Baccalà al latte di cocco e patate, ottimo piatto

Baccala al latte di cocco
Commenti: 0 - Stampa

Il profumo del mare del baccalà al latte di cocco e patate

Il baccalà al latte di cocco e patate è un piatto dal gusto un po’ esotico dalle note organolettiche molto intense, dovute alla presenza di ingredienti abbinati in maniera sapiente e originale. Quello che rende sicuramente particolare questa preparazione è la combinazione tra il baccalà e il cocco, ma decisiva è anche la presenza di una spezia che scopriremo in questa ricetta: la polvere di wasabi.

Quest’ultima dà vita ad un condimento piccante ideale per piatti di pesce. Digestiva e rinfrescante, oltre ad essere antibatterica e decongestionante, la polvere di wasabi è ideale per conferire ad ogni piatto una nota di sapore più deciso. Il baccalà al latte di cocco e patate acquista così un tocco di sapore, ma non di colore: il piatto risulta all’aspetto molto delicato e neutro. Impossibili non farsi ammaliare dal dolce profumo del cocco.

Baccalà: il pesce bianco più consumato al mondo

La scelta del baccalà come ingrediente principe di questa nostra ricetta non è casuale: questo pesce possiede una carne soda che gli garantisce un’elevata versatilità in cucina. Il suo sapore è caratteristico ed è oggi uno dei pesci più consumati al mondo. Il baccalà al latte di cocco e patate gode di benefiche proprietà nutritive e può essere collocato al centro della nostra tradizione gastronomica mediterranea.

Il baccalà al latte di cocco e patate vanta proprietà nutrizionali non trascurabili essendo infatti una miniera di Omega 3 benefico per il sistema cardiocircolatorio e per la pressione sanguigna. A questo si va ad aggiungere l’alto contenuto in fosforo che lo rende perfetto non solo per i bambini, ma anche per gli anziani chiamati a contrastare in ogni modo gli effetti delle malattie degenerative tipiche della terza età.

Baccalà al latte di cocco

Il “ruolo” del cocco nel baccalà al latte di cocco e patate

Il cocco, frutto amatissimo dai bambini per via della sua particolare forma e per la sua croccante dolcezza, viene declinato in cucina, specie di recente, in preparazioni originali e versatili. Il baccalà al latte di cocco e patate acquista, proprio per via di questo ingrediente, una cremosità unica ed impareggiabile che regge bene il confronto con quella che si otterrebbe con l’uso di semplice farina.

Il baccalà al latte di cocco e patate oltre dunque a fornire Omega 3 e fosforo, si rende miniera di quel bagaglio di vitamine e proteine che rendono il cocco un valido alleato del sistema immunitario, del cervello, del fegato e dello stomaco. In questa ricetta utilizzeremo anche il latte di cocco, una bevanda vegetale che rende questa ricetta ideale anche per gli individui affetti da intolleranze al lattosio.

Ed ecco la ricetta del Baccalà al latte di cocco

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. baccalà ammollato fresco
  • un bicchiere di bevanda al cocco
  • 50 gr. polpa di cocco fresco
  • 2 patate medie
  • un cucchiaio di aceto di mele
  • 1 cucchiaio amido di mais
  • 1 cucchiaio di polvere di wasabi
  • poco olio di riso
  • una cipolla fresca media
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Tagliate il baccalà in cubetti grandi, sciacquatelo e asciugatelo bene.

Passate questi cubetti nell’amido di mais e fateli rosolare in padella con un cucchiaio di olio di riso, aggiustate di sale e pepe e sfumate con un cucchiaio di aceto di mele.

Aggiungete la cipolla tagliata a cubetti, le patate a fette, il latte di cocco e un bicchiere di acqua calda e fate cuocere per circa 10 minuti a fiamma moderata.

Aggiungete poi il wasabi e la polpa di cocco fresca grattugiata grossolanamente e continuate la cottura per altri 10 minuti.

Servite accompagnando con del riso basmati cotto e con dei semi cardamomo se graditi

5/5 (489 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al mango

Semifreddo al mango, un dessert fresco e fruttato

Semifreddo al mango, un dessert diverso dagli altri Il semifreddo al mango è un dessert squisito, diverso dagli altri per gusto, impatto visivo e procedimento di preparazione. Inoltre, viene...

Quadrotti in crosta con tartufo

Quadrotti in crosta con tartufo per la Festa...

Quadrotti in crosta con fonduta di tartufo, tra il rustico e il gourmet I quadrotti in crosta con fonduta di tartufo sono un primo piatto molto corposo, tra il rustico e il gourmet. I sapori sono...

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso

Tartufini di pan di Spagna al cocco per...

Tartufini di pan di Spagna: una coccola per la festa della donna E' arrivata la festa della donna! Quest’anno ditelo con i tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero. Non c’è gesto più...

Bocconcini mimosa

Bocconcini mimosa, ideali per la Festa della Donna

Bocconcini mimosa, un’idea semplice ma azzeccata I bocconcini mimosa sono un’idea suggestiva, gustosa e facile da preparare per la Festa della Donna. Sono anche a tema, in quanto rievocano i...

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, buoni sempre I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao sono un’idea davvero sfiziosa, colorata per un dessert in...

Cestini croccanti con crema e frutta

Cestini croccanti con crema e frutta, gioia al...

Cestini croccanti con crema e frutta fresca, il momento ideale per questo dessert I cestini croccanti con crema e frutta fresca sono un’idea davvero carina, oltre che gustosa, per un dessert, una...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti