Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

pesto di melissa

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico

Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo non l’unica, è la presenza della melissa al posto del basilico.

Dal punto di vista estetico cambia poco, dal momento che entrambi gli ingredienti sono verdi (la melissa è comunque un po’ più chiara). Cambia però molto in termini di gusto, texture e proprietà nutrizionali.

La melissa, infatti, ha un sapore che ricorda vagamente il limone, pur essendo dotata di una sua specificità, sebbene appaia leggermente amarognolo in caso di essiccazione (per il pesto di melissa si utilizzano solo foglie fresche).

Sul piano nutrizionale la melissa eccelle, come tutte le piante officinali del resto. Oltre al ricco contributo di sali minerali e vitamine, la melissa apporta molti antiossidanti, sostanze che contrastano i radicali liberi e aiutano a prevenire il cancro.

Su tutti spiccano i flavonoidi. La melissa esercita delle proprietà terapeutiche, almeno secondo l’erboristeria tradizionale, infatti è utile in caso di ansia e agitazione, disturbi del sonno, mal di testa, dolori mestruali e dolori di carattere nervoso.

Questa pianta è anche un ottimo digestivo, che aiuta a risolvere i casi di meteorismo. La melissa è impiegata anche nella cosmetica, dove si estraggono i suoi preziosi oli essenziali.

Perché abbiamo usato i pinoli di cedro?

I pinoli di cedro rappresentano uno dei punti di contatto tra il pesto di melissa e il pesto alla genovese, quello classico realizzato con il basilico. In occasione di questa ricetta, però, consiglio di impiegare i pinoli di cedro, o pinoli siberiani, che si caratterizzano per un aroma decisamente spiccato.

Sono anche buoni e presentano una texture che, in caso di trito, permette loro di amalgamarsi alla perfezione con gli altri ingredienti. I pinoli di cedro eccellono anche dal punto di vista nutrizionale. Certo, sono grassi come tutti i semi e la frutta secca, ma si tratta di grassi benefici appartenenti alla categoria degli acidi grassi omega tre.

Nello specifico, impattano positivamente sulla salute del cuore e del sistema vascolare. Sono anche preziosi per la cura del sistema nervoso e degli organi visivi.

Inoltre, i pinoli di cedro sono ricchi di vitamine e sali minerali. Si segnalano dosi abbondanti di vitamina E, che svolge un’ottima funzione antiossidante, e di vitamine del gruppo B, benefiche per l’organismo a più livelli. Ottimo è l’apporto di magnesio, ferro, zinco, potassio e fosforo (importante per le facoltà cognitive).

L’apporto calorico è sostenuto, siamo sulle 700 kcal per 100 grammi. Ci tengo a precisare, però, che almeno in questa ricetta sono necessarie dosi minime, appena 30 grammi. I pinoli intervengono nelle prime fasi.

Infatti, sono tra i primi alimenti a essere frullati insieme al formaggio grattugiato e agli anacardi. Successivamente, si aggiungono gli altri ingredienti, melissa compresa.

melissa

Le proprietà organolettiche e nutrizionali degli anacardi

Un punto di rottura del pesto di melissa rispetto al pesto classico è dato dagli anacardi. Questa speciale frutta secca, originaria del Brasile e simile alle noccioline americane, aggiunge gusto e persino cremosità al pesto.

Una volta frullati, infatti, diventano pastosi, dal momento che racchiudono molta acqua e molti acidi oleici. Anche anche gli anacardi spiccano per l’apporto calorico, che si attesta sulle 550 kcal per 100 grammi.

Il loro profilo nutrizionale è però peculiare, infatti sono ricchi di proteine, sostanze che di solito scarseggiano nella frutta secca. Se ne contano 18 grammi ogni 100.

Abbondante è l’apporto di grassi, che fanno parte della categoria omega tre e dunque capaci di dare benefici all’apparato cardiocircolatorio e non solo. Ottimo il contenuto di fibre, che come sapete giovano all’apparato digerente e aiutano a risolvere i piccoli problemi di stipsi.

Gli anacardi sono ricchi di antiossidanti, sostanze che come abbiamo visto esercitano una funzione antitumorale. In particolare contengono polifenoli e carotenoidi, che contrastano i radicali liberi.

I carotenoidi, tra l’altro, supportano l’organismo nell’assorbimento di alcune vitamine. Infine, in virtù di alcuni specifici grassi, gli anacardi contribuiscono ad abbassare la glicemia. Una buona notizia per tutti, ma soprattutto per chi soffre di diabete.

Il ruolo del ghiaccio

La lista degli ingredienti del pesto di melissa prevede anche il ghiaccio. Cosa ci fa il ghiaccio in una ricetta per il pesto? Ebbene, il suo apporto non è organolettico, ma funzionale.

Nello specifico, il ghiaccio ha lo scopo di evitare che il pesto si annerisca. Se nel pesto classico questo rischio è trascurabile, nel caso del pesto di melissa è più che probabile.

D’altronde, la melissa si deteriora più facilmente. Il ghiaccio riesce a fermare questo processo, permettendo al composto di conservare il suo colore brillante.

erbe e fiori nel piatto

Il ghiaccio non è l’unico accorgimento da mettere in campo, quando lo scopo è conservare intatto il valore estetico del pesto di melissa. Essenziale, infatti, è non metterlo mai sul fuoco o, se proprio lo si intende riscaldare, farlo per pochissimo tempo.

Può sembrare strano, ma anche il calore accelera il processo di annerimento della melissa. Dunque adottate questi due accorgimenti in contemporanea per non sbagliare e ricavare un perfetto pesto di melissa.

Ho realizzato questa ricetta in occasione della rubrica “Erbe e fiori nel piatto” con le mie amiche: Daniela Boscariolo di Timo e Lenticchie, Miria Onesta di Due Amiche in Cucina ed Elisa di Rienzo de Il Fior di Cappero e Marialuisa Maruzzella di Mantra Bio

Sono delle blogger molto apprezzate e seguite nel settore food, che vi invito a seguire. La pietanza è naturalmente senza lattosio, dal momento che l’unico derivato del latte è il Parmigiano, reso lactose-free dalla stagionatura.

Ecco la ricetta del pesto di melissa:

Ingredienti per un vasetto:

  • 100-120 gr. di melissa (grosso modo un mazzetto),
  • 30 gr. di pinoli di cedro,
  • 30 gr. di anacardi,
  • 60 gr. di Parmigiano Reggiano,
  • succo e la scorza di mezzo limone,
  • buccia di mezzo limone,
  • qualche cubetto di ghiaccio,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva e di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del pesto di melissa iniziate pulendo la melissa, poi lavatela e asciugatela. Ora trasferite nel bicchiere del mixer il Parmigiano Reggiano, gli anacardi, i pinoli e azionate alla velocità massima. Unite le foglie di melissa e qualche cubetto di ghiaccio.

Poi aggiungete la scorza di limone, un po’ di sale e un po’ di pepe. A questo punto azionate il mixer a velocità media. Man mano che il pesto si forma, integrate con il succo di limone e un po’ di olio, fino a quando il composto non avrà acquisito la consistenza adatta.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

1 commento su “Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Corzetti con porcini

Corzetti con porcini, un primo rustico e raffinato

Corzetti con porcini, un primo ricco ma leggero I corzetti con porcini sono un primo piatto che riconcilia con la più antica tradizione italiana, infatti sono realizzati con ingredienti semplici,...

Brodo di tè al crisantemo con animelle

Brodo di tè al crisantemo con animelle, un...

Brodo di tè al crisantemo con animelle, una preparazione insolita Il brodo al tè al crisantemo con animelle di agnello è una preparazione particolare, che va oltre la tradizione italiana e sfocia...

Pimpinella o sanguisorba

Pimpinella o sanguisorba, una pianta davvero versatile

Un focus sulla pimpinella La pimpinella è una pianta aromatica da sempre utilizzata nella cucina popolare e nella medicina naturale. Si presenta con un fusto eretto e sottile, dominato da foglie...

Pesto di aglio orsino

Pesto di aglio orsino, un’ottima variante da gustare

Usi e differenze del pesto di aglio orsino Oggi vi propongo il pesto di aglio orsino, un pesto diverso dal solito, sebbene vi siano dei punti in comune per quanto concerne il procedimento. Le...

Budino con ribes e fiori di ibisco

Budino con ribes e fiori di ibisco, un...

Budino con ribes e fiori di ibisco, il dessert per tutte le occasioni Il budino con ribes e fiori di ibisco è un’idea simpatica per un dessert che rispetta la tradizione dolciaria italiana ma,...

Erba pepe

Erba pepe o santoreggia, una pianta aromatica davvero...

Una pianta aromatica dai mille usi L’erba pepe, anche nota come santoreggia o erba dei satiri, è una pianta aromatica molto conosciuta dalle nostre parti e diffusa soprattutto nell’Appennino...

15-10-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti