Gnocchi di patate viola: un primo piatto colorato

gnocchi di patate viola
Commenti: 0 - Stampa

Colora i tuoi primi piatti con le patate viola

Gli gnocchi di patate viola sono un ingrediente che si basa sulla ricetta classica degli gnocchi. Tuttavia, le patate comuni vengono sostituite dalle patate viola che danno un tocco di colore e di sapore diverso rispetto all’elaborazione tradizionale. Un modo per creare nuovi abbinamenti e per sorprendere famiglia e invitati con la rivisitazione di un piatto tradizionale.

Se siete già esperti nella preparazione degli gnocchi normali, questa ricetta non avrà segreti per voi. Gli gnocchi di patate viola sono ideali sia per i vegetariani che per i celiaci in quanto prevedono l’utilizzo della farina di riso e dell’amido di mais, ingredienti senza rischio per intolleranti al lattosio e al glutine.

Le patate viola: nuovi abbinamenti per momenti creativi

Nonostante non siano molto utilizzate all’interno della gastronomia italiana tradizionale, le patate viola, dette anche “vitellotte”, permettono di creare tanti piatti diversi, come i nostri gnocchi di patate viola. Il loro sapore più deciso, quasi simile a quello delle castagne, infatti, permette di creare nuovi abbinamenti con salse, carne o altri vegetali. Come le patate normali, provengono dal Sudamerica e sono sempre più presenti sulle nostre tavole, in quanto vengono coltivate anche in alcune zone dell’Italia e della Francia.

gnocchi di patate viola

Si possono cucinare al forno, fritte, lessate e in molti altri modi. Nella ricetta degli gnocchi di patate viola, fate lessare le patate senza sbucciarle e poi passatele con lo schiacciapatate. Mantenere la buccia, infatti, permette di non perdere le proprietà antiossidanti di questo tubero, ricco di antocianine.

Farina di riso e amido di mais a prova di celiachia

Questi gnocchi sono perfetti sia per gli intolleranti al glutine che al lattosio. Invece della farina normale, infatti, richiede l’utilizzo della farina di riso che dà la possibilità di preparare ricette senza glutine, dal pane alla pasta, dai dolci alle salse. Si può trovare in molti supermercati visto che è sempre più richiesta per la preparazione di ricette per i celiaci.

Oltre alla farina di riso, gnocchi di patate viola prevedono l’utilizzo anche dell’amido di mais. Denominato anche maizena, questo ingrediente, da non confondere con la farina di mais, viene utilizzato in cucina principalmente come addensante ed è un buon sostituto in caso di intolleranza al glutine.

Ed ecco la ricetta degli gnocchi di patate viola

Ingredienti per gli gnocchi

  • 800 gr. di patate viola
  • q.b.di farina di riso
  • 1 uovo
  • sale

Preparazione

In una pentola con abbondante acqua salata fate cuocere le patate senza sbucciarle. Toglietele dall’acqua, pelatele ancora calde e passatele con lo schiacciapatate facendo cadere la polpa in una terrina. Aggiungete alla patate schiacciate la farina, l’uovo intero sbattuto e un pizzico di sale.

Impastate fino ad avere un composto sodo e liscio. Prendete un pezzetto di composto alla volta e lavorandolo con le mani su di un piano infarinato formate dei piccoli filoncini che taglierete in piccoli pezzetti della lunghezza di circa 2 cm. che passerete sui rebbi di una forchetta  o sull’apposito attrezzo rigato schiacciandoli leggermente  per far loro assumere la caratteristica forma.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

Glassa a specchio

Glassa a specchio senza glutine e lattosio

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Brodo di gallina

Brodo di gallina, una ricetta versatile e leggera

Brodo di gallina, una preparazione molto utile Il brodo di gallina è leggero, salutare e nutriente. E’ una preparazione della cucina più tradizionale e vanta molti utilizzi, per esempio può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, una base eccellente per dolci e...

Alcune importanti precisazioni sulla pasta biscotto La pasta biscotto è una preparazione che sembra facile ma occorre fare molta attenzione senza attingere ad un bagaglio di conoscenze sbagliato....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti