Miele di ulmo, il dolce nettare del Cile

miele di ulmo
Stampa

Un focus su un miele davvero particolare

Il miele di ulmo non è un miele come tutti gli altri. In primis perché è legato strettamente a una specifica cultura agroalimentare, ossia quella cilena. Infatti, si ricava dai fuori dell’ulmo, un arbusto sempreverde che cresce quasi esclusivamente in Cile. La sua presenza, e l’uso che si fa dei suoi fiori, dimostra la biodiversità del territorio cileno, che può competere con quella italiana (considerata la migliore al mondo). Tale biodiversità fa da sfondo a una tradizione enogastronomica di grande valore, benché molto sottovalutata. Essa è resa ancora più unica dall’integrazione di tre culture differenti: quella indios (ancora viva in moltissime ricette), quella francese e quella spagnola.

Ad ogni modo, il miele di ulmo si fregia ancora oggi di un processo di preparazione pre-industriale, tale da garantire la sua unicità. Da questa scelta procede una peculiarità del miele di ulmo, ossia è diverso di anno in anno. Ciò ha permesso di creare una certa aspettativa e un certo interesse attorno a questo miele “cangiante”, quasi come se si trattasse di un vino, la cui qualità dipende dalle “annate”. Alcune caratteristiche, però, ricorrono di anno in anno. Il colore del miele di ulmo, infatti, è sempre ambrato, mentre la sua consistenza è cremosa, meno densa e meno appiccicosa rispetto al nostro millefiori. Il sapore del miele di ulmo, poi, è davvero caratteristico. Evidenti sono, infatti, le note fruttate, come quelle floreali, e nitidi sono i richiami ai chiodi di garofano, all’anice e al gelsomino.

I benefici del miele di ulmo

Il miele di ulmo ha numerosi pregi, tra cui il profumo e il suo gusto. Inoltre è anche un alimento beneficio, che giova all’organismo a più livelli. Secondo alcuni studi recenti, infatti, quello di ulmo è il miele con il maggior potere antisettico e antibatterico. Ciò lo rende un vero toccasana in caso di infezioni (non gravi). Inoltre, è un formidabile fungicida, efficace soprattutto contro il mucor, l’aspergillus e il rhizopus, che tra l’altro sono gli agenti micotici più diffusi in natura. Un’altra caratteristica positiva del miele di ulmo è la funzione antiage, che esercita con una certa efficacia. Essa è giustificata dalla presenza di tanti antiossidanti, che combattono i radicali liberi e sostengono i processi di riproduzione dei tessuti. Tra l’altro, riducendo lo stress ossidativo queste sostanze, agiscono anche in funzione anti-cancro.

miele di ulmo

Il miele di ulmo, infine, può contribuire alla risoluzione dei problemi al tratto respiratorio superiore (mal di gola, raffreddore etc.). D’altronde, non è solo un formidabile antibatterico, ma anche un buon antinfiammatorio, dunque aiuta a guarire e lenisce. Va detto, comunque, che queste funzioni si riscontrano con un diverso grado di intensità a seconda dell’annata e soprattutto dipendente dalla zona geografica in cui l’ulmo è cresciuto. Non è possibile, però, fare una “mappa” dei mieli di ulmo migliori in quanto il clima agisce in modo diverso sulle zone da un anno all’altro.

Gli usi del miele di ulmo

Il miele di ulmo può essere impiegato esattamente come le altre tipologie di miele. Dunque, può fungere da dolcificante. A tal proposito, va specificato che si tratta di un dolcificante più aromatico del solito, ancora più di molte altre tipologie di miele. Per fortuna il suo potere dolcificante non è poi eccessivamente accentuato, dunque non vi è alcun rischio di coprire gli altri sapori. Tuttavia, ne basta poco per dolcificare – e aromatizzare al contempo – tisane, thè, latte e altre bevande. Ovviamente, può essere integrato nelle preparazioni dolciarie, alle quali conferisce anche un profumo spiccato. E’ un modo per caratterizzare ulteriormente dolci che, altrimenti, risulterebbero troppo lineari. Il miele può essere consumato anche da solo, visto il suo sapore marcato.

Tuttavia, si opta per questo uso soprattutto allo scopo di lenire disturbi al tratto respiratorio superiore, come i classici mal di gola e raffreddore (un po’ come si fa con il millefiori). Applicazione, questa, giustificata anche dall’abbondanza di vitamine con funzione di sostegno al sistema immunitario, come la vitamina C. Dove trovare il miele di ulmo? Nonostante sia prodotto principalmente in Cile, è reperibile anche dalle nostre parti. Tuttavia, la sua presenza nei supermercati è abbastanza rara, ma potete acquistarlo tranquillamente nelle erboristerie. Il costo non è eccessivo, solo di poco superiore a quello del millefiori tradizionale.

CONDIVIDI SU
25-03-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti