Tartufini di pan di Spagna al cocco per festa della donna

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso
Commenti: 0 - Stampa

Tartufini di pan di Spagna: una coccola per la festa della donna

E’ arrivata la festa della donna! Quest’anno ditelo con i tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero. Non c’è gesto più bello ed apprezzabile di regalare qualcosa fatto con amore e con le proprie mani. Per questo, anche quest’anno, non facciamo eccezione ed abbiamo messo a lavoro le meningi per trovare un’idea originale che possa piacere alle nostre care donne.

In occasione della festa della donna, o semplicemente per esprimere dolcezza, amore e vicinanza, abbiamo scelto questi dolci tartufini. La speranza è che questi prelibati bocconcini al profumo di cocco possano sorprendere col loro sapore ricco e la loro morbidezza. Il tutto si compone su di un pan di Spagna speciale fatto con cocco e riso nero. La vostra donna ama il cocco, il cioccolato bianco ed il limoncello? Sicuramente questi tartufini la conquisteranno e la sua felicità sarà la vostra migliore soddisfazione.

Il limoncello, uno dei liquori italiani più conosciuti ed apprezzati. E’ apprezzato da tutti per la sua freschezza, per il gusto dolce e agrumato, e per la sua versatilità. Il limoncello è buono sempre, che venga servito a fine pasto, piuttosto che in solitaria. E’ anche ingrediente di molte torte e crostate. Le origini del limoncello sono in parte leggendarie, ma si sa qualcosa di più circa il periodo in cui ha iniziato a diffondersi. A cavallo delle due guerre mondiali, alcuni locali della costiere amalfitana hanno iniziato a servirlo come ammazzacaffè. La ricetta, poi, ha spopolato, in primis in Campania e successivamente nel resto d’Italia. La piena diffusione, però, si è verificata solo a partire dagli anni ottanta.

Il successo del limoncello è dovuto non solo per le sue eccezionali proprietà organolettiche, ma anche per la semplicità della ricetta. Infatti, può essere preparato anche in casa, dal momento che gli ingredienti sono pochi e facilmente reperibili. Certo, occorre impiegare limoni di qualità, meglio se di origine campagna. Sicuramente i limoni devono essere biologici, ovvero non trattati chimicamente, anche perché l’ingrediente principale del limoncello è la buccia.

Un dessert elegante a portata di finger food

Il bello di preparare questi tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero è proprio il fatto che uno tira l’altro. Non se ne hanno mai abbastanza perché ad ogni assaggio sembra emergere una sfaccettatura di sapore che non avevamo notato precedentemente. La dolcezza del cioccolato bianco e la cremosità del mascarpone, regalano a questi tartufini un sapore particolarmente dolce, stemperato dall’alcool del limoncello.

Proprio la quantità di mascarpone va dosata sapientemente in relazione alla consistenza del pan di Spagna che si usa come base. Non abbiate timore di ridurre lievemente la dose indicata di mascarpone, nel caso in cui il composto risulti già fin troppo morbido, procedendo ad aggiungerne cucchiaiate piano piano.

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso

Le proprietà nutrizionali del cocco

Le nostre ricette tengono sempre in considerazione l’importanza delle proprietà nutrizionali. Non facciamo certo eccezione proprio in questo caso. Anzi, essendo una pietanza destinata alla donna, era importante scegliere qualcosa di speciale. Con l’assunzione del cocco stimoliamo il sistema immunitario, il cervello e sosteniamo la salute di fegato e stomaco.

Il cocco è un frutto ricco di sali minerali, vitamine e potassio. In particolare, il cocco contiene zinco, ferro, rame, magnesio e fosforo. Particolarmente rilevante è anche il contenuto di amminoacidi, zuccheri e fibre. La polpa di cocco è comunque piuttosto calorica ma aiuta a liberare l’organismo dalle impurità, tanto da avere effetti positivi anche sugli eventuali problemi di meteorismo ed intestinali.

Di pan di spagna sul sito ne trovate in quantità industriale e come molte farine senza glutine completamente differenti fra loro. Percui se non vi ispira quello scelto da me con cocco e riso nero sostituitelo con quello che vi pare più nelle vostre corde oppure di cui avete le farine in casa. Se non vi piace il limoncello potete aromatizzare con l’essenza di arancia o del Cointrieau o Grand Marnier.  Se fate questo cambio utilizzate anche la scorza dell’arancia anzicheè quella del limone. Ho provato anche a farli con del pandoro che mi era avanzato da Natale e devo dire che il risultato mi ha soddisfatto comunque. Via libera alla fantasia in cucina!

Ed ecco la ricetta dei tartufini di pan di Spagna al cocco e riso nero:

Ingredienti per 12 tartufini:

  • 150 gr. di pan di Spagna cocco e riso nero,
  • 150 gr. di cocco grattugiato,
  • 100 gr. di cioccolato bianco consentito,
  • 150 gr. di mascarpone consentito,
  • la scorza grattugiata di 1 limone,
  • 1/2 bicchierino di limoncello.

Preparazione:

Sbriciolate il pan di Spagna (come si fa per preparare i cake pops) e raccogliete le briciole in una terrina in cui aggiungerete 50 gr. di cocco rapè ed il cioccolato bianco tritato. Unite il mascarpone e mescolate il composto. Abbiate cura di dosare il mascarpone, in relazione alla reazione dell’impasto. Qualora il pan di Spagna sia più secco, sarà necessario unire più mascarpone, al contrario potrebbe essere eccessiva la dose indicata.

Profumate il tutto con la scorza grattugiata di un limone ed il bicchierino di limoncello. Continuate lavorando con le mani fino ad ottenere un impasto morbido e modellabile. Prendete una porzione d’impasto e lavoratela tra le mani fino ad ottenere una pallina grande quando una noce. Rotolate la pallina nel cocco grattugiato. Adagiate i tartufini pronti nei pirottini e ripetete l’operazione fino a conclusione dell’impasto.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al mango

Semifreddo al mango, un dessert fresco e fruttato

Semifreddo al mango, un dessert diverso dagli altri Il semifreddo al mango è un dessert squisito, diverso dagli altri per gusto, impatto visivo e procedimento di preparazione. Inoltre, viene...

Quadrotti in crosta con tartufo

Quadrotti in crosta con tartufo per la Festa...

Quadrotti in crosta con fonduta di tartufo, tra il rustico e il gourmet I quadrotti in crosta con fonduta di tartufo sono un primo piatto molto corposo, tra il rustico e il gourmet. I sapori sono...

Bocconcini mimosa

Bocconcini mimosa, ideali per la Festa della Donna

Bocconcini mimosa, un’idea semplice ma azzeccata I bocconcini mimosa sono un’idea suggestiva, gustosa e facile da preparare per la Festa della Donna. Sono anche a tema, in quanto rievocano i...

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, buoni sempre I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao sono un’idea davvero sfiziosa, colorata per un dessert in...

Cestini croccanti con crema e frutta

Cestini croccanti con crema e frutta, gioia al...

Cestini croccanti con crema e frutta fresca, il momento ideale per questo dessert I cestini croccanti con crema e frutta fresca sono un’idea davvero carina, oltre che gustosa, per un dessert, una...

Teglia di rape e patate

Teglia di rape e patate gratinate allo zafferano

Teglia di rape e patate gratinate, il contorno ideale per la Festa della Donna La teglia di rape e patate gratinate allo zafferano è un contorno molto abbondante. Anzi, proprio per l’elevato...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti