Teglia di rape e patate gratinate allo zafferano

Teglia di rape e patate
Commenti: 0 - Stampa

Teglia di rape e patate gratinate, il contorno ideale per la Festa della Donna

La teglia di rape e patate gratinate allo zafferano è un contorno molto abbondante. Anzi, proprio per l’elevato potere nutrizionale potrebbe essere considerato un piatto completo. E’ anche una ricetta che offre molto dal punto di vista estetico, una vera gioia per gli occhi, oltre che per il palato, in grado di mettere allegria al tavolo. Proprio in virtù di questo, e per la predominanza del colore giallo, tradizionalmente associato alla mimosa, consiglio di preparare questa ricetta per la Festa della Donna, ricorrenza che va onorata concedendosi qualcosa di sfizioso.

A stupire, di questa ricetta, è anche la quantità degli ingredienti, leggermente superiore alle altre preparazioni gratinate. Tengo a precisare, però, che non si tratta di una ricetta ipercalorica, anche perché l’apporto di grassi aggiunti è ridotto al minimo. Tra l’altro, la scelta degli ingredienti è azzeccata, in quanto i sapori si sposano a meraviglia l’uno con l’altro. E’ anche una preparazione che può essere consumata da chi soffre di intolleranza alimentari. A questo aspetto dedicherò l’ultimo paragrafo.

Il Montasio, un formaggio da non sottovalutare

Uno dei protagonisti della teglia di rape e patate gratinate allo zafferano è il Montasio. Si tratta di un formaggio DOP di origine friulana, non molto conosciuto oltre i confini del Triveneto ma che merita di essere preso in considerazione. In questa ricetta fa le veci del parmigiano, non a caso va applicato da grattugiato. Pertanto, consiglio di utilizzare la variante molto stagionata (esistono anche varianti a media stagionatura e fresche). Il Montasio è comunque molto differente dal parmigiano: leggermente meno salato, un po’ più grasso e dotato di una precisa identità dal punto di vista organolettico.

Teglia di rape e patate

Il Montasio è un formaggio estremamente nutriente. Sia chiaro, l’apporto calorico è solo leggermente superiore a quello del parmigiano, almeno nella sua variante stagionata. L’apporto in termini di proteine, però, è eccezionale: 24 grammi ogni 100, un valore estremamente elevato e superiore alla stragrande maggioranza delle carni. La variante ultra-stagionata viene impiegata sulla pasta, nella forma grattugiata. La variante fresca e semistagionata, invece, si abbina alla perfezione con la frutta secca e le pere. Tra i vini da abbinare, il Merlot, il Pinot Nero, il Cabernet Franc ed il Refosco.

Un contorno adatto a tutti

Uno dei pregi di questa interessante teglia di rape e patate è la possibilità di essere consumata anche da chi soffre di intolleranze alimentari, o almeno delle due intolleranze più diffuse: quella al lattosio e quella al glutine. Nessuno degli ingredienti, infatti, presenta queste sostanze. I carboidrati non provengono da alimenti cerealicoli bensì dalle patate, mentre i derivati del latte sono o naturalmente privi di lattosio (come il Montasio DOP stagionato), o delattosati (come la besciamella, la ricotta e il burro.) A tal proposito ci tengo a precisare che il processo di rimozione del lattosio è in genere completamente naturale, tra l’altro praticato sin dall’epoca pre-industriale, dunque senza l’impiego di elementi chimici o poco salutari.

Tra l’altro, il processo di rimozione del lattosio non toglie nulla al sapore. La ricotta, il burro e la besciamella delattosati al palato sono indistinguibili rispetto alle loro varianti normali. Anche questa è la forza della teglia di rape e patate gratinate allo zafferano, la capacità di coniugare il valore dell’accessibilità a quello del gusto. Vi consiglio quindi di prepararla e di gustarla, anche perché la ricetta, come vedrete di seguito, è davvero semplice, richiede poco tempo e non è necessaria nessuna competenza particolare.

Ecco la ricetta della teglia di rape e patate gratinate allo zafferano

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 gr. di patate a pasta gialla;
  • 130 gr. di rapa bianca;
  • 4 cucchiai colmi di besciamella consentita;
  • 2 cucchiai di Montasio DOP stagionato;
  • 1 cucchiaio di ricotta consentita;
  • 1 noce di burro chiarificato;
  • q. b. di sale e pepe nero;
  • latte intero consentito per stemperare.

Preparazione:

Per preparare la teglia di rape e patate iniziate lavando e sbucciando le patate e la rapa che taglierete a fette sottili di circa mezzo centimetro, poi lessatele per circa 10 minuti. Il grado di cottura è particolare, ossia devono essere cotte ma leggermente croccanti. Scolate e lasciate che si raffreddino. Nel frattempo preriscaldate il forno a 180 gradi in funzione statica. Spalmate un sottile strato di burro in quattro teglie monoporzione in ceramica, poi adagiateci le fette di rapa e la patata alternandole l’una all’altra.

Dopo aver fatto leggermente scaldare il latte con dentro lo zafferano, versateci la ricotta e la besciamella, mescolate energicamente aiutandovi con una frusta. Adesso unite anche il Montasio grattugiato, aggiustate di sale, di pepe e se necessario integrate con un po’ di latte: il composto deve comunque risultare abbastanza liquido, fluido e morbido. Adesso spalmate questo composto su ciascuna teglia, coprendone bene la superficie. Applicate una spolverata di Montasio e cuocete nel forno preriscaldato per circa un quarto d’oro. Concludete con un rapido passaggio sotto al grill se volete creare un po’ di crosta. Servite il piatto caldo e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al mango

Semifreddo al mango, un dessert fresco e fruttato

Semifreddo al mango, un dessert diverso dagli altri Il semifreddo al mango è un dessert squisito, diverso dagli altri per gusto, impatto visivo e procedimento di preparazione. Inoltre, viene...

Quadrotti in crosta con tartufo

Quadrotti in crosta con tartufo per la Festa...

Quadrotti in crosta con fonduta di tartufo, tra il rustico e il gourmet I quadrotti in crosta con fonduta di tartufo sono un primo piatto molto corposo, tra il rustico e il gourmet. I sapori sono...

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso

Tartufini di pan di Spagna al cocco per...

Tartufini di pan di Spagna: una coccola per la festa della donna E' arrivata la festa della donna! Quest’anno ditelo con i tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero. Non c’è gesto più...

Bocconcini mimosa

Bocconcini mimosa, ideali per la Festa della Donna

Bocconcini mimosa, un’idea semplice ma azzeccata I bocconcini mimosa sono un’idea suggestiva, gustosa e facile da preparare per la Festa della Donna. Sono anche a tema, in quanto rievocano i...

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, buoni sempre I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao sono un’idea davvero sfiziosa, colorata per un dessert in...

Cestini croccanti con crema e frutta

Cestini croccanti con crema e frutta, gioia al...

Cestini croccanti con crema e frutta fresca, il momento ideale per questo dessert I cestini croccanti con crema e frutta fresca sono un’idea davvero carina, oltre che gustosa, per un dessert, una...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti