Croccanti asparagi viola in pasta kataifi

Croccanti asparagi viola
Commenti: 0 - Stampa

Che cos’è la pasta kataifi?

La pasta kataifi è una preparazione simile alla pasta fillo, ridotta a capelli d’angelo. Sostanzialmente composta con farina ed acqua, variamente utilizzata nella cucina greca e medio-orientale. La caratteristica di questa pasta è di donare croccantezza alle pietanze e può essere indifferentemente utilizzata in ricette dolci o salate.

Se non riuscite a reperire la pasta kataifi potete sostituirla con pasta fillo, una variante completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca, diffusasi in Occidente solo di recente, fino a compromettere la supremazia delle più famose pasta sfoglia e pasta brisée. In realtà ha molto in comune con queste ultime perché possono essere considerata una derivazione. Si narra, infatti, che la pasta fillo sia stata preparata per la prima volta nel lontano XV secolo, a Istanbul, nel palazzo reale dell’imperatore ottomano. Da lì si è diffusa quasi subito in Grecia e poi nel resto dei Balcani.

La pasta fillo è simile alla sfoglia e alla brisée, è vero, ma vanta una caratteristica speciale, ossia è sottilissima. Infatti, gli strati che la compongono sono stesi così a lungo da sembrare trasparenti. Da cruda è anche tendenzialmente più secca, dunque è bene coprirla adeguatamente, in modo da non disidratarla del tutto. Un’altra particolarità risiede nel sapore, che è incredibilmente neutro. Ciò permette di utilizzarla tanto per i dolci quanto per le preparazioni salate. La preparazione a base di pasta più famosa è comunque la baklava, un dolce greco-turco dal ripieno molto corposo, realizzato principalmente con frutta secca.

Esiste un noto dolce greco, che si chiama proprio kataifi, composto da una matassina di pasta sottilissima, con miele e frutta secca. Un’altra ricetta molto diffusa e nota sono i gamberetti in pasta kataifi, croccanti e gustosi. Ma oggi abbiamo deciso di stupirvi ed al posto dei soliti gamberetti, abbiamo deciso di preparare croccanti asparagi viola in pasta kataifi.

Asparagi viola in pasta kataifi: un abbraccio croccante

Se siete alla ricerca di una portata sfiziosa per un aperitivo diverso dal solito, siamo certi adorerete questi sani, sfiziosi e croccanti asparagi viola in pasta kataifi. Questa preparazione è piuttosto semplice, ma non manca di stupire fin dal primo assaggio. La croccantezza della pasta kataifi costituisce un abbraccio perfetto per gli asparagi viola e ne preserva tenerezza e succosità. Gli asparagi sono tra i nostri ingredienti preferiti proprio perché leggeri, nutrienti e versatili. Li abbiamo utilizzati spesso per risotti, paste, vellutate, torte salate, ma quest’oggi avevamo voglia di renderli ancora più protagonisti.

Croccanti asparagi viola

Preparando questi croccanti asparagi viola in pasta kataifi portiamo a tavola una pietanza semplice, da mangiare al volo e magari da stuzzicare come accompagnamento, contorno o antipasto. Tra le portate da aperitivo, è particolarmente apprezzata ed è un buon modo per mangiare le verdure in maniera diversa dal solito, traendone tutti i benefici e le proprietà nutrizionali.

L’asparago viola di Albenga

L’ultima varietà di asparagi della quale vi parlerò è quella viola di Albenga che, come suggerisce il nome stesso, possiede questo tipo di tonalità. Allo stesso tempo, nella parte del gambo, vanta numerose sfumature di tale colore, che riescono a rendere questo prodotto a dir poco unico. Coltivato in tutta Savona, il suo sapore è abbastanza intenso, motivo per cui questo alimento viene utilizzato per grigliate e come contorno per altre preparazioni.

Tra le altre varietà di asparagi, oltre a quello comune e ai più particolari di cui vi ho appena parlato, troviamo alcuni un po’ difficili da reperire:

  • pungente (Asparagus acutifolius), selvatico e molto amato;
  • amaro (Asparagus maritimus), una specie rara e reperibile sulle coste adriatiche;
  • selvatico (Asparagus tenuifolius), anche questo abbastanza raro e reperibile soprattutto nei boschi submediterranei;
  • marino (Asparagus aphyllus) e l’asparago spinoso (Asparagus stipularis).

Intingendo il tutto nella Bernese

I nostri croccanti asparagi viola in pasta kataifi sono buoni da gustare anche in autonomia ma, dobbiamo ammetterlo, intinti nella salsa bernese ottengono un sapore extra in più. La bernese è una salsa tipica francese, composta da dragoncello, scalogno, vino, uova e burro chiarificato. Questa salsa è molto versatile e può essere utilizzata per accompagnare diversi tipi di preparazione, soprattutto carni ai ferri, arrosti e pollame. Prepararla è semplice e gustarla è un vero piacere!

Anche la croccantezza della kataifi trova un giusto ed armonico coronamento nella bernese. Perché dovremmo farne a meno? Per tutti gli ospiti è un divertimento in più poter assaporare gli asparagi intingendoli nella salsa oppure gustandoli “al naturale”. La tavolata non sarebbe dunque completa senza questo tocco chic in più!

Ed ecco la ricetta degli asparagi viola in pasta kataifi:

Ingredienti:

  • 250 gr. pasta kataifi
  • 200 gr. di vino bianco secco
  • 150 gr. di burro chiarificato
  • 2 scalogni
  • 2 tuorli
  • 2 mazzi di asparagi viola
  • q. b. di dragoncello
  • 2 cucchiai di aceto di riso
  • q. b. d’olio di arachide
  • un pizzico di sale e pepe in grani

Preparazione:

Cominciate dedicandovi alla salsa bernese. Lavate gli scalogni, liberateli dalle impurità e tritateli finemente. Mettete gli scalogni tritati in una casseruola con un po’ di vino, qualche grano di pepe ed un ciuffo di dragoncello. Lasciate sfumare il vino, attendendo che si riduca per circa 15 minuti. Filtrate, infine, il liquido. Sbattete poi i tuorli a bagnomaria con metà del vino ristretto allo scalogno. Fondete il burro chiarificato e amalgamatelo assieme alle uova montate, versandolo a filo. Unite poi il vino rimasto ed insaporite con un pizzico di sape ed un goccio d’aceto.

Ripulite gli asparagi e rivestiteli, uno per volta, di pasta kataifi, avendo cura di lasciare fuori le punte. Friggete gli asparagi così rivestiti, in una padella con 2 dita d’olio. Lasciate in cottura per circa 3- 5 minuti in un olio non troppo caldo. Gli asparagi dovranno essere dorati fuori ma morbidi all’interno. Scolateli e serviteli con accompagnamento di salsa bernese al dragoncello.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti