bg header
logo_print

Noodle Pakora, le speciali frittelle della cucina pakistana

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Noodle Pakora
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Ricette dal Mondo
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Noodle Pakora, la frittella che mette d’accordo tutti

I Noodle Pakora sono una specialità della cucina indiana e pakistana. Posso essere considerate delle frittelle a base di vermicelli, arricchite da una pastella aromatica e da un delizioso formaggio locale. Esistono molte versioni di questa ricetta, tra cui i Pakora in cui al posto dei vermicelli si utilizzano degli ortaggi, soprattutto carote e zucchine.

Il procedimento è facile e il risultato sempre gradevole ed equilibrato grazie all’uso moderato delle spezie. I Noodle Pakora possono essere serviti come antipasto o come primo corposo, ciò dipende dalla grandezza delle frittelle e dalla quantità di vermicelli utilizzati per ciascuna frittella.

Ricetta noodle pakora

Preparazione noodle pakora

Per preparare i Noodle Pakora procedete in questo modo.

  • In una grande ciotola riunite la farina di ceci, il bicarbonato, il sale, il cumino e il peperoncino in polvere.
  • Integrate 15 cl. di acqua e mescolate con cura, in questa fate potete utilizzare anche il mixer. Mescolate per bene fino ad ottenere una pastella fluida e omogenea.
  • Poi fate a pezzettini i peperoncini verdi e riducete a cubetti il formaggio.
  • Ora versate un po’ di acqua in una pentola, accendete la fiamma e, quando è quasi a bollore, tuffate i vermicelli di riso. Infine, cuoceteli per un paio di minuti e scolateli per bene. In alternativa, lasciate in ammollo i vermicelli in acqua calda (solo alcuni prodotti si prestano a questo metodo).
  • Poi stendete i vermicelli su un tagliere e attendete che si asciughino per bene.
  • Infine, mescolate tra di loro i vermicelli, il formaggio e i peperoncini verdi.
  • Poi conditeli con il coriandolo, porzionateli e passate le porzioni di vermicelli nella pastella.
  • Ora versate in una pentola una quantità sufficiente alla frittura di olio di arachidi e accendete il fuoco.
  • Una volta che l’olio è giunto a temperatura, tuffate i vermicelli impastellati.
  • Infine, scolateli, fateli riposare un po’ sulla carta assorbente e serviteli quando sono ancora caldi.

Ingredienti noodle pakora

  • 100 gr. di vermicelli di riso
  • 100 gr. di formaggio Paneer
  • 1 cucchiaino di sale
  • 100 gr. di farina di ceci
  • 3 peperoncini verdi
  • 1 cucchiaio di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaio di coriandolo tritato
  • q. b. di olio di arachidi
  • 1 cucchiaino di semi tostati di cumino
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio.

Le speciali farine della Pakora

I Noodle Pakora spiccano per la loro accessibilità, infatti si prestano a svariati stili di consumo, dal vegetariano al celiaco. D’altronde la lista degli ingredienti esclude carne, pesce e derivati. Allo stesso tempo vengono utilizzate farine senza glutine, il riferimento è alla farina di riso per i vermicelli, e alla farina di ceci per la pastella.

La farina di riso è apprezzata per la sua delicatezza e per i suoi sentori che valorizzano gli altri ingredienti. Spicca inoltre per l’abbondanza di sali minerali, vitamine e per l’assenza di grassi, che determina un apporto calorico inferiore alla media rispetto alle altre farine.

La farina di ceci è invece decisamente più corposa e tende ad imporsi sugli altri ingredienti. E’ una delle farine più nutrienti in assoluto in quanto garantisce un ottimo apporto di carboidrati e di proteine. In particolare si contano ben 22 grammi di proteine per etto, un valore simile a quello delle migliori carni rosse.

Per quanto concerne i vermicelli di riso, questi vengono lessati in acqua bollente per un paio di minuti. In alternativa possono essere cotti in ammollo in acqua calda, un po’ come accade con i noodle istantanei. La farina di ceci, infine,va mescolata agli altri ingredienti della pastella per ottenere un composto omogeneo e molto fluido.

Noodle Pakora, delle frittelle piccanti al punto giusto

La versione dei Noodle Pakora che vi presento oggi è leggermente piccante. La lista degli ingredienti comprende infatti i peperoncini verdi, che vengono utilizzati per condire i vermicelli, e il peperoncino in polvere, che viene impiegato per la pastella. Le dosi dovrebbero essere pari a un cucchiaio intero per ogni etto di vermicelli. Si tratta di dosi generose, che possono essere ritoccate qualora tra i commensali vi sia qualcuno che non sopporta molto il piccante.

In alternativa è possibile scegliere con maggiore attenzione la varietà di peperoncino, puntando a qualcosa di meno piccante. Il peperoncino è solo una delle tante spezie chiamate in causa dal Pakora, infatti troviamo anche il cumino, che spicca per le note leggermente dolci ed aromatiche. Ottimo è anche l’apporto del coriandolo, che assomiglia al prezzemolo e ricorda in parte il limone.

Nelle versioni indiane del Pakora si utilizza anche la curcuma, o il curry. In questo caso le frittelle assumono una tonalità vicina all’arancione e un sapore decisamente più speziato.

paneer

Di cosa sa il formaggio Paneer?

Tra gli ingredienti più esotici di questi Noodle Pakora spicca il formaggio Paneer. Si tratta di un formaggio originario dell’India e del Pakistan, dal sapore e dalla consistenza particolare. E’ realizzato senza il caglio, che viene sostituito da una soluzione riscaldata a base di succo di limone. Questo tipo di formaggio emette sentori aciduli e gradevoli, che gli permettono di essere consumato non solo a crudo ma anche in abbinamento con altre ricette.

E’ un formaggio poco stagionato, dunque ha una consistenza morbida e quasi elastica. Nei Noodle Pakora viene tagliato a cubetti e usato per il condimento dei vermicelli, prima che vengano girati nella pastella.

Il Paneer, in virtù della sua particolare consistenza, può essere fritto, proprio come accade per le nostre provole e scamorze. Sul piano nutrizionale il Paneer spicca per l’apporto calorico leggermente superiore a quello degli altri formaggi freschi, pari a 330 kcal per 100 grammi. Inoltre, troviamo ottime dosi di calcio, proteine e vitamina D, ossia tutti i principi nutritivi del latte.

Ricette di noodle ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...

Chutney di semi di melone

Chutney di semi di melone: una ricetta gustosa...

I semi di melone: una gradita sorpresa ricca di nutrienti I semi di melone sono i veri protagonisti di questa chutney, una salsa che prende ispirazione da uno dei più famosi piatti indiani per...