Piadina di spirulina con crema spalmabile e kiwi

piadina di spirulina con crema spalmabile
Commenti: 0 - Stampa

La piadina inedita: la piadina di spirulina con crema spalmabile

La piadina, o piada, è il ‘pane’ dei romagnoli, illustri poeti della cucina che l’hanno creata e portata all’interno della tradizione culinaria italiana. Oggi, però, ne prepariamo una ben diversa e altrettanto gustosa: la piadina di spirulina con crema spalmabile, kiwi e melograno. Questa ricetta è molto speciale e vi propone la classica piada in una veste del tutto inedita… preparata con l’alga spirulina, farcita con crema spalmabile e accompagnata da due interessanti frutti.

L’alga spirulina è un vegetale ricco di proteine, che contiene inoltre gli acidi grassi omega 3 e omega 6, che ci difendono da colesterolo e trigliceridi. Apporta al nostro pasto una buona quantità di vitamine e sali minerali, un bassissimo contenuto calorico e tanto sapore per la nostra piadina di spirulina con crema spalmabile, kiwi e melograno. Quest’alga è usata dagli sportivi per il suo alto potere energizzante e propone interessanti livelli di fenilalanina, un aminoacido che riduce il senso di fame… Ma cos’altro dovreste sapere?

Le altre caratteristiche dell’alga spirulina

In base a quello che abbiamo appena detto, si evince quindi che quest’alga è utile per chi deve tenere sotto controllo il peso. Poi, se tutto questo non bastasse, è stato riscontrato che può aiutare a prevenire i danni dell’invecchiamento con il suo potere antiossidante e a favorire memoria e concentrazione. Nella nostra piadina di spirulina con crema spalmabile, kiwi e melograno, non la useremo in grande quantità, ma vi accorgerete comunque della differenza che può fare a tavola.

L’alga spirulina è conosciuta fin dall’antichità dalle popolazioni orientali, ma fino a pochi anni fa era quasi sconosciuta nelle nostre cucine. Attualmente, la possiamo trovare facilmente nei maggiori negozi di prodotti naturali, nelle erboristerie e online. Oggi la potrete provare grazie alla ricetta della piadina di spirulina con crema spalmabile, kiwi e melograno, ma non mettete da parte la creatività! Ricca di antiossidanti, vitamine e minerali, anche in piccole dosi può regalarci un valido nutrimento e interessanti benefici!

Bontà e benessere con la piadina di spirulina con crema spalmabile

Il sapore di questa alga è un po’ amarognolo e per questo potrebbe non essere gradito da tutti.  Può essere acquistata in polvere o in fiocchi, e può essere aggiunta facilmente a diverse ricette proprio come nel caso della piadina di spirulina con crema spalmabile, kiwi e melograno, dove gli altri ingredienti ne esalteranno le proprietà, combinando perfettamente il loro sapore con il suo.

L’energia e l’alto valore nutrizionale della farina di ceci, si abbineranno perfettamente al contenuto di antiossidanti, vitamine e minerali che ci regalano kiwi e melograno, proponendoci così un pasto davvero gustoso e nutriente. Quindi, non avete più scuse! Cominciate subito, insieme a me, a preparare l’insolita, colorata e deliziosa piadina di spirulina con crema spalmabile, kiwi e melograno… Non ve ne pentirete!

Ingredienti per 6 piadine medie

  • 140 g di farina di ceci
  • 3 gr. di spaghettini di spirulina Livegreen
  • una punta di bicarbonato
  • 240 g di acqua
  • 10 ml di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale
  • 1 confezione di formaggio spalmabile
  • 2 kiwi
  • 1 melograno

Preparazione

In una terrina versate la farina di ceci, la spirulina triturata, il bicarbonato e il sale. Impastate con le mani e poi aggiungete l’acqua tiepida man mano e l’olio. Impastate fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.

Formate delle palline e stendetele su di un piano infarinato coperte da canovaccio. Lasciate riposare 30 minuti.

Con un piccolo mattarello, stendete ogni pallina e tiratela sottile. Proseguite fino a prepararle tutte.

Cuocete le piadine ottenute in forno a 200°C. Dopo 10 minuti circa rigiratele e proseguite la cottura.

Provatele con il kiwi e il melograno

5/5 (456 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...

Barretta di anacardi con ananas

Barretta di anacardi con ananas, una merenda esotica

Barretta di anacardi con ananas: una scelta di ingredienti particolare. Scordatevi le classiche barrette energetiche acquistabili in farmacia e al supermercato. Questa barretta di anacardi con...

Dalgona coffee

Dalgona coffee, un’alternativa al cappuccino

Dalgona coffee, una merenda squisita Se amate viaggiare, e in particolare siete stati in Giappone e in Corea del Sud, è probabile che conosciate già il Dalgona coffee. Si tratta di una variante...

Barretta con noci pecan

Barretta con noci pecan per una merenda energetica

Barretta con noci pecan e uvetta, un break buono e salutare La barretta con noci pecan e uvetta non ha nulla a che vedere con le classiche barrette energetiche che si acquistano al supermercato o in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti