bg header

L’affascinante cheesecake salata con uova di lompo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

cheesecake salata con uova di lompo

Non solo un dolce: ecco la cheesecake salata con uova di lompo. La cheesecake, come dice la parola stessa, è una torta a base di formaggio. Tuttavia, al solo pensiero, ci viene in mente il dolce goloso e tanto amato dagli americani. Non è così? La verità è che questa ricetta è piaciuta così tanto che ha dato il via a numerose varianti, che non si presentano sempre come dei dessert, ma bensì come antipasti, secondi e primi piatti. Questo è il caso della cheesecake salata con uova di lompo che, per molti, è decisamente una novità, nonché qualcosa di bizzarro.

Ad ogni modo, assaggiandola vi renderete conto che si presenta come una pietanza dal sapore unico e prelibato per il palato. In questo scenario culinario, le protagoniste sono sicuramente le uova di lompo, un alimento gustoso e speciale su tutti i fronti, che rende la nostra cheesecake salata un piatto privo di lattosio, nonché l’ideale per la realizzazione di cene perfette per sorprendere gli ospiti e lasciare tutti a bocca aperta!

Parliamo di queste uova a dir poco uniche!

Come dicevo, nella cheesecake salata con uova di lompo sono principalmente queste ultime a fare la differenza. Il lompo è un pesce che abita le acque dei mari freddi della Norvegia e, anche per questa ragione, è una specie che possiede tantissime qualità, nonché un alimento in grado di garantire numerosi benefici per l’organismo. Queste uova risultano molto similari al caviale in termini di presentazione, ma hanno un costo più economico e un gusto per niente inferiore.

Si presentano come un’ottima alternativa ai monotoni antipasti, proponendo sapori più intensi e un apporto non indifferente di acidi grassi omega 3, potassio, iodio e selenio: tutte sostanze inestimabili per l’organismo e, più in particolare, per il cuore e la circolazione sanguigna, per la pelle e il sistema nervoso. Con questi presupposti, perché non dovremmo preparare una cheesecake salata con uova di lompo, capace di sbalordire gli invitati e regalare colore, vivacità e un gusto cremoso tutto da assaporare?

cheesecake salata con uova di lompo

Prima di preparare la cheesecake ci tengo a dirvi che…

L’intolleranza al lattosio è sempre più diffusa: ne soffre quasi il 30% della popolazione! Questo disturbo non va confuso con l’allergia alla proteina del latte: chi è intollerante al lattosio non produce l’enzima “lattasi”, che serve a digerirlo.

L’intolleranza, a differenza dell’allergia, è legata alla quantità di latte consumato e si presenta in varie forme, dalle più lievi alle più severe: c’è chi trova semplicemente “poco digeribile” il latte, e chi invece quando lo consuma va incontro a sintomi molto più pesanti. In ogni caso, essere intolleranti al lattosio non vuol dire assolutamente rinunciare ai formaggi, anzi!

Malgrado i formaggi facciano quasi quotidianamente la sua comparsa sulle nostre tavole, non sempre siamo in grado di riconoscere una qualità dall’altra e forse ben poco sappiamo sulle varie fasi della sua produzione: cominciamo pertanto con il vedere come nasce.

La materia prima di questo alimento è costituita dal latte che può essere di mucca (sicuramente il più usato), di capra e pecora e di bufala; è prevalentemente utilizzato intero ma trovano impiego anche il latte scremato e quello centrifugato: nel primo caso si ottengono i cosiddetti formaggi grassi, con il secondo tipo di latte i formaggi semigrassi e con l’ultimo i formaggi magri; a questi si affiancano i formaggi arricchiti con panna di cui il più famoso è certamente il mascarpone.

Come per il latte anche per il formaggio esiste il pericolo di contaminazione da parte di batteri: tuttavia vengono impiegati sofisticati procedimenti a caldo o a freddo che tendono a distruggere i batteri pericolosi.

Sono comunque da tenere presenti alcune precauzioni igieniche nella preparazione di tutti i formaggi ed in particolare di quelli freschi. Il problema si pone soprattutto riguardo ai formaggi prodotti artigianalmente, in quanto quelli industriali sono sempre controllati e non presentano inconvenienti dal punto di vista igienico.

Servire questo piatto come antipasto, o come accompagnamento a un piatto di pesce, certamente susciterà la curiosità dei vostri ospiti, che non vedranno l’ora di assaggiare la vostra cheesecake salata con uova di lompo! Questa ricetta si trasforma ogni volta in un piatto letteralmente in grado di stupire chiunque lo assaggerà.

Anche da un punto di vista estetico, con il suo aspetto accattivante e cremoso che fa venire l’acquolina in bocca, avrete a che fare con una pietanza degna di uno chef a cinque stelle! Ovviamente, non dovranno mancare ingredienti di qualità e un po’ di attenzione durante la preparazione e l’impiattamento… ma vi assicuro che ci riuscirete e che la cheesecake salata con uova di lompo vi consentirà di organizzare una cena in grande stile!

Ed ecco la ricetta della Cheesecake salata con uova di lompo

Ingredienti per 4 persone

  • 200 gr. di friselle consentite
  • 500 gr. di ricotta consentita
  • 150 gr. di formaggio spalmabile Senza Lattosio Exquisa
  • 100 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 150 gr. di uova di lompo
  • q.b. sale

Preparazione

Nel mixer tritate finemente le friselle, aggiungete 200 grammi di ricotta e amalgamate bene. Poi versate il composto in una piccola teglia tonda.

Con l’aiuto di un bicchiere inumidito con acqua fredda, compattate bene il composto e mettete la teglia in frigorifero per circa 20 minuti.

Nel mix mettete i restanti 300 grammi di ricotta, tutti gli altri ingredienti e un po’ d’acqua. Amalgamate bene fino ad avere un composto liscio e omogeneo.

Trascorsi i 20 minuti di raffreddamento del composto con le friselle, togliete la teglia dal frigorifero, versatevi il composto appena preparato e mettete la teglia ancora in frigorifero per circa 3 ore.

Impiattate ricoprendo la superficie di uovo di lompo, guarnite e decorate a piacere, infine servite

3.1/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

Bruschette di pane danese con cervo

Bruschette di pane danese con cervo, un piatto...

Cosa sapere sulla carne di cervo Un altro protagonista di queste bruschette di pane danese è il cervo. A tal proposito vi consiglio di utilizzare la carne per arrosto, che è in genere più morbida...

logo_print