bg header
logo_print

Purè di patate viola, un concentrato di antiossidanti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

pure di patate viola
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
2.8/5 (4 Recensioni)

Purè di patate viola, un’alternativa al normale purè

Il purè di patate viola è la classica preparazione che sorprende a prima vista. Il motivo è ovviamente il colore, che rompe una consuetudine, ovvero quella secondo cui le patate sono gialle. Ebbene, di patate esistono svariate tipologie, tra cui quelle viola. Il colore è dato dall’abbondanza di antocianine, sostanze che fungono da antiossidanti e rendono meno probabile l’insorgenza del cancro; inoltre rallentano l’invecchiamento e limitano gli effetti dei radicali liberi. Ma le patate viola stupiscono anche per il sapore, che ricorda da vicino quello delle patate gialle o delle patate bianche farinose. Il loro sapore, però, esprime anche una nota che richiama alla frutta secca, e in particolare alla nocciola.

Per quel che riguarda le proprietà nutrizionali, oltre alla presenza delle antocianine, le patate viola non differiscono molto dalle altre varietà. Infatti sono ricche di carboidrati, vitamine, sali minerali e amido. La quantità di grassi è leggermente superiore al normale, infatti possono raggiungere le 90 kcal per 100 grammi. E’ facile preparare il purè di patate viola? Assolutamente sì, anzi il procedimento non differisce da quello di qualsiasi altro purè. Si lessano le patate, poi si passano nello schiacciapatate e si uniscono al burro ammorbidito. Dopodiché si cuociono brevemente nel latte affinché acquisiscano la consistenza cremosa tipica dei purè.

Ricetta purè di patate viola

Preparazione purè di patate viola

Sbucciate le patate viola, sciacquatele sotto l’acqua corrente  e tagliatele a pezzi piuttosto grossi.

Mettetele in una pentola con abbondante  acqua salata e fatele cuocere per circa 15 minuti, o comunque fino a che  non saranno tenere.

Scolatele e mentre sono ancora calde  passatele nello schiacciapatate facendo cadere la polpa direttamente in un  tegame . Aggiungete il burro a pezzi, il sale, la noce moscata  e mescolate fino a che il burro non si sarà sciolto e amalgamato alle patate viola.

Mettete il tegame sul fuoco molto basso e poco alla volta aggiungete  il latte. Mescolate delicatamente e fate cuocere il purè  fiamma bassa fino a che  non è cremoso e comincia a sobbollire. Spegnete il fuoco e guarnitelo con l’erba cipollina tritata.

Servite il purè di patate viola ben caldo e fumante.

Ingredienti purè di patate viola

  • 1 kg. di patate viola o violette
  • 200 ml. di latte intero consentito
  • 50 gr. di burro chiarificato
  • q. b. di noce moscata
  • q. b. di erba cipollina. 

L’immancabile contributo del latte

Il latte gioca un ruolo fondamentale nella preparazione del purè di patate viola, come di qualsiasi altro purè. Riguardo al latte è necessario seguire due accorgimenti. In primo luogo, è meglio non esagerare con le dosi, altrimenti si rischia di coprire il sapore delle patate e di trovarsi con un purè troppo liquido. In secondo luogo occorre scegliere “bene” tra latte intero e parzialmente scremato. Io consiglio il latte intero, in quanto è più saporito e quindi emerge con più intensità. Va detto che però è più grasso è più calorico di circa il 40%.

Soffrite di intolleranza al lattosio? Non temete, non dovrete rinunciare al purè di patate viola. Infatti potete utilizzare un latte senza lattosio, scegliendo tra le molte varietà presenti nei supermercati. Anche in questo caso potete scegliere un prodotto di qualità, che possa replicare al cento per cento il sapore del latte “normale”. Vi ricordo che il processo di delattosamento prevede il semplice inserimento dell’enzima lattasi nel latte, una sostanza non presente in chi soffre di intolleranza al lattosio.

Il ruolo del burro nel purè di patate viola

Anche il burro gioca un ruolo importante nella ricetta del purè di patate viola. Negli altri purè la sua presenza non è obbligatoria e può essere compensata dall’abbondanza di amido di alcune tipologie di patate, come le bianche farinose. In questo caso, essendo le patate viola non così ricche di amido, è fondamentale in quanto rende la polpa di patate più omogenea, morbida e pronta per essere cotta per qualche altro minuto insieme al latte. State però molto attenti a scegliere il burro giusto. In particolare dovreste optare per il burro chiarificato, che risulta privo di caseine. Proprio per questo il burro chiarificato ha un sapore delicato, in grado di agire senza coprire le patate e il latte.

In secondo luogo il burro chiarificato resiste meglio al calore, infatti le caseine tendono a carbonizzarsi. Non è un caso che il burro chiarificato venga impiegato spesso per friggere e soffriggere, in sostituzione dell’olio. Infine, il burro chiarificato è totalmente privo di lattosio. L’unico difetto del burro chiarificato sono le calorie maggiori rispetto al burro standard. Un prezzo da pagare, visti i vantaggi che apporta.

Come aromatizzare il purè di patate viola?

Il purè di patate viola è una ricetta sorprendente ed equilibrata, come dimostra l’uso moderato delle spezie. Di base la lista degli ingredienti ne comprende due: la noce moscata e l’erba cipollina. La prima viene integrata quasi subito insieme al burro, con le patate appena schiacciate nel passino. La seconda viene aggiunta alla fine, quasi a mo’ di decorazione. Il loro impatto sul sapore è importante. La noce moscata conferisce alla preparazione un tocco lievemente pungente in grado di stuzzicare il palato.

Tuttavia non esagerate con le dosi della noce moscata perché si tratta pur sempre di una spezia coprente, inoltre ad alti dosaggi la noce moscata è lievemente allucinogena. L’erba cipollina invece restituisce un sentore fresco che ricorda la cipolla, senza la pesantezza di quest’ultima. Alcuni aggiungono anche il rosmarino alla purea di patate, un’ottima idea se desiderate un purè dal sapore forte e leggermente amarognolo.

Ricette purè ne abbiamo? Certo che si!

2.8/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...