bg header
logo_print

Gnocchi di patate viola: un primo piatto gourmet e colorato

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

gnocchi di patate viola
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 40 min
cottura
Cottura: 3 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Colora i tuoi primi piatti con le patate viola

Gli gnocchi di patate viola sono un ingrediente che si basa sulla ricetta classica degli gnocchi. Tuttavia, le patate comuni vengono sostituite dalle patate viola che danno un tocco di colore e di sapore diverso rispetto all’elaborazione tradizionale. Un modo per creare nuovi abbinamenti e per sorprendere famiglia e invitati con la rivisitazione di un piatto tradizionale.

Se siete già esperti nella preparazione degli gnocchi normali, questa ricetta non avrà segreti per voi. Gli gnocchi di patate viola sono ideali sia per i vegetariani che per i celiaci in quanto prevedono l’utilizzo della farina di riso e dell’amido di mais, ingredienti senza rischio per intolleranti al lattosio e al glutine.

Ricetta gnocchi di patate viola

Preparazione gnocchi di patate viola

  • In una pentola con abbondante acqua salata fate cuocere le patate senza sbucciarle.
  • Toglietele dall’acqua, pelatele ancora calde e passatele con lo schiacciapatate, facendo cadere la polpa in una terrina.
  • Aggiungete alle patate schiacciate la farina, l’uovo intero sbattuto e un pizzico di sale.
  • Impastate fino ad avere un composto sodo e liscio.
  • Prendete un pezzetto di composto alla volta e, lavorandolo con le mani su di un piano infarinato, formate dei piccoli filoncini che taglierete in piccoli pezzetti della lunghezza di circa 2 cm.
  • Passate i pezzi ottenuti con i rebbi di una forchetta o sull’apposito attrezzo rigato, schiacciandoli leggermente per fargli assumere la caratteristica forma. Gli gnocchi di patate viola sono pronti per le vostre deliziose ricette!

Ingredienti gnocchi di patate viola

  • 800 gr. di patate viola
  • q. b. di farina di riso
  • 1 uovo
  • sale

Le patate viola: ottimi ingredienti per piatti creativi

Nonostante non siano molto utilizzate all’interno della gastronomia italiana tradizionale, le patate viola, dette anche “vitellotte”, permettono di creare tanti piatti diversi, come i nostri gnocchi di patate viola. Il loro sapore più deciso, quasi simile a quello delle castagne, infatti, permette di creare nuovi abbinamenti con salse, carne o altri vegetali. Come le patate normali, originarie del Perù , e sono sempre più presenti sulle nostre tavole, in quanto vengono coltivate anche in alcune zone dell’Italia e della Francia.

gnocchi di patate viola

Si possono cucinare al forno, fritte, lessate e in molti altri modi. Nella ricetta degli gnocchi di patate viola, fate lessare le patate senza sbucciarle e poi passatele con lo schiacciapatate. Mantenere la buccia, infatti, permette di non perdere le proprietà antiossidanti di questo tubero, ricco di antocianine.

Farina di riso e amido di mais a prova di celiachia

Questi gnocchi sono perfetti sia per gli intolleranti al glutine che al lattosio. Invece della farina normale, infatti, richiede l’utilizzo della farina di riso che dà la possibilità di preparare ricette senza glutine, dal pane alla pasta, dai dolci alle salse. Si può trovare in molti supermercati visto che è sempre più richiesta per la preparazione di ricette per i celiaci.

Oltre alla farina di riso, gnocchi di patate viola prevedono l’utilizzo anche dell’amido di mais. Denominato anche maizena, questo ingrediente, da non confondere con la farina di mais, viene utilizzato in cucina principalmente come addensante ed è un buon sostituto in caso di intolleranza al glutine.

Qualche alternativa alla farina di riso

La farina di riso è un’ottima soluzione per preparare degli gnocchi di patate viola (bianchi o a pasta gialla) dal sapore equilibrato e dalla consistenza gradevole. Tuttavia, a parere mio, è possibile utilizzare anche altre farine senza glutine, soprattutto se il vostro scopo è quello di conferire al piatto un tocco esotico. Sto parlando delle farine di grano saraceno, di quinoa e di amaranto.

La farina di grano saraceno, in particolare, conferisce un sapore corposo e una tonalità più scura rispetto alle altre farine. E’ ricca di proteine, fibre e minerali essenziali come magnesio e ferro, inoltre questa farina è compatibile con un’alimentazione equilibrata, favorisce il senso di sazietà e il benessere digestivo.

La farina di quinoa presenta invece un profilo aromatico delicato e vagamente rustico, che si sposa bene con condimenti leggeri e saporiti. Questa farina è particolarmente apprezzata per il suo elevato contenuto di proteine, proprio per questo è considerata una soluzione efficace da chi segue diete vegetali.

In ultimo la farina di amaranto, una farina che impreziosisce gli gnocchi con un gusto ben riconoscibile che tende al dolce. La farina di amaranto è nutrizionalmente valida poiché fornisce proteine, calcio, magnesio e fibre. Contiene anche la lisina, un aminoacido spesso assente in altre farine che favorisce l’assimilazione delle proteine.

Perché gli gnocchi sono viola?

Il tratto più caratteristico di questa ricetta consiste nel colore degli gnocchi che corrisponde a un color viola intenso, ciò è dovuto alle patate viola. Da cosa deriva questo colore? Semplice, il colore è dovuto all’elevato contenuto di antocianine. Queste sostanze sono contenute in tanti altri ortaggi e verdure che vantano una tonalità simile: melanzane, radicchio, barbabietola etc.

La presenza delle antocianine non è significativa solo dal punto di vista cromatico, infatti impatta anche sul piano nutrizionale. Le antocianine sono dei formidabili antiossidanti che riducono gli effetti dei radicali liberi, favoriscono la riparazione del DNA e aiutano a prevenire il cancro. Secondo recenti studi le antocianine, come tanti altri antiossidanti, rallentano anche l’invecchiamento della pelle.

Il condimento migliore per gli gnocchi di patate viola

Gli gnocchi di patate viola hanno un sapore più delicato rispetto agli gnocchi classici, tendente al dolce e con un retrogusto vagamente rustico. A mio parere andrebbe evitata la salsa di pomodoro che con il suo tocco acidulo coprirebbe le note leggere degli gnocchi, oltre che il loro colore così caratteristico.

Invece potrebbero andare bene il burro e la salvia che si preparano in pochi minuti, il tempo necessario affinché che gli gnocchi emergano sul pelo dell’acqua. Potreste optare anche per un pesto leggero come il pesto di rucola, di peperoni o di barbabietola.

Un altro condimento leggero e delizioso per gli gnocchi può essere realizzato con olio extravergine di oliva, aglio fresco tritato, una spolverata di pepe nero e un po’ di succo di limone per aggiungere freschezza. Per arricchire il piatto si possono aggiungere erbe aromatiche tritate come il prezzemolo o il basilico, oppure una manciata di Parmigiano grattugiato.

FAQ sugli gnocchi di patate viola

A cosa fanno bene le patate viola?

Le patate viola sono benefiche per la salute grazie al loro alto contenuto di antocianine, che hanno proprietà antiossidanti e riducono la probabilità di contrarre il cancro e le malattie cardiache. Sono inoltre una buona fonte di fibre e vitamina C, che supportano la salute digestiva e il sistema immunitario.

Che gusto ha la patata viola?

La patata viola ha un sapore simile a quello delle patate tradizionali, ma con una nota leggermente più dolce e rustica. La sua consistenza è densa e leggermente cremosa, il che la rende ideale per molte preparazioni culinarie, dalla cottura al forno alla frittura.

Come condire gli gnocchi di patate viola?

Per condire gli gnocchi di patate viola si può optare per salse leggere che non ne sovrastino il colore e il sapore caratteristico. Una semplice salsa al burro e salvia, o un pesto leggero di noci, sono delle ottime scelte. Il Parmigiano Grattugiato o il Pecorino possono essere aggiunti per dare un tocco di sapore extra senza appesantire il piatto.

Come rendere più morbidi gli gnocchi?

Per rendere più morbidi gli gnocchi, è fondamentale utilizzare una quantità minima di farina durante la preparazione, in modo da evitare che diventino troppo densi. Inoltre è bene cuocerli in abbondante acqua salata bollente e toglierli dall’acqua non appena salgono in superficie, in questo modo si evita una cottura eccessiva che potrebbe conferire una consistenza gommosa e sgradevole.

Ricette gnocchi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...

glassa reale

Ghiaccia reale, la regina delle decorazioni in pasticceria

Come usare la ghiaccia reale sulle torte La ghiaccia reale è una risorsa inestimabile per chi prepara le torte, a tal proposito vanta almeno due applicazioni. La prima è anche la più ricorrente,...

glassa all'acqua

Glassa all’acqua colorata, un modo creativo per decorare

Come scegliere i coloranti alimentari I coloranti sono un elemento fondamentale per questo peculiare tipo di glassa all’acqua, in quanto la vivacizzano e gli conferiscono un certo potenziale...