bg header
logo_print

Mocktail alla rosa e al cardamomo, un ottimo aperitivo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Cocktail alla rosa e al cardamomo
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Fiori ed erbe aromatiche
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.8/5 (4 Recensioni)

Mocktail alla rosa e al cardamomo, un aperitivo magico

Oggi vi presento il mocktail alla rosa e al cardamomo, un mocktail (cocktail analcolico) diverso dagli altri in quanto fa ampio uso di fiori e di spezie. E’ una bevanda che fa atmosfera e rende magica l’esperienza dell’aperitivo, che può essere facilmente abbinato con dei classici stuzzichini. Anche perché non è nemmeno troppo pesante. La componente analcolica è composta dal gin, di cui vanno inseriti solo 50 ml, l’equivalente di uno shottino. In compenso, il mocktail spicca per il colore rosa chiaro, arricchito da suggestivi riflessi arancione. La ricetta è molto semplice, soprattutto se avete a disposizione i “ferri” del mestiere. In questo caso specifico basta lo shaker, che permette di agitare e mescolare gli ingredienti in poco tempo e con assoluta precisione.

Ricetta mocktail alla rosa e al cardamomo

Preparazione mocktail alla rosa e al cardamomo

Per realizzare il mocktail alla rosa e al cardamomo dovrete partire dallo sciroppo di rosa. Mescolate una parte di acqua e una di zucchero (nelle stesse quantità), poi incorporate qualche petalo secco di rosa e fate bollire il tutto. Lasciate in infusione e filtrate la soluzione in un contenitore con chiusura ermetica.

Preparato lo sciroppo di rosa, procedete con gli altri ingredienti. Versate il baccello di cardamomo in uno shaker per mocktail e agitate con delicatezza. Dovreste esercitare una pressione sufficiente a rompere il baccello e una parte dei semini interni. Poi unite gli altri ingredienti, il ghiaccio e agitate in maniera vigorosa. A questo punto filtrate la bevanda direttamente su un bicchiere Old Fashioned riempito con il ghiaccio e rimuovete il baccello di cardamomo. Infine, integrate con acqua tonica e guarnite con petali di rosa prima di servire.

Ingredienti mocktail alla rosa e al cardamomo

  • 50 ml. di gin analcolico
  • 10 ml. di succo di limone
  • 20 ml. di sciroppo di rosa
  • 25 ml. di succo di pompelmo
  • 2 spruzzate di bitter
  • 1 baccello di cardamomo
  • q. b. di acqua tonica.

Per inciso la lista degli ingredienti del mocktail alla rosa e cardamomo comprende il gin, il succo di limone, il succo di pompelmo, lo sciroppo di rosa, qualche goccia di bitter e il cardamomo. Ovviamente è necessario abbondare con il ghiaccio, soprattutto al momento del servizio. Per la ricetta del mocktail alla rosa e al cardamomo devo ringraziare Drinks & Co, che ne ha pubblicato la versione originale tra le sue pagine. Ho cambiato solo il gin usandone uno analcolico!

Le proprietà nutrizionali del cardamomo

Il cardamomo gioca un ruolo fondamentale per questo aperitivo in rosa. Nonostante la presenza di tanti altri ingredienti, il cardamomo apporta in maniera chiara i suoi sentori tipici. Nello specifico, il cardamomo offre un sapore fresco e pungente, che ricorda vagamente il limone. Forma dunque un eccellente abbinamento con i due ingredienti dolci, ovvero il gin e lo sciroppo di rosa. La presenza del cardamomo in una bevanda analcolica non deve stupire, infatti è una delle spezie più versatili in assoluto. Il cardamomo può intervenire tanto nella pasticceria quanto a condimento di piatti a base di carne e di pesce. Ovviamente è ottimo anche sotto forma di infuso.

Non vanno poi dimenticate le sue proprietà benefiche, che sfociano nella medicina naturale. Infatti contiene molte sostanze che aiutano a prevenire il cancro (antiossidanti) e sostiene l’organismo nella risoluzione degli stati infiammatori. Ovviamente contiene anche una discreta quantità di vitamine e sali minerali.

Cocktail alla rosa e al cardamomo

La rosa come risorsa alimentare

La presenza della rosa in questo mocktail al cardamomo potrebbe stupire, infatti a questo fiore vengono attribuite solo potenzialità decorative. In realtà può dare molte soddisfazioni anche in cucina. I suoi petali essiccati sono perfetti per creare bevande e in particolar modo infusi. Per inciso, essiccare i petali è molto semplice, in quanto è sufficiente stenderli a testa in giù o su una superficie molto grande all’interno di un locale buio. I petali freschi invece vengono integrati in molte ricette corpose. Segnalo a tal proposito l’eccellente risotto alle rose, che tra l’altro è dominato da un bel colore rosso. Sul dolce troviamo invece la marmellata ai petali di rosa, che è leggermente acidula e in grado di accompagnare i formaggi stagionati. Discorso simile per il gelato alle rose, che propone sentori molto delicati e adatti a numerosi abbinamenti. Infine, cito anche il liquore alle rose, un cocktail alcolico davvero unico e dal gusto delicato.

Nel caso del mocktail alla rosa e al cardamomo, i petali vengono utilizzati in due fasi: per preparare lo sciroppo e come decorazione. Preparare lo sciroppo di rosa è un gioco da ragazzi. Si tratta infatti di comporre una soluzione con  metà acqua e metà zucchero, poi vanno integrati i petali di rosa essiccati e portati ad ebollizione. La soluzione va fatta riposare con il coperchio applicato in modo che si realizzi il processo di infusione. L’ultima fase prevede il filtraggio del liquido, necessario affinché lo sciroppo acquisisca una texture uniforme e leggera. Lo sciroppo di rose, infine, va inserito in una bottiglia a chiusura ermetica. In questo caso si conserva fino a due settimane.

Cosa occorre sapere sul gin?

A suo modo il gin è protagonista del mocktail alla rosa e al cardamomo. E’ una componente analcolica presente in dosi minime, pari al classico cicchetto. Dal punto di vista del sapore non incide moltissimo, infatti dolcifica un po’ e agisce nella fase di retrogusto. Perché abbiamo scelto proprio il gin? Ebbene, la scelta è giustificata dal sapore neutro e dalla presenza di erbe impiegate in fase di produzione, i cosiddetti “botanicals”. Tra questi troviamo il ginepro (che deve essere utilizzato sempre), i semi di coriandolo, la radice di angelica, l’iri e la scorza di arance (facoltativa).

Il sapore neutro del gin lo rende molto versatile, proprio per questo viene utilizzato per i cocktail. I più famosi, tra quelli a base di gin, sono il gin lemon, il gin tonic, il Negroni, il Gin Sour. Esistono svariate tipologie di gin: il classico, il distillato, il Dry, gli aromatici ed ora anche quello analcolico. Queste varianti si differiscono per le modalità di distillazione e per le spezie impiegate. Il consiglio, almeno per questo mocktail, è di utilizzare il gin analcolico, in linea con il tipo di mocktail che abbiamo preparato. In questo modo potete ottenere un drink davvero sfizioso e adatto a tutti, che vi farà fare di sicuro un figurone con i vostri amici.

Oltre a questa bevanda alla rosa vi consiglio il matcha gin. Un mocktail che fa degli aromi e dei profumi il suo tratto distintivo. E’ realizzato, come suggerisce il nome, con il tè matcha e con il gin. Tuttavia, agiscono anche tanti altri ingredienti, che lo rendono complesso e gradevole: la menta, il succo di lime, lo sciroppo di agave (o di miele). Se vi state chiedendo se questo cocktail sia  una bevanda analcolica, la risposta è no! Il cocktail con tè matcha e gin servito in un buffet e bello fresco stupirà tutti.

Ricette cocktail per aperitivi ne abbiamo? Certo che si!

4.8/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Mocktail alla rosa e al cardamomo, un ottimo aperitivo

  • Gio 24 Mar 2022 | Patrizia ha detto:

    Sono felice di conoscerti io amo la natura e vivo in montagna,in Abruzzo Alfedena adoro le ricette con i fiori e le radici infatti faccio un ottima genziana ti seguirò sicuramente le tue ricette sono deliziose.

    • Sab 26 Mar 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie Patrizia anche io sto imparando ad amare fiori ed erbe in cucina. Seguici e se hai consigli li accetto.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo alla birra

Pollo alla birra, un secondo piatto semplice e...

La carne di pollo, un’autentica alleata in cucina Il protagonista della ricetta del pollo alla birra è ovviamente la carne bianca. Il pollo è una delle carni più consumate in assoluto, se non...

Pere caramellate allo zafferano

Pere caramellate allo zafferano, un aromatico dessert

Pere caramellato allo zafferano, un dolce diverso dal solito Oggi vi presento un dessert fuori dal comune, ovvero le pere caramellate allo zafferano. Si inseriscono nel solco delle “pere cotte”...

pollo Yassa

Il pollo Yassa, un piatto senelagese speziato e...

Alla scoperta del pollo Yassa Lo Yassa è un piatto senegalese a base di pollo e di riso. Un piatto completo, che si fa apprezzare per la varietà dei sapori e per un utilizzo massiccio delle...