bg header
logo_print

Matcha gin, il mocktail che sa di tè

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Matcha gin
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Matcha gin, un mocktail aromatico e analcolico

Il matcha gin è un mocktail che fa degli aromi e dei profumi il suo tratto distintivo. E’ realizzato, come suggerisce il nome, con il tè matcha e con il gin. Tuttavia, agiscono anche tanti altri ingredienti, che lo rendono complesso e gradevole: la menta, il succo di lime, lo sciroppo di agave (o di miele). Se vi state chiedendo se questo cocktail sia  una bevanda analcolica, la risposta è no! Il cocktail con tè matcha e gin servito in un buffet e bello fresco stupirà tutti.

I mocktail sono il trend del momento.I mocktails cosa sono? Il nome deriva dalle parole mock e cocktail che tradotto significa finti cocktail. Questo tipo di cocktail analcolici stanno diventando sempre più popolari anche nei nostri bar. Io sposo molto volentieri questa idea che arriva dagli Stati Uniti. Una moda, quella dei mocktail, che impazza da Londra a New York e i vari bartender ci mettono la loro creatività.

Ricetta matcha gin

Preparazione matcha gin

Per preparare il matcha gin dovete procurarvi uno shaker. Versateci dentro la menta, l’agave (o in alternativa il miele) e il succo di lime, poi pestate per bene il tutto. Unite gli ingredienti rimanenti e shakerate fino a quando il matcha non si sarà sciolto.

Setacciate il contenuto con un colino a maglie strette e distribuitelo in due bicchieri per cocktail pieni di ghiaccio. Servite e gustatevi questo eccellente matcha mocktail.

Ingredienti matcha gin

  • un mazzetto di foglie di menta
  • 20 gr. di sciroppo di agave o miele
  • 20 gr. di succo di lime  o limone (lime juice o lemon juice)
  • 200 ml di acqua naturale
  • 55 ml. di gin analcolico
  • 1 cucchiaino di polvere di tè matcha blu
  • q. b. di ghiaccio.

La preparazione del matcha gin si divide in due fasi: prima si pestano “gli aromi”, ovvero il dolcificante (sciroppo di agave o di miele), la menta e il succo di lime. Successivamente si integrano l’acqua e il gin, infine si shakera il tutto. Ovviamente dovrete procurarvi il cocktail shaker, se volete realizzare un matcha gin perfetto. Il matcha cocktail propone sentori vari e gradevoli. A emergere su tutti è però il matcha.

Il tè matcha va utilizzato in polvere (matcha powder), e nella sua variante blu, dunque arricchita con il butterfly pea, un ortaggio che per l’occasione funge da colorante. Potete utilizzare anche la polvere di colore verde o rosa.  Il matcha è una delle varietà di tè più apprezzati in Giappone, sebbene si stia diffondendo anche dalle nostre parti. E’ aromatico come può esserlo un tè orientale, ma propone allo stesso tempo una dolcezza intrinseca, che lo rende versatile e capace di interagire con gli ingredienti più svariati.

Questo tipo di tè è frutto di un processo di produzione speciale, che prevede la pressatura delle foglie, la loro affumicatura e una lunga fase di riposo. Il matcha spicca anche per le proprietà nutrizionali, infatti contiene molta teina, quindi favorisce la concentrazione e allo stesso tempo genera un certo rilassamento. Contiene molte proprietà antiossidanti oltre che essere un eccellente diuretico e un formidabile digestivo. Vi consiglio di trovare un matcha biologico.

Un focus sulla menta

La menta gioca un ruolo fondamentale nel cocktail con tè matcha. Lo fa in primo luogo dal punto di vista del sapore. Di base, si contraddistingue per una certa versatilità, sicché la troviamo sia nelle preparazioni salate che in quelle dolci. In questo caso, però, le combinazioni appaiono ancora più azzeccate, capaci di innescare sentori del tutto nuovi e di far emergere gli ingredienti in modo distinto. La menta si sposa alla perfezione tanto con il matcha che con il succo di lime, e in un certo senso li potenzia in termini di aroma. Certo, è bene non esagerare in quanto la menta è pur sempre una pianta aromatica, che rischia di coprire gli ingredienti. Quindi se esagerate rischiate di ritrovarvi con un cocktail alla menta, piuttosto che al matcha. Per questo basta seguire le indicazioni riportate nella ricetta, e in particolare quelle relative al dosaggio per non sbagliare.

La menta reca con sé molti benefici. La sua funzione più conosciuta è il contrasto all’alitosi, al tal punto che è spesso l’ingrediente principale di dentifrici e collutori. Ovviamente non è l’unico beneficio, infatti la menta agisce anche sul dolore, specie se cronico e moderato, fungendo quasi da analgesico. Inoltre, è ricca di sostanze antiossidanti, che agiscono in funzione preventiva. Una di queste, nonché quella più preponderante, è il mentolo, che tra l’altro è responsabile del “profumo” della menta. La menta è anche un toccasana per l’apparato digerente, infatti in caso di indigestione riduce il senso del vomito e aiuta a lenire i sintomi della gastrite. Infine apporta ottime dosi di vitamine e sali minerali, più di tutti gli alimenti di origine vegetale.

Matcha gin

I pregi nutrizionali dell’agave

Il matcha gin è un mocktail moderatamente dolce, dunque deve contenere un dolcificante. A tal proposito avete un discreto margine di discrezione. Il consiglio, comunque, è di optare per lo sciroppo d’agave o per il miele. Se scegliete lo sciroppo d’agave, otterrete un matcha gin un po’ più aromatico e dal sapore particolare. Se, invece, optate per il miele, otterrete un mocktail dal sapore un po’ più regolare, e forse anche leggermente più dolce. Sul miele c’è poco da dire, nel senso che è un alimento molto conosciuto. Lo stesso non si può dire dello sciroppo d’agave, dunque vale la pena spendere qualche parola.

Il pregio più importante dello sciroppo di agave è l’abbondanza di oligoelementi, a tal punto da risultare “rimineralizzante”. I sali minerali sono abbondanti e vari, almeno rispetto alla maggior parte dei derivati vegetali conosciuti. E’ un discreto dolcificante in virtù della presenza del fruttosio. Questa sostanza, per inciso, non è responsabile dell’aumento repentino di zuccheri, come invece accade per altri dolcificanti. Un dettaglio importante per chi soffre di diabete e per chi sta sostenendo diete dimagranti, infatti più alto è il livello di zuccheri del sangue e più forte e precoce è il senso della fame.

Con l’assunzione di alcuni tè si possono manifestare sintomi come: vomito, ronzio nelle orecchie, confusione, mal di testa, nausea e diarrea. Se state assumendo farmaci consultare il parere del vostro medico curante anche se il consiglio è sempre quello di moderare il consumo esagerato di qualsiassi alimento.

Oltre al matcha gin vi consiglio il mocktail alla rosa e al cardamomo, un mocktail (cocktail analcolico) diverso dagli altri in quanto fa ampio uso di fiori e di spezie. E’ una bevanda che fa atmosfera e rende magica l’esperienza dell’aperitivo, che può essere facilmente abbinato con dei classici stuzzichini.

Idee mocktail ne abbiamo? Certo che si

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bloody mary analcolico pomodoro e fragole

Bloody Mary analcolico, buono come l’originale ma leggero

Guarnizione ed origini del Bloody Mary La guarnizione del Bloody Mary analcolico è affidata a uno spiedino di frutta e verdura, una scelta che punta alla freschezza, soprattutto se si considera che...

Purple Cosmopolitan

Purple Cosmopolitan, la ricetta fruttata del famoso cocktail

Come preparare il liquore alle violette L’elemento che più caratterizza il Purple Cosmopolitan, almeno rispetto al Cosmopolitan propriamente detto, è il liquore di violette. E’ un liquore...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...