Pesto di pomodori secchi , sapore intenso

Pesto siciliano
Commenti: 6 - Stampa

Il pesto di pomodori secchi vede la sua nascita nella splendida Sicilia. Ricca di sole e di terre ideali per la coltivazione dei pomodori, elemento principale di questa gustosissima ricetta.

Ideale per condire la pasta, molto usato con sedani rigati, tagliatelle e trofie, ma anche servibile come salsa per bruschette e focacce. La pasta con il pesto di pomodori secchi è un primo piatto veloce e semplice per l’estate.

Il pesto con pomodori secchi, per ingredienti e metodo di preparazione, è a tutti gli effetti, nient’altro che una variante del più famoso pesto verde ligure, che invece è a base di basilico e pinoli.

In questa ricetta verranno usati pomodori secchi e mandorle che, abbinati al basilico e all’ olio d’oliva, creeranno un pesto dal sapore molto saporito, intenso e avvolgente. Questa ricetta si presta a tante variazioni e potete dare il vostro personale tocco in base ai vostri gusti cambiando la frutta secca se non volete mettere le mandorle potete utilizzare le noci o i pinoli.

Non è la stessa cosa però! Due amiche siciliane aggiungono anche i capperi dissalati ma ho preferito rimanere fedele alla ricetta originale. Se fate questa scelta potete aggiungere i capperi insieme agli altri ingredienti nel frullatore.

Hai mai provato il Pesto di pomodori secchi ?

Questa preparazione è nota in tutto il sud Italia ma vede la Sicilia come la sua terra natia. Potremo utilizzare questo pesto in alternativa, per variare e proporre qualcosa di diverso, abbinandolo con del formaggio grattugiato, grana o pecorino.

Il sapore deciso e unico di questo pesto alla siciliana o pesto rosso è indicato con dei vini rossi corposi in grado di contrastare con sapori altrettanto intensi.

Del resto il pomodoro, ingrediente caratteristico di questa salsa e che ne conferisce l’aroma, non a caso è il numero uno di tutti gli orti mondiali! Grazie alla facilità con cui cresce, alla sua bontà e alle sue proprietà benefiche, il pomodoro in poche centinaia di anni ha invaso le nostre tavole.

Pesto siciliano

Il pesto siciliano e le sue numerose proprietà benefiche

Il pomodoro è un ingrediente versatile in cucina e dalle proprietà benefiche  altrettanto impressionanti. Sono veri e propri frutti in piena regola, e raggiungono la loro piena maturazione durante i mesi estivi. I pomodori sono composti dal 94% di acqua; un 3%di carboidrati, mentre le proteine sono calcolate intorno all’1,2%, le fibre all’1% e, da ultimo, i grassi rappresentano lo 0,2%.

I pomodori fanno bene, e inoltre grazie alle vitamine B,D,E, in essi contenute garantiscono eccellenti proprietà antiossidanti e vitaminizzanti per il nostro corpo.

Ricchi anche di preziosi minerali come ferro, zinco, selenio, fosforo e calcio associati a citrati, tartrati e nitrati agiscono in combinazione garantendo proprietà rimineralizzanti ed antiradicaliche.

Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti particolari, soprattutto per quanto concerne la conservazione degli ingredienti nel tempo.

Porsi la domanda è comunque utile, dal momento che spesso si avverte l’esigenza di un pasto veloce, e di ridurre il tempo ai fornelli. In quel caso, cosa c’è di meglio di una salsa pronta ma, allo stesso tempo, casereccia e di qualità? Leggete a questo link tutte le informazioni necessarie per la conservazione del pesto.

Ed ecco la ricetta del pesto siciliano di pomodori secchi

Ingredienti per 4 persone

  • 40 gr mandorle
  • una manciata di foglie di basilico
  • 1 spicchio aglio
  • 100 gr pomodori secchi
  • 50 gr parmigiano reggiano stagionato 36 mesi o pecorino stagionato
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Per preparare il Pesto ammollate i pomodori secchi in acqua tiepida per circa 2 ore cambiando spesso l’acqua. Se utilizzate i pomodori secchi sott’olio versate nel mixer con l’olio in cui sono conservati.

Mettete i pomodori secchi, le mandorle, il basilico e l’aglio nel mixer. Tritateli aggiungete il parmigiano, l’olio, ed un pizzico di sale.

Frullate fino ad ottenere un composto non molto consistente ed a grani abbastanza grossi. E’ pronto per essere utilizzato  per condire la pasta o preparare dei crostini.

Il pesto di pomodori secchi si può conservare massimo 15 giorni in frigorifero. Se volete avere sempre la scorta dovete procedere con sterilizzare vasetti e tappi per poi procedere a pastorizzare tramite la bollitura per almeno 30 minuti.

4/5 (4 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Pesto di pomodori secchi , sapore intenso

  • Mar 8 Dic 2020 | Mariella ha detto:

    Bellissima la premessa alla ricetta, è giusto che ognuno scelga il formaggio da utilizzare, ma trattandosi di ricetta siciliana negli ingredienti sarebbe il caso di indicare il pecorino. Grazie e scusate.
    P. S. Buonissima

  • Gio 5 Ago 2021 | Maria ha detto:

    I pomodori secchi devono essere al naturale o sott’olio?

    • Gio 5 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno Maria devono essere al naturale non sott’olio. Grazie

  • Lun 30 Ago 2021 | Antonella ha detto:

    Buonasera, i pomodori secchi devono essere ammorbidi in acqua prima? Grazie

    • Lun 30 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Antonella, può fare in due modi. Se sono secchi li fa ammorbidire in acqua tiepida per circa 2 ore cambiando spesso l’acqua. Se utilizza i pomodori secchi sott’olio li versa nel mixer con l’olio in cui sono conservati.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Salsa verde per bollito

Salsa verde per bollito, un condimento rustico e...

Salsa verde per bollito, gli utilizzi in cucina La salsa verde per bollito di carne è un condimento presente in molti paesi e che indica un insieme di preparazioni, più che una ricetta in...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

Salsa al mango

Salsa al mango, un intingolo perfetto per ogni...

Come si consuma il salsa al mango? La salsa al mango per accompagnare i vostri piatti. Certo diversa dal solito, anche perché gioca sull’agrodolce e propone, accanto ai sentori forti della salsa...

Dressing con fiori di camomilla

Dressing alla camomilla, una salsina multiuso

Dressing alla camomilla , un condimento originale Il dressing alla camomilla è un salsina molto particolare, che si caratterizza per un sapore tra l’aromatico, il salato e il dolciastro. In un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti