Crostata di quinoa e marmellata di arance per merenda

Crostata di quinoa e marmellata di arance
Commenti: 0 - Stampa

La bontà della crostata di quinoa e marmellata di arance…

Chi ha detto che l’educazione alimentare si impara sin da bambini???? Io dico che non si finisce mai d’imparare ed è vero…. Io ci sono arrivata un po’ tardi, ma ci sono arrivata e adesso posso confermare che un’alimentazione sana ed equilibrata è un vero e proprio passaporto per il benessere, senza mettere da parte la bontà. Con questi buoni presupposti, vi presento la crostata di quinoa e marmellata di arance.

Leggera e deliziosa, la potrete gustare in ogni momento della giornata: a colazione, a merenda e come dessert. Molto probabilmente, l’apprezzeranno anche i più piccoli e questo vi farà sentire ancor più soddisfatti… Quando si tratta di dolci, l’ultima parola di apprezzamento spetta sempre a loro, non credete? Ma parliamo di questa ricetta (e non solo) e poi andiamo a prepararla!

La quinoa… a colazione

Vi sembra strano? Beh, non lo è. Infatti, si tratta di semi di una pianta speciale e non di cereali, che si prestano per molte preparazioni sia dolci che salate. Si rivela un alimento molto nutriente. Pertanto, dato che la colazione deve apportare la giusta quantità di energia e vitamine per arrivare al pasto principale senza avere il classico buco nello stomaco, questo prodotto è ottimo, soprattutto se lo trasformiamo in una gustosa pietanza.

Crostata di quinoa e marmellata di arance

La colazione deve essere qualcosa di appetitoso, ma non troppo calorico o pesante, non deve saziare ma dare una sensazione di benessere e presentarsi come un momento di relax prima di cominciare una giornata impegnativa. Per rispondere a queste esigenze la crostata di quinoa e marmellata di arance è il top! Infatti, la quinoa ha un sapore delizioso, specie se abbinata con gli alimenti giusti.

È altamente proteica (ma non contiene glutine); offre un buon apporto di magnesio, ferro, manganese, potassio, zinco, selenio e rame; propone discrete dosi di acidi grassi omega 3 e beta-carotene, e tante vitamine, quali la A, la B1, la B2, la B3, la B5, la B6, la C, la E e la J. È ottima per chi soffre di anemia e vanta proprietà digestive, antiossidanti, protettive, antinfiammatorie, lassative e rilassanti. Secondo le ricerche, può aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari, abbassa i livelli di colesterolo nel sangue e promuove la salute dei muscoli, del cervello, delle ossa e dei denti!

Tante soddisfazioni e benefici per ogni fetta di crostata di quinoa e marmellata di arance

Quello che abbiamo visto finora è interessante, non è vero? Ci spinge sicuramente di più a portare in tavola la quinoa a colazione e non solo, in particolare se accompagnata da altri alimenti capaci di aumentare il valore nutrizionale e le proprietà organolettiche nel piatto, proprio come accade nel caso della ricetta di oggi.

Che dire di più? Ogni persona in casa ha le sue abitudini, sia per quanto riguarda la colazione che gli altri pasti. Accontentare tutti potrebbe essere un problema, allora ho pensato a qualcosa che andasse bene per tutti in famiglia e ho centrato in pieno l’obiettivo con questa semplicissima crostata di quinoa e marmellata di arance. Provate anche voi!

Ingredienti per 4 persone

  • 180 g farina di quinoa
  • 75 g amido di riso
  • 120 g zucchero di canna bianco
  • 80 g uova
  • 80 g olio di riso
  • q.b. limone grattugiato
  • q.b. marmellata di arance amare

Preparazione

Riunite in una terrina tutti gli ingredienti e impastateli fino a quando l’impasto diventerà liscio e compatto. Formate una palla, ricoprite con della pellicola e riponete in frigorifero per due ore.

Una volta trascorso questo tempo, preriscaldate il forno a 180 gradi. Stendete l’impasto con il mattarello fino ad uno spessore di circa 1/2 cm ed adagiatelo in una tortiera ricoperta con della carta da forno bagnata e strizzata in modo che aderisca perfettamente, foderate la teglia con ⅔ dell’impasto di pasta frolla.

Con il rimanente impasto della paste frolla fate delle striscioline e formine con i coppapasta che copriranno tutta la farcitura. Coprite la pasta frolla con la confettura e sopra adagiatevi le strisce o formine di pasta frolla  e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 35/40 minuti.

Potete variare le decorazione con stelle, cuori, etc. Coprite la pasta frolla con la composta e sopra adagiatevi le strisce di pasta frolla e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 35/40 minuti

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-04-2013
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta...

Sorbetto alla camomilla

Sorbetto alla camomilla, un dessert rilassante

Sorbetto alla camomilla, un’idea davvero unica Il sorbetto alla camomilla è un’idea particolare per valorizzare il momento del fine pasto, o anche solo per una merenda in grado di allietare e...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Gelato di caju

Gelato di caju, una merenda dal gusto tropicale

Gelato di caju, un’esperienza insolita e gustosa Il gelato di caju è un gelato molto particolare. In primis, perché viene principalmente fatto in casa. D’altronde, nessuna gelateria ha ancora...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti