bg header
logo_print

Piadina alla spirulina con formaggio spalmabile, una delizia

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

piadina di spirulina con crema spalmabile
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3/5 (1 Recensione)

Piadina alla spirulina con crema spalmabile, una merenda particolare

La piadina alla spirulina con crema spalmabile è una merenda dai colori sgargianti, che stupisce già al primo impatto, non solo per l’aspetto ma anche per il gusto. E’ infatti frutto di un impasto insolito, composto da una farina gluten-free e dall’alga spirulina. E’ proprio questa a dare alle piadine la tonalità blu che vedete in foto. Guai, però, a pensare che il suo unico scopo sia colorare. La verità è che l’alga spirulina, pur non presentando un sapore così spiccato, eccelle dal punto di vista nutrizionale. E’ ricca di vitamine del gruppo B, che sono in varia misura coinvolte nel metabolismo energetico. E’ ricca anche di sali minerali come il ferro, fondamentale per ossigenare il sangue e contrastare l’anemia. L’alga spirulina è soprattutto ricca di antiossidanti, sostanze che rallentano l’invecchiamento e contrastano i radicali liberi.

Per l’occasione consiglio di utilizzare gli spaghettini di alga spirulina Livergreen. Sono confezioni in un comodo formato, ovvero a listarelle essiccate. Basta immergerle in acqua e sono pronte per essere impiegate in qualsiasi ricetta vi venga in mente. In questo caso si sciolgono abbastanza in fretta grazie alla componente liquida dell’impasto. Gli spaghettini di alga spirulina Livergreen sono eccellenti e ricavati dalla migliore materia prima possibile. L’altro ingrediente sui generis è dato dalla farina di ceci, una farina senza glutine adatta a chi soffre di celiachia. Questo non è il suo unico pregio, infatti contiene anche molte proteine, vitamine e sali minerali. La farina di ceci si distingue per una buona resa, a tal punto che in molte tradizioni regionali (come quella toscana) è la farina più utilizzata.

Ricetta piadina alla spirulina

Preparazione piadina alla spirulina

Per preparare la piadina alla spirulina con crema spalmabile iniziate dall’impasto. In una terrina versate la farina di ceci, gli spaghettini di spirulina tritati, il bicarbonato e il sale. Impastate con le mani, poi aggiungete man mano l’acqua tiepida e l’olio. Infine impastate fino ad ottenere un impasto liscio e morbido. Ora formate delle palline e stendetele su di un piano infarinato coperte da un canovaccio. Infine lasciate riposare 30 minuti.

Con un piccolo mattarello, stendete ogni pallina in modo che assumano un piccolo spessore e siano larghe quanto una piadina. Cuocete le piadine così ottenute in forno a 200°C. Dopo 10 minuti circa giratele e proseguite la cottura. Infine fatele raffreddare, spalmateci sopra il formaggio cremoso e arricchite con i kiwi tagliato a fette sottili e con qualche chicco di melograno. Servite e buon appetito.

Ingredienti piadina alla spirulina

  • 140 gr. di farina di ceci
  • 3 gr. di spaghettini di spirulina Livegreen
  • una punta di cucchiaio di bicarbonato
  • 240 gr. di acqua
  • 10 ml. di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale
  • 1 confezione di formaggio spalmabile
  • 2 kiwi
  • 1 melograno.

Un ripieno cremoso tutto da gustare

La piadina alla spirulina con crema spalmabile funziona esattamente come le piadine normali, quindi può essere farcita come meglio si crede. Io consiglio una farcitura a base di formaggio cremoso e di frutta, che unisce dolcezza e un tocco acidulo. Ovviamente dovrete scegliere con cura il formaggio cremoso, visto che ricopre un ruolo importante. A tal proposito vi consiglio un prodotto con un gusto non troppo spiccato e realizzato con materie prime di qualità.

Il formaggio cremoso impatta anche sulle proprietà nutrizionali della ricetta, che diventa completa e adatta ad una colazione corposa. Il formaggio apporta buona parte dei principi nutrizionali dal latte, dunque contiene proteine, calcio e tracce di vitamina D. Per quanto concerne l’apporto calorico varia da prodotto a prodotto, ma siamo comunque sulle 170-230 kcal per 100 grammi. Ovviamente esistono anche delle varianti delattosate per gli intolleranti al lattosio.

Il contributo dei kiwi nella piadina alla spirulina

La farcitura della piadina alla spirulina è affidata anche dalla frutta. Per l’occasione vi consiglio i kiwi, che coniugano dolcezza e sentori aciduli. Per questa ricetta optate per i kiwi mediamente maturi, che conservano una texture in grado di resistere all’abbraccio cremoso del formaggio spalmabile. I kiwi sono tra i frutti più nutrienti in circolazione. Al costo di un apporto calorico non troppo elevato, regalano tantissime vitamine, come la vitamina C e la vitamina E. Quest’ultima esercita una funzione antiossidante, dunque inibisce i radicali liberi, fa bene alla pelle, rallenta l’invecchiamento e aiuta a prevenire il cancro.

Troviamo infine la solita carrellata di sali minerali tipici dei frutti esotici, come il potassio e il magnesio. I kiwi esercitano anche una discreta funzione diuretica, visto l’elevato contenuto di acqua, inoltre aiutano a digerire. Da questo punto di vista sono secondi solo alle prugne. Assieme ai kiwi consiglio di utilizzare anche il melograno, che aggiunge un ulteriore tocco di calore, conferendo una texture più variegata e delle ottime proprietà nutrizionali. Anche in questo caso troviamo la vitamina C, i sali minerali e importanti sostanze antiossidanti.

Come stendere e cuocere le piadine?

La ricetta della piadina alla spirulina è abbastanza semplice, nonostante gli “strani” ingredienti che la compongono. Basta riunire in una ciotola tutti gli ingredienti solidi e impastare per bene con acqua e olio. Dopo un’ulteriore fase di impasto, non rimane che formare delle palline, farle riposare e stenderle. La fase di cottura è quanto di più semplice possa esserci, basta mettere le piadine in forno a 200 gradi per 15-20 minuti. A metà cottura le piadine andranno girate.

Ricaverete così delle stupefacenti piadine azzurrine, da condire come meglio credete. Io vi consiglio di procedere con il formaggio cremoso come base per poi aggiungere il kiwi e il melograno. La piadina così realizzata rappresenta un’eccellente variante alla classica piadina romagnola, nonché una preparazione sfiziosa per la merenda e per la colazione.

3/5 (1 Recensione)

Ricette di piadine ne abbiamo? Certo che si!

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pancakes senza burro

Pancakes senza burro, la colazione per chi ha...

Di cosa sa la farina di grano saraceno La vera protagonista della ricetta dei pancakes senza burro è la farina di grano saraceno. Fa parte dei cosiddetti “grani antichi”, ovvero quei cereali...

Loco moco

Loco moco, una corposa colazione hawaiana

Quale riso utilizzare per il loco moco? Benché non richieda chissà quale impegno, la cottura del riso è importante, d’altronde funge da base per l’intera ricetta. Occorre fare attenzione...

Ymerdrys con frutti di bosco

Ymerdrys con frutti di bosco, il dessert ricco...

Il gusto e le proprietà del pane di segale Il protagonista della ricetta del ymerdrys con frutti di bosco è ovviamente il pane di segale. Esso spicca per i sentori decisamente rustici ma allo...