Una nuova collaborazione con Exquisa

nasce una nuova collaborazione
Stampa

L’esperienza al servizio dei consumatori.

Da oggi nasce una nuova collaborazione con Exquisa. Un’azienda che tiene molto alle intolleranze alimentari tanto da creare nuove linee.

Chi soffre di intolleranze o di allergie alimentari, sa quanto può essere complicato trovare le materie prime per preparare i propri pasti senza rischi. Per fortuna negli ultimi anni, sono nate sempre più marche che offrono, ad esempio, alimenti senza lattosio o senza glutine. Anche i supermercati, allo stesso tempo, sono sempre più attenti alla salute dei consumatori.

Per questo, sono sempre pronta a parlarvi di nuovi ingredienti e di nuove marche che ci rendono la vita molto più facile e sana. Da oggi, nasce la mia collaborazione con Exquisa Italia. Questa impresa con una larga traiettoria nella lavorazione del latte, fin dal 1969, negli ultimi anni si è avvicinata alle necessità dei consumatori con intolleranze, proponendo una vasta gamma di prodotti senza glutine ma soprattutto senza lattosio!

collaborazione exquisa

Questa nuova collaborazione con Exquisa e i prodotti per intolleranze

Con il passare degli anni, i valori di Exquisa non sono cambiati. Freschezza, naturalità, qualità, genuinità e affidabilità sono solo alcune delle caratteristiche che distinguono i prodotti dell’impresa. Al centro della lavoro di Exquisa, però, ci sono le esigenze dei consumatori. Per questo, la marca offre una vasta gamma di alimenti biologici e prodotti senza lattosio e senza glutine.

La linea NOA, ad esempio, è formata da alimenti a base di proteine vegetali e senza glutine, come l’hummus o altre creme spalmabili. Allo stesso tempo, Exquisa propone una serie di basi fresche, come la pasta sfoglia e la pasta brisée, senza lattosio, ma anche adatte a vegani e vegetariani.

EXQUISA varie copertina vert al

Una serie di alimenti senza lattosio

Chi soffre di intolleranza al lattosio sa quando può essere difficile gustare i derivati del latte o trovare ricette che non prevedano l’uso di questi ingredienti. Nonostante ciò, sono sempre più gli alimenti sostitutivi presenti sul mercato. Latticini, formaggi, salse e tanti altri prodotti che contengono derivati del latte, infatti, possono essere reperiti nella versione senza lattosio.

Exquisa, infatti, prevede almeno un prodotto, per ogni linea, senza la presenza di lattosio. Fiocchi di latte o formaggi freschi cremosi sono solo alcune delle possibilità proposte dalla marca. I prodotti di Exquisa sono un’opportunità in più per tutte quelle persone che non vogliono rinunciare a mangiare in maniera sana e senza rischi!

Nasceranno ricette speciali come la cheesecake alla papeda

La cheesecake alla papeda non è una cheesecake come le altre. Potete notarlo voi stessi leggendo la lista degli ingredienti o guardando la foto. L’elemento che balza immediatamente all’occhio è la presenza della papeda. La cheesecake è una torta di per sé particolare, che concede ampio margine di creatività per quanto concerne la glassa e la decorazione. In questo caso, però, siamo oltre i canoni della ricetta tradizionale. A ricoprire il dolce è proprio la papeda, un frutto molto singolare e sconosciuto, che può offrire più di qualche soddisfazione.

E’ un agrume nel vero senso della parola, caratterizzato da una polpa abbastanza amara e da una buccia decisamente aromatica. E’ quest’ultima ad essere utilizzata con una certa frequenza, soprattutto in alcune ricette del sud est asiatico. Tuttavia, la cheesecake alla papeda integra anche la polpa, infatti la copertura è realizzata con delle fettine di papeda. La ragion d’essere di questo frutto è data anche dal suo valore nutrizionale, che è davvero significativo. Il riferimento è alla tradizionale abbondanza di vitamina C, condivisa con gli altri agrumi, e alle sue proprietà pseudoterapeutiche, come quelle antinfiammatorie e antisettiche. Il suo sapore, benché amaro, è anche gradevole se utilizzato in dosi equilibrate.

Una farcia squisita per la nostra cheesecake

La papeda non è l’unica discriminante di questa suggestiva cheesecake. Anche la farcia, infatti, è diversa dalle altre. Avrete già notato che la panna manca del tutto, infatti viene sostituita dalla ricotta, che può offrire molto sotto il profilo organolettico. Tra l’altro, la farcia comprende anche la buccia di papeda grattugiata e il suo succo.

Cheesecake alla papeda

Nella farcitura troviamo anche il formaggio spalmabile Exquisa. Si tratta di un formaggio spalmabile diverso dagli altri, forte di un potere organolettico che ha pochi eguali, frutto di un’accurata selezione delle materie prime. D’altronde, Exquisa ci ha abituati alla sua capacità di coniugare gusto e genuinità. Per chi soffre di intolleranza al lattosio, Exquisa ha predisposto anche varianti prive di questa sostanza, che sono altrettanto buone.

Perché abbiamo preferito il burro chiarificato?

Tra gli ingredienti della cheesecake alla papeda troviamo anche il burro chiarificato. Molti di voi non lo usano, infatti è molto diffuso oltre i confini nazionali, dove viene impiegato per la cottura, in sostituzione dell’olio. Questa sua ragion d’essere è giustificata dalla totale assenza di caseina, che rende il burro adatto alle elevate temperature. Il burro chiarificato, tuttavia, è più calorico di quello standard (anche perché la caseina è meno calorica del grasso), ma rimane un ottimo elemento di supporto per la cottura.

Ma cosa ci fa il burro chiarificato nella ricetta di una cheesecake? Esattamente quello che fa il burro standard, ossia viene sciolto e unito ai biscotti tritati per formare la base della torta (previo riposo in frigorifero). La sua presenza è giustificata da un altro elemento di differenziazione rispetto al burro standard, ossia essere neutro dal punto di vista organolettico. Il burro chiarificato, infatti, ha un sapore più tenue, che si sposa perfettamente con le preparazioni dolciarie. Grazie al burro chiarificato, la base saprà più di biscotto e meno di burro, rendendo la torta molto più equilibrata e gradevole al palato.

Ecco la ricetta della cheesecake alla papeda:

Ingredienti per 6 persone:

Per la base:

  • 200 gr. di biscotti tipo digestive o frollini consentiti,
  • 90 gr. di burro chiarificato fuso.

Per la farcia:

  • 250 gr, di formaggio cremoso spalmabile Exquisa,
  • 250 gr. di ricotta consentita,
  • 90 gr. di zucchero di canna a velo,
  • 2 papeda,
  • 3 fogli di colla di pesce.

Per la finitura:

  • 1/2 papeda a fettine,
  • 2 cucchiai di pistacchi greci,
  • qualche fogliolina di menta.

Preparazione:

Per la preparazione della cheesecake alla papeda iniziate tritando i biscotti con il mixer, poi metteteli in una ciotola con il burro sciolto e mescolate con cura. Versate questo composto in una tortiera con il bordo rimovibile precedentemente imburrata. Distribuite il composto in modo uniforme e livellate per bene, poi lasciate in frigo per un’ora. Ora occupatevi della farcia. In una ciotola versate il formaggio cremoso, la scorza ben sminuzzata della papeda, il suo succo, lo zucchero e la ricotta. Infine, mescolate abbondantemente con la frusta fino a ricavare un composto cremoso.

Ammollate la colla di pesce per 10 minuti, poi scolatela e scioglietela in un pentolino insieme a 3 cucchiai di acqua già calda. Ora aggiungete la colla di pesce alla farcia e mescolate. Recuperate la tortiera dal frigorifero, versate la farcia sulla base e livellate per bene. Fate riposare in frigo per circa 3 ore. Intanto sbucciate i pistacchi (sbollentati per pochi minuti) e ricavatene un trito molto fine. Passate le tre ore (o più), estraete il dolce dalla tortiera, aggiungete qualche fettina di papeda a mo’ di decorazione, guarnite con il trito di pistacchi e con qualche foglia di menta.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti