Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella
Commenti: 0 - Stampa

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, buoni sempre

I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao sono un’idea davvero sfiziosa, colorata per un dessert in allegria. Io personalmente li propongo per la Festa della Donna, ricorrenza molto importante e che – ritengo – possa essere onorata garantendo un buon pasto per sé e per gli amici/amiche. Anche perché questi deliziosi bicchierini al crumble, potremmo definirli pure così, sono molto semplici da preparare. Di per sé il crumble è una ricetta semplicissima, ma anche la crema pasticciera “rinforzata” non è da meno.

Tra l’altro, non è nemmeno un dessert particolarmente calorico. I carboidrati, per esempio, sono ridotti al minimo e sono forniti da circa due biscotti (ovviamente sbriciolati) per porzione. Altre fonti di calorie potrebbero essere fornite dall’uovo e dall’amido di mais. Tuttavia, le dosi sono davvero ridotte: la ricetta prevede l’impiego di un solo uovo e di un solo cucchiaio di amido. La quantità di zucchero richiesta, poi, non è per niente eccessiva: un cucchiaio e mezzo circa, equivalente a un centinaio di calorie.

Il crumble, un dolce tipico dalla cucina anglosassone

Chi è appassionato di cucina anglosassone conosce certamente i crumble. D’altronde, sono alcune delle preparazioni dolciarie più caratteristiche della tradizione gastronomica inglese. Sempre che si possa parlare di “preparazione”, la ricetta è davvero semplice e, se escludiamo le creme che fanno da contorno, essa si riduce a un’operazione di “sbriciolamento” dei biscotti. Ciò non significa che il crumble sia banale o privo di gusto, anzi può essere declinato in molti modi, a seconda del tipo di biscotto e della crema che viene impiegata.

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella

I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao testimoniano, appunto, la versatilità del concetto di crumble. In questo caso, i crumble non formano la base per una torta bensì per un dessert da consumare al cucchiaio, posto all’interno di bicchierini appunto. Il crumble interviene anche nella fase finale, ovvero durante la decorazione. La ricetta si conclude infatti con una bella spolverata di biscotti sbriciolati e di altri ingredienti.

Bicchierini di crema allo zafferano e cannella, un dessert per tutti

I bicchierini di crema allo zafferano e cannella con crumble al cacao vantano molti pregi. Il gusto, ovviamente, ma anche l’impatto visivo che gioca sulle tonalità del giallo (determinate anche dallo zafferano). Questa ricetta, però, spicca anche per l’accessibilità. Può essere infatti consumata anche da chi manifesta problemi nell’assorbimento di glutine e lattosio, dunque intolleranti e celiaci. Gli ingredienti che ho scelto per questa ricetta, infatti, non contengono nè l’una nè l’altra sostanza.

I biscotti, per esempio, sono senza glutine, per quanto indistinguibili al palato da quelli “normali”. Allo stesso modo, il latte che si utilizza per creare la crema è senza lattosio. A tal proposito tengo a precisare che il processo di rimozione del lattosio segue canoni naturali, dunque in alcun modo riconducibili ad elementi di natura chimica poco raccomandati. D’altronde la delatosizzazione viene praticata da anni, per tale motivo è un processo naturale e non industriale.

Ecco la ricetta dei bicchierini di crema allo zafferano

Ingredienti per 4 persone:

Per la crema:

  • 300 ml. di latte consentito,
  • 1 pizzico di stimmi di zafferano di ottima qualità,
  • un cucchiaio colmo di amido di mais,
  • 1 uovo,
  • un cucchiaio e ½ di zucchero di canna,
  • 1 pizzico di cannella.

Per il crumble:

  • 8 biscotti al cacao,
  • 2 cucchiai di gherigli di noci pecan,
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna,
  • 1 cucchiaio di Rum,
  • scaglie di mandorla per decorare.

Preparazione:

Per la preparazione dei bicchierini di crema allo zafferano iniziate scaldando il latte in un pentolino ma non portatelo ad ebollizione, inserite anche gli stimmi di zafferano e mescolate fino a quando il latte non avrà acquisito un bel colore giallo. Filtrate il latte in modo da rimuovere gli stimmi e mettete il tutto da parte. Versate i biscotti e le noci pecan in un mortaio, pestate fino a ottenere briciole grossolane, aggiungete il rum, lo zucchero e mescolate con le mani. Infine, adagiate il composto così ottenuto, ovvero il crumble, sul fondo di 4 bicchieri di dessert trasparenti (mettetene da parte un po’ di crumble per la decorazione finale).

In una ciotola mescolate, possibilmente con la frusta, le uova e lo zucdhero, dopodiché aggiungete l’amido setacciandolo gradualmente con un colino a maglie strette. Infine aggiungete anche la cannella, senza smettere di mescolare, ed il latte. Versate il composto su un pentolino e riscaldatelo a fiamma alta, una volta in ebollizione abbassate la fiamma e fate andare la cottura per circa tre minuti mescolando delicatamente.

Una volta che il composto si sarà trasformato in una crema densa distribuitela nei bicchierini, sulla base fatta con i crumble. Conservate in frigo per un paio d’ore e servite spolverizzato con un po’ di crumble precedentemente messo da parte e qualche scaglia di mandorla.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al mango

Semifreddo al mango, un dessert fresco e fruttato

Semifreddo al mango, un dessert diverso dagli altri Il semifreddo al mango è un dessert squisito, diverso dagli altri per gusto, impatto visivo e procedimento di preparazione. Inoltre, viene...

Quadrotti in crosta con tartufo

Quadrotti in crosta con tartufo per la Festa...

Quadrotti in crosta con fonduta di tartufo, tra il rustico e il gourmet I quadrotti in crosta con fonduta di tartufo sono un primo piatto molto corposo, tra il rustico e il gourmet. I sapori sono...

Tartufini di pan di Spagna al cocco e riso

Tartufini di pan di Spagna al cocco per...

Tartufini di pan di Spagna: una coccola per la festa della donna E' arrivata la festa della donna! Quest’anno ditelo con i tartufini di Pan di Spagna al cocco e riso nero. Non c’è gesto più...

Bocconcini mimosa

Bocconcini mimosa, ideali per la Festa della Donna

Bocconcini mimosa, un’idea semplice ma azzeccata I bocconcini mimosa sono un’idea suggestiva, gustosa e facile da preparare per la Festa della Donna. Sono anche a tema, in quanto rievocano i...

Cestini croccanti con crema e frutta

Cestini croccanti con crema e frutta, gioia al...

Cestini croccanti con crema e frutta fresca, il momento ideale per questo dessert I cestini croccanti con crema e frutta fresca sono un’idea davvero carina, oltre che gustosa, per un dessert, una...

Teglia di rape e patate

Teglia di rape e patate gratinate allo zafferano

Teglia di rape e patate gratinate, il contorno ideale per la Festa della Donna La teglia di rape e patate gratinate allo zafferano è un contorno molto abbondante. Anzi, proprio per l’elevato...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti