Aperitivo estivo, una soluzione sfiziosa e leggera per mantenere la linea

Tempo di preparazione:

Per mantenere la linea, senza rinunciare alla golosità, c’è l’ aperitivo estivo

Nonostante l’estate stia finendo, le giornate sono ancora calde e assolate: non è forse il momento migliore per gustarsi un aperitivo estivo? Il tutto all’insegna della freschezza e della golosità, senza però rinunciare alla linea!

Quella che vi propongo oggi, è una ricetta semplice e sfiziosa, da condividere durante una cena in terrazza con gli amici o un pranzo in famiglia.

L’aperitivo estivo è un pinzimonio d’altri tempi, con pane carasau per dare croccantezza, verdure ed fiocchi di latte Exquisa la nota fresca e delicata, ed i gamberi per una golosità irrinunciabile. Il tutto, insaporito da una citronette con erba cipollina. Cosa possiamo volere di più?

Per un tocco di originalità in più, ci sono i fiocchi di latte Exquisa

È un peccato rinunciare alla linea dopo i tanti sforzi fatti per la prova costume, quindi, ho scelto di usare i fiocchi di latte con yogurt Exquisa, una nota delicata, sfiziosa e leggera.

Come mai sono così buoni? Io credo che il loro segreto stia nella genuinità degli ingredienti con cui sono realizzati.

Latte scremato pastorizzato, yogurt magro (con solo il 3% di grassi), crema di latte, sale e addensanti: tutto qui!

E per chi soffre d’intolleranza al lattosio? Non temete, Exquisa ha una soluzione: grazie alla sua linea pensata appositamente per far fronte ai problemi alimentari di tutti!

Con il pane carasau, l’aperitivo estivo ha tutto un altro sapore!

Alcuni lo definiscono “carta da musica”, perché è croccante, sottile e senza mollica, ma noi lo conosciamo come pane carasau.

Il protagonista del nostro aperitivo estivo è proprio quest’alimento tipicamente sardo, la cui realizzazione è lunga e laboriosa.Ve la spiego rapidamente.

Innanzitutto, si lavora il lievito, sciolto in acqua tiepida, mescolandolo alla farina. Il tutto, viene impastato all’interno di una madia di legno, finché tutti gli ingredienti saranno amalgamati.

Successivamente, la pasta ottenuta viene energicamente sbattuta su un tavolo, poi allargata e schiacciata in modo da ottenere un composto liscio e senza grumi.

A questo punto, c’è la fase della lievitazione, che avviene all’interno di conche di terracotta.

Quando l’impasto avrà iniziato a lievitare, viene diviso in tocchi regolari, che poi vengono avvolti in teli di lana o di lino, e lasciati riposare.

Finalmente si passa alla cottura in forno a 450 – 500 °C. Il calore così forte fa sì che i dischi di pane si gonfino fino a formare una palla.

Ora c’è il passaggio più delicato, perché, molto rapidamente, si deve dividere la palla di pane in due semisfere, evitando che le due parti si affloscino.

Infine, tutti i pezzi vengono cotti una seconda volta. Ed ecco che l’ottimo pane carasau è pronto!

Sapevate che, molti lo consumano anche a colazione?

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr. di fiocchi di latte senza lattosio Exquisa
  • 2 carote
  • un cetriolo
  • un peperone rosso e uno giallo
  • 200 gr. di gamberi freschi
  • 100 gr. di pane carasau Madrigali
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale

Per la citronette

  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di succo e scorza di limone
  • qualche bacca di pepe rosa
  • qualche filo d’erba cipollina
  • q.b. sale

Preparazione

La bontà dell’aperitivo estivo sta tutta nella sua semplicità. Iniziate scottando i gamberi in una padella con 2 cucchiai d’olio. Quando avranno raggiunto un color rosa intenso, saranno pronti.

Nel frattempo, pulite le carote, i peperoni ed il cetriolo, quindi tagliate il tutto a fette sottili.

Passate ora alla preparazione della citronette. In una ciotola, versate l’olio, il succo di limone, l’erba cipollina sminuzzata, sale e pepe rosa in grani. Emulsionate il condimento con una frusta.

Infine, servite gli ingredienti in ciotoline separate: nella prima riponete le verdure, nella seconda il pane carasau spezzato, nella terza i gamberi e, per finire, i fiocchi di latte nella quarta.

Buon appetito!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *