Halloween: vellutata di zucca, una leggenda

vellutata di zucca
Commenti: 1 - Stampa

Halloween: riscopriamo la vellutata di zucca, tra leggende e delicati sapori. La festa di Halloween ha antichissime origini celtiche. La tradizione della zucca, però, si deve, in certo senso, agli americani. Dovete sapere infatti che, all’inizio, l’ortaggio che veniva intagliato per ricreare sembianze umane più o meno mostruose, e per fungere da lanterna, era la rapa, e non la zucca. A metà Ottocento, una terribile carestia però colpì l’Irlanda. Molte persone furono costrette ad emigrare negli Stati Uniti dove tramandarono l’usanza di Halloween. Qui, però, al posto della rapa vennero utilizzare delle grandi zucche americane, più facilmente reperibili e semplici da incidere.

La rapa di Halloween, antenata dell’odierna zucca, deve il suo successo all’antica leggenda irlandese del fabbro Jack O’ Lantern, uomo furbo, avaro e ubriacone che riuscì ad ingannare il diavolo per ben due volte, obbligandolo a rinunciare a portare la sua anima all’inferno. Quando il vecchio Jack morì, la sua anima non riuscì ad entrare né in Paradiso né all’Inferno. Infatti, il diavolo lo condannò a vagare in eterno, dandogli un tizzone ardente da posizionare all’interno di una rapa cava per farsi luce nel buio dell’eternità. La notte di Halloween, secondo quanto riporta la leggenda, è quella in cui Jack va in cerca di un rifugio: la sera del 31 ottobre, davanti ad ogni casa viene appesa una lanterna per indicare all’infelice anima errante di non avvicinarsi.

Col tempo, la zucca è diventata simbolo inequivocabile di Halloween in ogni angolo del Pianeta. Basti considerare che, in questi giorni, questo ortaggio dalle innumerevoli proprietà benefiche e dagli ottimi valori nutrizionali colora di arancione case, uffici, negozi, scuole … trasformandosi grazie all’estro dei più creativi anche in saporitissime ricette. Una di queste è la vellutata di zucca, sapientemente rivisitata per aggiungere un tocco di mistero e magia al piatto.

Senza glutine, senza lattosio: una vellutata di zucca nutriente, ma con gusto!

Ad Halloween, la vellutata di zucca è una delle migliori proposte senza glutine e senza lattosio per assicurarti un figurone con amici, parenti, bambini … In più, oltre ad essere spaventosamente accattivante, è molto buona e nutriente. Per prepararla ho scelto i migliori prodotti, tra questi il Formaggio Fresco Cremoso Senza Lattosio Exquisa. Questo formaggio è davvero diverso dal solito: rispetto ad altri prodotti simili, infatti, vanta una consistenza e un gusto delicato, un sapore autentico, che ci ricorda perfettamente la sua natura di latticino.

Parlo di sapori e di consistenza, per esperienza diretta. Infatti, ho scelto di introdurre il Formaggio Fresco Cremoso di Exquisa sia nelle ricette che vi presento ogni giorno, sia negli spuntini preparati per me e per i miei familiari. Il formaggio di Exquisa, senza conservanti e senza lattosio (<0,01g/100g) è altamente digeribile, ma anche molto più cremoso rispetto a molti altri prodotti similari (ed è questo uno dei principali punti di forza di questo formaggio). Non solo è infinitamente cremoso, è anche molto versatile! Il Formaggio Fresco Cremoso di Exquisa è perfetto per eseguire ricette sia dolci sia salate, per preparare snack e aperitivi e, come nel caso di Halloween, per festeggiare occasioni speciali.

Sono contenta di portare in tavola un formaggio spalmabile adatto proprio a tutti e, allo stesso tempo, sono felice di poter dare ogni giorno libero sfogo alla mia creatività in cucina. Inoltre, questo formaggio si presenta come un’ottima fonte di proteine che sostengono lo sviluppo di muscoli, la crescita dei bambini e la nostra salute a livello generale. In sostanza, se cercate un latticino fresco e genuino, il formaggio cremoso di Exquisa merita di sicuro un assaggio! Ne rimarrete certamente soddisfatte, provare per credere!

vellutata di zucca

La zucca, ortaggio autunnale miracoloso!

La zucca, che appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, giunse in Europa nel XVI secolo. Si diffuse successivamente anche nel nostro Paese, soprattutto nel nord Italia, dove diventò presto l’ingrediente principale di numerose ricette tradizionali. Oltre ad essere apprezzata per il suo sapore unico, tra il dolce e il vellutato, la zucca è amata per le innumerevoli proprietà benefiche. Si tratta di un’ortaggio miracoloso per il nostro organismo: nutriente ma con poche calorie, che non è poco! Versatile, si presta a mille usi in cucina.

Col suo riconoscibile color arancio e il suo gusto inconfondibile, la zucca è indubbiamente la regina degli ortaggi d’autunno. E poi quante sostanze nutrienti: basti pensare che è ricca di vitamine, dalla A alla B alla C. In particolare, vanta livelli molto alti di betacarotene, il precursore della Vitamina A, un antiossidante molto potente.

Per questo motivo, questa verdura autunnale è un portentoso antiossidante: limita di fatto la formazione di radicali liberi e aiuta anche nella prevenzione contro i tumori. Non solo, è ricca di fibre: ci aiuta a raggiungere facilmente un buon livello di sazietà e facilita un corretto funzionamento dell’intestino e un migliore assorbimento di zuccheri e grassi.

La flora intestinale si riequilibra, con buona pace dell’organismo e del nostro buon umore. Per chi soffre di stitichezza, di colite e di emorroidi è quindi un vero toccasana. Tra le sue proprietà, anche l’Omega-3, un grasso buono che contrasta la formazione del colesterolo nel sangue, abbassa la pressione sanguigna e migliora la circolazione, evitando quindi l’insorgere di ictus, infarti e altre malattie cardiovascolari.

E non è tutto….

La zucca, grazie al suo altissimo apporto di acqua, risulta essere anche un valido alleato nella lotta contro la ritenzione idrica. Favorisce di fatto la diuresi e aiuta l’organismo a ripulirsi dalle tossine e a sgonfiarsi. Allo stesso modo, favorisce la salute delle vie urinarie ed elimina i parassiti intestinali.

Inoltre, se siete dei tipi ansiosi e/o stressati, la zucca può fare al caso vostro. Grazie alla quantità di magnesio contenuta in questo ortaggio, godrete di un rilassante muscolare naturale e di indubbi benefici psico-fisici. Contro l’insonnia e la depressione poi, vi aiuterà il triptofano, una sostanza che aiuta nella produzione della serotonina.

Al di fuori della cucina, la zucca viene utilizzata anche nella produzione di prodotti di bellezza. Le proprietà lenitive e antiossidanti di questa verdura vi aiuteranno a mantenere la pelle giovane e levigata. L’effetto emolliente e purificante della zucca, inoltre, la rende l’ingrediente ideale per la preparazione di maschere viso fai da te. Ricordate, poi, che è l’ideale anche per fortificare unghie e capelli fragili.

Buona in cucina, ottima per la salute, aiuta dall’interno con effetti visibili anche all’esterno! Non stupisce, quindi, che l’abbia scelta per una ricetta da leccarsi i baffi, soprattutto ad Halloween! Vediamo subito insieme come preparare la vellutata di zucca, pronta da gustare in meno di un’ora. Buon appetito!

Ed ecco la ricetta per la  vellutata di zucca

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 gr. di zucca al netto dello scarto
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1/2 scalogno
  • 250 ml di brodo vegetale
  • 1 rametto timo
  • q.b. sale e pepe
  • curry a piacere
  • 1 confezione di formaggio fresco cremoso Senza Lattosio Exquisa
  • 1 cucchiaio di semi di zucca

Preparazione :

Versate un cucchiaio di olio extra vergine di oliva in un tegame, unitevi lo scalogno tritato e soffriggete per un minuto.

Eliminate la buccia e i semi della zucca, tagliatela a dadini e aggiungetela allo scalogno, unite anche il timo, aggiungete sale e pepe, lasciate insaporire per un paio di minuti.

Aggiungete il brodo vegetale caldo e fate cuocere per circa 20-25 minuti, o finché non riuscirete ad infilare la zucca con una forchetta.

Allontanate dal fuoco ed eliminate il rametto di timo.Frullate con un frullatore ad immersione.

Aggiungete il curry, 130 gr. di formaggio cremoso senza lattosio Exquisa e amalgamate bene. Versate la vellutata in due ciotole.

Con una forchetta lavorate il formaggio cremoso rimasto, mettetelo in una sacca da pasticceria con il beccuccio liscio e sottile.

Disegnate 4 cerchi sulla vellutata, con uno stuzzicadenti partite dal centro e tirate verso l’esterno per formare una ragnatela. Disegnate anche le righe dal centro all’esterno con il formaggio cremoso. Infine, decorate la ragnatela con i semi di zucca.

5/5 (453 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

1 commento su “Halloween: vellutata di zucca, una leggenda

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Madeleine con zucca

Madeleine con zucca, il dolcetto perfetto per Halloween

Madeleine con zucca, un perfetto incontro tra gusto ed estetica Si sa, quando lo scopo è creare dei dolcetti per Halloween anche l’occhio vuole la sua parte, e in senso creativo per giunta....

Risotto di Halloween con salsiccia

Risotto di Halloween con salsiccia, un primo da...

Risotto di Halloween, un primo creativo Il risotto di Halloween non è un risotto come tutti gli altri, d’altronde potete vederlo voi stessi, guardando semplicemente la foto. Ciò che colpisce di...

Brunch di Halloween

Brunch di Halloween, un tris di ricette da...

Perché un brunch ad Halloween? Chi lo ha detto che Halloween si festeggia solo di sera, con il favore delle tenebre? Certo, la festa è associata all’oscurità, alle tematiche horror e noir....

Ragnetti bon bon

Ragnetti bon bon: goliardia e gusto ad Halloween

Ragnetti bon bon bicolore: un dolce economico Volete fare la classica bella figura ad Halloween ma allo stesso tempo vorreste spendere il meno possibile? Preparate dei deliziosi ragnetti bon bon...

Cupcakes ragni salati

Cupcakes ragni salati: una delizia per Halloween!

Cupcakes ragni salati alla zucca: non un dolce come gli altri Come suggerisce il nome i cupcakes ragni salati alla zucca non sono i classici dolcetti di Halloween. Anzi, di dolce hanno davvero...

Tortini di zucca e cioccolato

Tortini di zucca: un Halloween a prova di...

Tortini di zucca, mandorle e cioccolato: belli da vedere e buoni da gustare I tortini di zucca, mandorle e cioccolato sono i dolci perfetti per Halloween, appuntamento che ormai ha preso piede anche...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti