisce il nome, gioca un ruolo importante nel risotto con pere e gorgonzola. Nello specifico, viene integrato nel riso poco prima della mantecatura.

Lo zafferano è una spezia preziosa non solo per il suo sapore e per il suo colore caratteristico, ma anche per le proprietà nutrizionali che sfociano nel terapeutico. E’ infatti ricco di vitamine del gruppo B e di sali minerali. Inoltre contiene il safranale, una sostanza che agisce sull’attività cerebrale calibrando i disturbi dell’umore e agendo come rilassante. Lo zafferano è anche ricco di antiossidanti, che contrastano l’azione dei radicali libero ed esercitano una funzione antitumorale.

Ecco la ricetta del risotto con pere e gorgonzola allo zafferano:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di riso Carnaroli;
  • 1 scalogno;
  • 3 pere rosse bio;
  • 1 noce di burro chiarificato;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 60 gr. di gorgonzola Igor;
  • una manciata di gherigli di noce;
  • q. b. di sale e pepe;
  • q. b. di vino bianco.

Preparazione:

Per la preparazione del risotto con pere e gorgonzola iniziate lavando per bene le pere e facendole asciugare. Quindi tagliate a cubetti due pere, la terza invece tagliatela a fettine sottili. Versate lo zafferano in poca acqua calda e scioglietelo per bene. Poi rimuovete la crosta del gorgonzola e fatelo a pezzi piccoli. Ora realizzate un trito non troppo fine con tre quarti dei gherigli di noce che avete a disposizione, l’altro quarto lasciatelo intero perché vi servirà per la decorazione. Dopo averlo sbucciato, realizzate un trito anche con lo scalogno. Fatelo appassire in un tegame insieme al burro sciolto, poi versate il riso e tostatelo per due minuti, senza smettere di mescolare; infine sfumate con del vino bianco.

Ora versate le pere a cubetti (con tutta la buccia) e rosolatele leggermente bagnando con un mestolo di acqua bollente. Poi continuate la cottura aggiungendo un po’ d’acqua ed un po’ di sale. Poco prima di spegnere il fuoco aggiungete lo zafferano, il pepe nero macinato ed il gorgonzola. Continuate a mescolare, poi spegnere la fiamma e fate riposare per un paio di minuti. Infine dorate in una padella le pere con un po’ di burro e le noci tritate che avevate messo da parte. Mettete le pere come decorazione intorno al piatto e ponete il risotto al centro. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-10-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti