bg header
logo_print

Cheesecake alle ciliegie, un dolce anglosassone

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Cheesecake con le ciliegie
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 04 ore 20 min
cottura
Cottura: 00 ore 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Cheesecake senza cottura con le ciliegie, un dessert perfetto

La cheesecake alle ciliegie è una variante leggermente diversa dalle classiche torte fredde. All’apparenza rispetta tutti i canoni standard, ma nasconde una farcia più complessa, realizzata con un formaggio-yogurt particolare (lo Skyr) e con il miele al posto dello zucchero.

La base è la stessa di sempre, dunque realizzata con i biscotti secchi e con il burro. I biscotti, all’occorrenza, possono essere senza glutine, se soffrite di celiachia o di qualche disturbo dell’assorbimento. Il burro dovrebbe essere chiarificato, che rispetto a quello “normale” è privo di caseina.

Ciò comporta un sapore meno intenso, in grado di interferire poco con quello dei biscotti. Inoltre, reagisce meglio sia alle temperature elevate che a quelle basse. Di base è più grasso, almeno considerando i classici 100 grammi.

Va detto, però, che il burro chiarificato rende di più, dunque richiede dosi più contenute. Per quanto concerne il procedimento in sé non vi è niente di nuovo, infatti i biscotti vanno tritati e mescolati al burro fuso. Con il composto che se ne ricava va formata la base, da livellare con una spatola. Poi si fa riposare in frigorifero per una mezz’ora et voilà, il gioco è fatto.

Ricetta cheesecake alle ciliegie

Preparazione cheesecake alle ciliegie

  • Per la preparazione della cheesecake alle ciliegie iniziate occupandovi della base.
  • Sciogliete il burro a bagnomaria.
  • Ungete con il burro la carta da forno e usatela per coprire lo stampo a cerniera.
  • Preparate la base di biscotti. Tritate i biscotti e ammorbiditeli con il burro, per fare ciò mettete tutto in una ciotola. Mescolate con cura fino a quando non vi ritroverete con un composto abbastanza uniforme.
  • Versate il composto nello stampo e distribuitelo per bene con una spatola. Poi trasferite lo stampo con la base nel frigo per circa 30 minuti.
  • Intanto occupatevi della farcitura. Mettete in ammollo i fogli di gelatina in una soluzione con acqua e succo di limone per qualche minuto.
  • Scaldate il composto a fiamma bassa in modo che la gelatina si sciolga completamente. Lasciate intiepidire.
  • In una ciotola mescolate la panna e il miele, poi attendete 10 minuti. Montate il composto con le fruste elettriche e aggiungete lo Skyr e la colla di pesce, mescolando questa volta con una frusta manuale in modo molto delicato.
  • Versate la crema di formaggio così ricavata sulla base e riponete di nuovo lo stampo in frigo, dove rimarrà per 4 ore.
  • Per quanto riguarda la copertura, procedete come segue.
  • Denocciolate le ciliegie usando uno stecco di legno: vi basterà poggiare ogni singola ciliegia sulla bocca di una bottiglia e infilzarle con lo stecco.
  • Questa semplice tecnica permette di conservare l’integrità del frutto. Oppure usate l’apposito attrezzo.
  • Trasferite le ciliegie denocciolate in una pentola, poi unite lo zucchero e cuocete a fiamma media per 3-4 minuti.
  • Ora amalgamate l’amido di mais con un po’ di acqua fredda e versate tutto nella pentola.
  • Mescolate per bene e cuocete per 5 minuti dalla ripresa del bollore, ossia il tempo necessario per rendere il composto morbido, ma senza che la frutta vada incontro a disfacimento.
  • Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Trascorse le quattro ore in frigorifero, prendete la cheesecake e spalmate la copertura sulla farcia.
  • Decorate con qualche ciliegia fresca e denocciolata.
  • Infine, lasciate riposare la cheesecake alle ciliegie un’altra ora prima di servirla, un piccolo accorgimento per far aderire meglio la copertura e rendere più facile il taglio.
  • Ora non vi resta che gustare la vostra delizia!

Per la base:

  • 200 gr. di biscotti secchi, consentiti,
  • 100 gr. di burro chiarificato.

Per la crema:

  • 150 gr. di Skyr di Exquisa,
  • 250 gr. di panna fresca,
  • 10 gr. di colla di pesce,
  • 40 ml. di miele,
  • succo di mezzo limone.

Per la copertura:

  • 400 gr. di ciliegie,
  • 60 gr. di zucchero a velo,
  • 1 cucchiaio di succo di limone,
  • 10 gr. di amido di mais,
  • 35 ml. di acqua.

Il contributo dello Skyr

Tra i pochi elementi di diversità di questa cheesecake di ciliegie fresche spicca la farcia. Dall’esterno assomiglia a una classica farcia da cheesecake, ma in realtà è realizzata con un ingrediente particolare, ossia lo Skyr. Si tratta tecnicamente di un formaggio spalmabile preparato con il caglio.

Tuttavia, consistenza, colore e valori nutrizionali sono quasi identici a quelli dello yogurt greco di tipo colato. Proprio per questo è poco calorico, ricco di proteine e soprattutto di calcio. Il sapore è leggermente acidulo, gradevole al palato e tutto sommato neutro, dunque spendibile sia nelle preparazioni dolci che in quelle salate.

Cheesecake con le ciliegie

Lo Skyr è un prodotto di origine islandese, che sta conquistando anche il mercato italiano grazie alla lungimiranza di Exquisa, che ha importato la ricetta originale, adattandola al meglio con il gusto mediterraneo. Con questo prodotto Exquisa dimostra ancora una volta la volontà di intercettare e di anticipare le esigenze dei consumatori.

Lo Skyr di norma contiene lattosio, dunque, se non riuscite a digerire il lattosio, abbiate cura di sostituirlo con un formaggio realizzato con latte delattosato. La stessa Exquisa propone un’ampia scelta di prodotti a riguardo. Un altro elemento particolare della farcia è il miele, che sostituisce lo zucchero.

Una scelta che premia il gusto e la salute. D’altronde il miele è ricco di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Questi ultimi, come sicuramente già saprete, agiscono in funzione anti-tumorale in quanto contrastano i radicali liberi.

Quale miele utilizzare per la cheesecake alle ciliegie?

Il miele gioca un ruolo importante per questa cheesecake con le ciliegie in quanto sostituisce lo zucchero, dolcificando con la stessa intensità ma conferendo alla farcitura un aroma particolare. A disposizione vi sono tante varietà di miele, ciascuna capace di esprimere un sentore diverso e manifestare le proprie specificità. Quale miele utilizzare? Beh, dipende dal risultato che volete ottenere.

Se auspicate che il sapore del miele emerga e si imponga in parte su quello dei latticini, allora optate per il millefiori. Il millefiori è il miele più potente e più aromatico. Se invece intendete il miele come mero dolcificante scegliete il miele di acacia, che è il più delicato in assoluto e viene utilizzato di frequente in pasticceria.

Se invece cercate soluzioni aromatiche e suggestive, allora potreste optare per il miele di Ulmo, piuttosto che per quello di eucalipto. In ogni caso vi consiglio di ragionare bene sulla varietà e di prevedere l’interazione tra il miele e gli altri ingredienti.

Una deliziosa copertura

Tra i pregi di questa cheesecake alle ciliegie spicca la copertura. Questa è tutto sommato classica in quanto è realizzata con le ciliegie.

In particolare, le ciliegie vanno opportunamente denocciolate e cotte con acqua e zucchero in modo da creare una deliziosa glassa. Abbiate comunque cura di conservare alcune ciliegie per la guarnizione finale, in cui possono essere poste anche intere.

Le ciliegie sono tra i pochi alimenti che piacciono sempre, ma che sono allo stesso tempo salutari. Abbondano di vitamina C e di sali minerali, come il potassio, il magnesio, il ferro e il fosforo. L’apporto calorico non è affatto alto e si attesta sulle 63 kcal per 100 grammi.

Inoltre sono prive di grassi e ricche di fruttosio. Ciononostante hanno un indice glicemico molto basso, proprio per questo possono essere consumate senza alcun timore dai diabetici. Purtroppo, però, contengono anche nichel, dunque se soffrite di questo tipo di intolleranza dovete sostituirle con un altro frutto.

Le alternative allo Skyr

La presenza dello Skyr è una delle innovazioni che questa cheesecake apporta, tuttavia può essere sostituito da alternative più classiche e ordinarie come il formaggio cremoso. D’altronde la ricetta originaria vede come protagonista questo tipo di formaggio. Il suo sapore di latte, ma non troppo acidulo, si abbina alla perfezione con la panna e dona equilibrio alla farcitura. La sua texture liscia e morbida, inoltre, conferisce stabilità e una buona compattezza.

Il formaggio cremoso contiene di norma parecchio lattosio. Tuttavia, nessuno vi vieta di utilizzare una versione delattosata, che tra l’altro si trova con relativa facilità nei supermercati. I prodotti delattosati sono in genere identici all’originale, pur esprimendo una nota più dolce dovuta al processo di delattosamento. Questo procedimento, infatti, prevede l’integrazione dell’enzima lattasi (proprio quello di cui gli intolleranti scarseggiano), che scinde il lattosio in glucosio e galattosio, due zuccheri semplice facilmente avvertibili.

Come gestire la gelatina nella cheesecake alle ciliegie

La gelatina è un ingrediente funzionale alla preparazione di tutte le cheesecake, d’altronde la farcitura non viene cotta, e spesso nemmeno la base. Proprio per questo è necessaria una sostanza che doni stabilità, conferendo alla texture una solidità e un’elasticità tale da sostenere la copertura.

Molti temono la presenza dei fogli di gelatina in quanto sono difficili da gestire. In realtà la gelatina impone giusto un paio di passaggi, basta ammollarla, reidratarla, strizzarla e farla sciogliere in una soluzione riscaldata. In tal modo la gelatina si amalgama prima nella soluzione e poi nella farcitura, senza formare grumi. La soluzione in questione può essere composta da acqua aromatizzata o da un po’ di panna. Ad ogni modo qui sul sito ho parlato più volte delle alternative vegetariane alla gelatine.

La gelatina, infatti, può essere sostituita da altri addensanti come l’agar agar. Si tratta di una preparazione che deriva dalle alghe rosse, che per l’occasione vengono disidratate e ridotte in polvere. L’agar agar funziona più o meno come la gelatina ma è molto più comoda in quanto può essere inserita facilmente nelle preparazioni. Inoltre, l’agar agar è più nutriente della gelatina in quanto è ricca di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Allo stesso tempo non apporta calorie ed è assolutamente inodore e insapore.

FAQ sulla cheesecake alle ciliegie

Come accompagnare la cheesecake?

Dipende dalla versione di cheesecake che si intendete preparare. Quelle con coperture alla frutta possono essere accompagnate con un succo, o anche con un alcolico leggero o con un aperitivo. Le cheesecake con copertura al cioccolato o alla nocciola possono essere accompagnate con il caffè, con la cioccolata calda o con un liquore più pesante.

Quanto dura la cheesecake?

La cheesecake senza cottura dura 1-2 giorni in frigo. La cheesecake cotta, invece, dura 3-4 giorni, ma va conservata in frigo.

Che formaggio c’è nella cheesecake?

Di base nella cheesecake si usa il formaggio spalmabile, tuttavia nessuno vi vieta di tentare altre soluzioni purché siano “cremose”. In questo caso ho optato per lo Skyr, ma possono andare bene anche la ricotta, il mascarpone e persino lo yogurt.

Cosa si può mettere sopra la cheesecake?

Le possibilità sono tante, ma in genere si opta per una glassa alla frutta, piuttosto che una marmellata o una composta. E’ possibile aggiungere anche una guarnizione solida, che a seconda della copertura può essere formata da frutta fresca, frutta secca, biscotti etc.

Ricette cheesecake ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Banane in sfoglia con crema alle nocciole

Banane in sfoglia con crema alle nocciole, un...

La banana, un frutto dalle tante potenzialità Vale la pena parlare della banana, il vero protagonista della ricetta delle banane in sfoglia con crema alle nocciole. La banana è un frutto...

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Mousse di granadilla

Mousse di granadilla, un dessert per viaggiare con...

Cosa sapere sulla granadilla Vale la pena parlare della granadilla, che è l’ingrediente principale di questa deliziosa mousse. Inizio col dire che è un frutto raro a tutti gli effetti,...