Friselle con peperoni e formaggio, un pasto sfizioso

Friselle con peperoni e formaggio
Stampa

Friselle con peperoni e formaggio di capra con ingredienti semplici e genuini

Le friselle con peperoni e formaggio di capra sono una ricetta davvero semplice e sfiziosa. A dire il vero si discostano un po’ dalla bruschetta classica, soprattutto per gli ingredienti. In primis per la base, che non è data dal pane tostato, bensì dalla frisella, un prodotto tipico di molte culture culinarie del sud Italia, dalla Puglia alla Campania, dalla Basilicata alla Calabria. La frisella è un “biscotto” di pane passato per una seconda volta al forno, in modo da risultare croccante. In genere è realizzato con la farina di grano duro, ma esistono comunque varianti realizzate con farine alternative e adatte ai celiaci.

La frisella è un P.A.T. (Prodotto Agroalimentare Tradizionale) a testimonianza della sua origine antica, benché diffusa su un ampio territorio (praticamente tutto il meridione peninsulare). Anzi secondo gli storici, la nascita della frisella risalirebbe addirittura al X secolo avanti Cristo. Nel corso del tempo, la frisella è diventata sinonimo di bruschetta, fino a vivere una seconda giovinezza nella veste di aperitivo e antipasto tradizionale.

La frisella può essere conservata per un periodo di tempo abbastanza lungo e questo ha sempre rappresentato un suo forte punto di vantaggio, poiché l’ha resa una valida alternativa al pane che dopo qualche giorno tende ad indurirsi. Questo valeva soprattutto per quei periodi in cui la farina era scarsa o troppo cara per i ceti meno abbienti. Mio cognato (pugliese doc) mi racconta che venivano infilate in una corda a mo di collana e appese per la conservazione o, soprattutto, per il trasporto. Le friselle era considerate un pane da viaggio, pronta a sfamare quanti si sarebbero dovuti assentare da casa per lungo tempo.

Fossero essi pescatori, contadini o comunque lavoratori che avrebbero dovuto assentarsi per un po’ da casa. In casa, invece, si era soliti conservarle in capienti orci di creta. In effetti, durante una vacanza, le ho viste appese nelle cucine con le collane di aglio e peperoncino. Pensavo che fossero messe a mo’ di decorazione. Ovviamente la ricetta tradizionale prevede che siano fatte con altre farine ma noi le abbiamo rivisate per poter essere consumate da tutti.

Un formaggio fuori dal comune

Il pregio di queste friselle con peperoni e formaggio di capra risiede proprio nel condimento. Il riferimento è proprio al formaggio di capra, che non è tra i più consumati. Per l’occasione consiglio il formaggio Exquisa Fresco Cremoso alla Capra. E’ un prodotto nuovo di Exquisa, che verrà presentato tra maggio e giugno del 2021, può essere considerato un formaggio sui generis, che unisce la praticità del formaggio spalmabile con il sapore insolito e piacevole del formaggio di capra. E’ realizzato secondo metodiche naturali ed è privo di conservanti. Inoltre, contiene meno grassi rispetto agli altri prodotti della medesima categoria ed è caratterizzato da una texture regolare e uniforme, adatta alle preparazioni di questo tipo.

Friselle con peperoni e formaggio

L’Exquisa Fresco Cremoso alla Capra dimostra ancora una volta la volontà di Exquisa di rinnovare continuamente la propria offerta, intercettando e anticipando le esigenze dei clienti. Tutto ciò in una prospettiva di genuinità, gusto e leggerezza, valori che l’azienda declina in ogni suo prodotto.

Il ruolo fondamentale dei peperoni

I peperoni giocano un ruolo davvero importante nelle friselle con formaggio di capra. In effetti rappresentano il condimento ideale per questo tipo di friselle. In particolare si sposano alla perfezione con il formaggio di Capra, creando un mix unico dal carattere rustico e aromatico. Nello specifico, i peperoni vanno sbucciati (un accorgimento necessario per garantire un’adeguata digeribilità), privati dei semi, tagliati a tocchetti e cotti alla brace. Infine vengono adagiati sulle friselle già condite con il formaggio di capra. Per inciso, il resto del condimento è dato dai capperi e dai pomodori secchi.

I peperoni sono degli alimenti preziosi, versatili e ricchi di nutrienti. Essi, a dire il vero, cambiano a seconda del colore. Il peperone giallo, per esempio, è ricco di betacarotene, un precursore della vitamina A. Il peperone rosso, invece, è ricco di licopene, un antiossidante presente anche nel pomodoro. Per il resto, tutti i peperoni, a prescindere dal colore, sono ricchi di vitamina C, potassio e altri importanti minerali. Sono anche ricchi di fibre, che stimolano l’apparato digerente, e di acqua, che li rende moderatamente diuretici. Il loro apporto calorico, infine, è davvero basso e del tutto trascurabile in qualsiasi tipo di dieta.

Gli intolleranti al nichel possono preparare questa ricetta in due modi. Utlizzano dei pomodori senza nichel preparati sott’olio in maniera casalinga oppure non mettendoli proprio sopra la frisella. A voi la scelta.

Ecco la ricetta delle friselle con peperoni e formaggio di capra:

Ingredienti 4 persone:

  • 4 grosse friselle consentite,
  • 2 peperoni (1 rosso e 1 giallo),
  • 1 confezione di formaggio Exquisa Fresco Cremoso alla Capra,
  • 2 spicchi di aglio,
  • qualche foglia di basilico,
  • 2 cucchiai di capperi,
  • 4-5 pomodori secchi sott’olio,
  • 1 cucchiaio di origano,
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle friselle con peperoni e formaggio di capra iniziate lavando i peperoni poi passateli sulla brace. Una volta che i peperoni sono pronti, togliete la pellicina esterna, eliminate i semi e fateli a filetti. Arricchite i peperoni con l’aglio tagliato a fettine, un trito grossolano di basilico, un po’ di origano sminuzzato, sale, pepe e olio extravergine d’oliva.

Ora inumidite le friselle e spalmateci sopra il formaggio Exquisa Fresco Cremoso alla Capra. Mettete sulle friselle i peperoni, i pomodori secchi fatti a tocchetti e i capperi. Concludete con un po’ di olio d’oliva versato a filo e servite

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-06-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Ma da sola non potevo farcela!

Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono oggi il Presidente. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro incredibile. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...

Polpette di riso e verdure

Polpette di riso e verdure, deliziosi pezzi di...

Polpette di riso e verdure, delle polpette diverse Le polpette di riso e verdure rappresentano un modo diverso di intendere le polpette e, più in generale, la rosticceria. La ricetta è infatti...

melanzane

La melanzana, un ortaggio molto versatile

Le proprietà nutrizionali delle melanzane Oggi vi parlo della melanzana, uno degli ortaggi più apprezzati in assoluto, protagonista di molte ricette, specie se afferenti alla tradizione...

Coni croccanti al sesamo

Coni croccanti al sesamo, un secondo elegante

Coni croccanti al sesamo con baccalà mantecato I coni croccanti al sesamo con baccalà mantecato sono un secondo dall’aspetto e dal gusto particolari. D’altronde potete verificarlo voi dalla...

Crocchette di salmone e patate

Crocchette di salmone e patate, un piatto insolito

Crocchette di salmone e patate dolci, particolari Le crocchette di salmone e patate dolci sono preparazioni di rosticceria sui generis. Si caratterizzano, infatti, per una lista di ingredienti...

Tagliatelle di calamari in insalata

Tagliatelle di calamari in insalata, un’ottima ricetta

Tagliatelle di calamari in insalata, un piatto leggero e gustoso Le tagliatelle di calamari in insalata sono un piatto leggero, dal sapore intenso e molto bello da vedere. D’altronde,...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti