Coriandolo: alla riscoperta dell’erba aromatica dalle tante proprietà

Simile ma tanto diverso dal prezzemolo: Il coriandolo

Per chi non lo conosce, è facile da confondere visivamente con il prezzemolo, ma il coriandolo, erba aromatica dalle origini antiche, ha ben altri sapori e proprietà.

È un vero insaporitore orientale tanto che i cinesi lo usano molto nella loro cucina e per questo molti lo definiscono prezzemolo orientale. Ma, in realtà, il coriandolo è molto più occidentale di quanto crediamo. È una pianta originaria del Mediterraneo che appartiene insieme al cumino, all’aneto e al finocchio, alla famiglia delle ombrellifere, utilizzato già da egizi, greci e romani per le sue proprietà officinali impiegando sia le foglie che i suoi semi per aromatizzare.

Il coriandolo è una pianta abbastanza delicata, che ha bisogno di caldo e che non resiste alle temperature troppo fredde e alle gelate.

Oggi si può trovare secco in bacche, in foglie essiccate ma anche fresco nei supermercati e nelle drogherie. In erboristeria, invece, si trova la tintura madre. Oggi il coriandolo è ancora poco usato in Italia e questo è un grande peccato. Piano piano sta ricominciando la sua riscoperta ma il suo uso è ancora poco comune, motivo per il quale non è facilmente reperibile ovunque.

Il coriandolo, un rimedio naturale potente ed efficace

Il coriandolo non è solo un’erba aromatica molto apprezzata, in Oriente, in cucina ma è anche un elemento naturale ricco di proprietà terapeutiche perché ricco di vitamine, sali minerali e fibre, tutte sostanze utili all’organismo che si uniscono ad antiossidanti e oli essenziali.

Prima tra tutte quella antibatterica, efficace contro i virus più resistenti tanto che si candida ad essere un vero antibiotico naturale. Allo stesso modo il coriandolo si mostra molto efficace contro i funghi e altri microrganismi, le infezioni e le tossinfezioni alimentari. Molto proficuo anche per contenere il gonfiore addominale, la diarrea e le irritazioni del colon grazie alla sua proprietà antispasmodica e digestiva.

Coriandolo ver 683x1024 Coriandolo: alla riscoperta dell’erba aromatica dalle tante proprietà

Molto famosa è inoltre l’azione chelante del coriandolo verso i metalli pesanti presenti nel nostro corpo. In un ambiente nei quali si viene sempre più a contatto con i metalli, il coriandolo è davvero risolutivo, efficace per disintossicarci rimuovendo mercurio, cadmio, piombo e alluminio. Ottimo energizzante naturale, tiene lontane stanchezza e apatia. Ha infine anche un’azione calmante perché riduce il rischio di coliche intestinali e il senso di pesantezza dopo i pasti.

In cucina, arricchisce senza schiacciare i sapori

Grazie al suo sapore delicato il coriandolo si presta bene per essere accostato a diverse varietà di cibo esaltandone il gusto. Ideale è per insaporire primi piatti soprattutto si stampo vegetale o anche vegano come zuppe di cereali, legumi, minestroni e verdure, in particolar modo cavoli e crauti. Consigliato in foglie fresche anche per impreziosire secondi piatti di carne o pesce, pane e biscotti. I semi, invece, sono più indicati per dare sapore, vagamente come quello del limone, a insaccati e sottaceti.

Il coriandolo, inoltre, è uno degli ingredienti speziati che si usano per formare il curry e il garam masala, le miscele di spezie utilizzate soprattutto in India. Allo stesso modo si accosta bene anche con altre spezie, soprattutto con il timo, il pepe o la noce moscata. Questa erba aromatica è usata anche per la preparazione di liquori e digestivi come il Gin e Chartreuse e per aromatizzare la birra.

Molto efficace, infine, la tisana di coriandolo, nota come buon digestivo ma usata anche per calmare il mal d testa.

printfriendly pdf button nobg md Coriandolo: alla riscoperta dell’erba aromatica dalle tante proprietà

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *