Caviale di melanzane, semplicissima e buona

  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    40 Minuti
caviale di melanzane ridotta

Deliziosa ricetta per uno spuntino!!!

Caviale di melanzane: la crema spalmabile più genuina che c’è!

Caviale di melanzane: sicuramente il nome di questo piatto evoca in voi tutti l’idea di una preparazione elaborata, a base di caviale, quindi anche costosa. Ebbene, nulla di tutto ciò in verità, perché per la realizzazione di questo cremoso piatto non impiegheremo affatto il caviale. Il nome prende invece spunto dall’aspetto granuloso e compatto, che evoca appunto quello del caviale.

Gli ingredienti sono, invece, semplicissimi e reperibili in commercio durante tutto l’anno. Stiamo parlando delle melanzane. Gli altri ingredienti del nostro contorno? Olio, sale e limone. Nient’altro. Basteranno questi ingredienti che si toccano sulle dita di una mano per realizzare una cremina spalmabile davvero irresistibile, nella quale la melanzana si camufferà alla perfezione.

Melanzana: ortaggio dalle mille irrinunciabili proprietà

Le melanzane sono ortaggi, come sappiamo, tipici dell’estate che, tuttavia, oggi possono essere acquistati in tutte le stagioni dell’anno, grazie alla diffusione di massa della coltivazione in serra con la quale si produce in maggiore quantità. Queste si utilizzano in tante ricette – dai primi ai contorni – della nostra tradizione, in particolare siciliana. La melenzana è da sempre impiegata, grazie alla sua versatilità, in mille e diverse preparazioni.

Una curiosità che riguarda anche il caviale di melanzane: la melanzana più coltivata è quella allungata e di colore viola che abbonda nei campi del sud Italia, in Sicilia in particolare come detto. Questa è la classica e più antica, ma sicuramente molti di voi l’avranno vista anche in diverse forme e in colori insoliti. Questo dipende dall’influenza di coltivazioni di altri luoghi del mondo…ma, giova ricordarlo: la melanzana è il nostro ortaggio per eccellenza, vanto mediterraneo tutto made in Italy.

Melanzane: protagoniste indiscusse del caviale di melanzane

Le melanzane sono ricche di fibre che apportano diversi benefici all’intestino, regolarizzandone il funzionamento. Inoltre svolgono un’azione diuretica e depurativa utile alla disintossicazione del nostro organismo. Il nostro caviale di melanzane, semplicissimo e buono, consente di beneficiare di queste importanti proprietà, in un a versione assai originale e alternativa, non sempre facile da trovare in cucina!

Questa purea di melanzane incontra senza riserve l’apprezzamento di tutti gli amanti delle cose più elaborate e gustose…sarà merito del suo poter essere spalmata in croccanti fette di pane… sarà per il suo esser assai indicata anche ai bambini, restii per antonomasia al consumo di verdure e di ortaggi. Tutto assume una nota di colore, sapore e gusto in più a tavola, con questa purea delicata e nutriente! Non resta che seguire la nostra ricetta!

Ingredienti per 4 persone

  • 4 grosse melanzane (senza semi)
  • 200 ml olio extra vergine di oliva
  • 2 spicchi d'aglio
  • succo di ¼ di limone
  • q.b sale

Procedimento

  1. Lavate e asciugate le melanzane, poi fatele cuocere su retine antifiamma poste sul fornello acceso rigirando le spesso in modo che la pelle annerisca uniformemente.
    Solo quando la polpa interna sarà diventata tutta tenera (lo potrete controllare infilando qua e là i rebbi di una forchetta), tagliatele a metà per il lungo e, aiutandovi con un cucchiaino, estraete tutta la parte tenera della polpa.
    Mettetela nel mixer elettrico insieme con gli spicchi di aglio e tritate il tutto poco per volta, unendovi man mano, goccia a goccia, una cucchiaiata di olio extra vergine di oliva, un pizzico di sale. Travasate il miscuglio in una ciotola e, sempre rimescolando con un cucchiaio di legno, aggiungete poco per volta il rimanente olio e il succo di limone facendolo scendere a filetto.

3 commenti a “Caviale di melanzane, semplicissima e buona

  1. Giorgia

    Buongiorno, vorrei sapere se posso eventualmente mettere il tutto in un barattolo e surgelarlo e magari utilizzarlo anche per condire la pasta.
    Grazie anticipatamente per la risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *