bg header
logo_print

Vellutata di zucchine, un primo facile da preparare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Vellutata di zucchine
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (7 Recensioni)

Vellutata di zucchine, un primo dalla texture morbida

La vellutata di zucchine è un primo piatto semplice e leggero, che si presenta molto bene, a tal punto da sembrare un piatto “gourmet”. Il merito va soprattutto alla guarnizione, che è realizzata per mezzo della panna acida. Questa, infatti, non viene mescolata alla vellutata, ma va quasi adagiata in modo da creare un bel contrasto cromatico e creativo. Per il resto la ricetta prevede ingredienti semplici come le zucchine, delle verdure di carattere “popolare” che ricorrono spesso nella cucina italiana. Le zucchine sono tra gli ortaggi più salutari in assoluto. In primo luogo, perché sono molto ipocaloriche: un etto non va oltre le 11 kcal.

Le zucchine, poi, sono ricche di acqua e di fibre, e in virtù di ciò possono essere considerate sia disintossicanti che digestive. Vi è poi un importante bagaglio di sostanze nutritive, come la vitamina C e il potassio. In occasione di questa ricetta le zucchine vengono tagliate a cubetti e cotte su un soffritto di cipolle, insieme alle patate e ad un po’ di brodo vegetale. Poi si procede al passaggio al minipimer, alla riduzione in purea e infine alla guarnizione.

Ricetta vellutata di zucchine

Preparazione vellutata di zucchine

Per preparare la vellutata di zucchine procedete così. Pelate la cipolla e fatela a fette. Poi lavate le zucchine, sbucciatele, rimuovete le estremità e fatele a cubetti.

Sbucciate anche le patate e fatele a dadini. Infine lavate le erbe aromatiche, asciugatele e ricavatene un trito. Intanto mettete il brodo a scaldare.

Ora soffriggete la cipolla in un po’ di olio, poi unite le zucchine e le patate. Cuocete a fuoco moderato per 1 minuto, integrate il brodo e portate a cottura, applicando il coperchio.

Trascorsi 15 minuti circa, sia le patate che le zucchine dovrebbero essere morbide. Poi frullate con il minipimer e condite con sale, pepe ed erbe aromatiche. Distribuite la vellutata nei piatti, guarnite infine con un filo di olio e un giro di panna acida. Arricchite il tutto con pezzi di pane fritto.

Ingredienti vellutata di zucchine

  • 600 gr. di zucchine fresche
  • 1 patata
  • 1 cipolla
  • 250 ml. di brodo vegetale
  • q. b. di erbe aromatiche a piacere
  • 4 cucchiai di panna acida consentita
  • 3 cucchiai di olio extravergine
  • un pizzico di sale e di pepe.

Quali cipolle utilizzare per la vellutata di zucchine?

Le cipolle giocano un ruolo importante in questa ricetta, infatti fungono da fondo per la vellutata di zucchine. Il consiglio è di utilizzare, almeno in questo caso, le cipolle dorate. Questo tipo di cipolle sono pungenti al punto giusto e contengono una buona quantità di acqua. Inoltre tengono molto bene la cottura e sono perfette per i soffritti. Se si esclude una manciata di antiossidanti, le cipolle dorate non fanno rimpiangere varietà più prestigiose, come la cipolla rossa. Le cipolle dorate sono infatti ricche di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla vitamina C (un toccasana per il sistema immunitario) e alla vitamina A, che giova alla vista.

Non manca poi la vitamina E, che funge da antiossidante. Per quanto riguarda i sali minerali troviamo il potassio, il fosforo, il ferro, il manganese e il fluoro. Le cipolle contengono anche la glucochinina, una sostanza rara che aiuta a prevenire il diabete o ne limita gli effetti, qualora sia già presente. Infine l’apporto calorico è davvero basso, pari a 30 kcal per 100 grammi.

Il brodo come ingrediente fondamentale

Il brodo vegetale è fondamentale per la vellutata di zucchine, infatti consente la cottura uniforme delle patate e delle zucchine, impedendo che si attacchino alla padella. Non si utilizzano grandi dosi di brodo, ma quest’ultimo ingrediente incide molto sul sapore finale della vellutata. Per questa ricetta non è consigliabile utilizzare il classico dado vegetale presente nei supermercati, piuttosto vi consiglio di prepararlo in casa per avere il pieno controllo sugli ingredienti.

Vellutata di zucchine

Come preparare un buon brodo vegetale? Ne ho parlato qui sul sito, dunque vi invito a leggere la ricetta del brodo vegetale. Vi posso comunque anticipare che tutto dipende dalla qualità degli ingredienti, ma anche dalla selezione a monte. Di base non dovrebbero mai mancare carote, sedano e cipolle, ma si possono inserire anche patate e pomodori. Il brodo, dopo l’ampio passaggio sul fuoco, andrebbe filtrato per bene. Inoltre, se siete intolleranti al nichel, valutate bene quali ingredienti inserire e quali no, operando tutte le sostituzioni del caso.

Come preparare la panna acida?

La vellutata di zucchine può essere definita gourmet soprattutto in virtù di una guarnizione incantevole. Essa è data da qualche cucchiaio di panna acida, che viene aggiunta alla fine in piccole quantità. In questo modo il bianco candido della panna formerà un bel contrasto con il verde brillante della vellutata. La panna acida è una preparazione francese, ma molto utilizzata anche in Italia. Il procedimento per prepararla è molto semplice. Si inizia mescolando la panna con lo yogurt, poi si lascia fermentare il tutto per un giorno intero a temperatura ambiente. Dopodiché si aggiunge un po’ di succo di  limone e si fa riposare in frigo per un po’ prima di essere utilizzata.

Se soffrite di intolleranza al lattosio sostituite panna e yogurt con varianti delattosate. In questo caso il sapore, la texture e le proprietà nutrizionali non dovrebbero cambiare. Badate bene però, lo yogurt deve essere bianco, magro e se possibile di tipo greco colato. In questo modo la crema risulterà acidula al punto giusto, e in grado di impreziosire qualsiasi tipo di vellutata.

Ricette di vellutata ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (7 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...