bg header
logo_print

Cartoccio con salmone e gamberi, un secondo leggero

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Cartoccio con salmone e gamberi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.7/5 (3 Recensioni)

Cartoccio con salmone e gamberi, un piatto con ingredienti semplici

ll cartoccio con salmone e gamberi è un secondo piatto semplice da preparare e ottimo in termini di gusto e valori nutrizionali. E’ la classica ricetta che richiede poco e rende molto. Anche gli ingredienti sono facilmente reperibili, anche perché se si escludono gamberi e salmone, la lista comprende principalmente verdure (zucchine, carote e pomodori). Il procedimento consta di poche fasi, tutte molto semplici e quasi banali. D’altronde, il metodo della cottura a cartoccio si presta a ricette facili, che rendono molto al costo di un impegno minimo.

L’ingrediente principale di questa ricetta, o almeno quello presente in quantità maggiore, è il salmone. E’ una specie ittica tra le più apprezzate e utilizzate dalle tradizioni gastronomiche di tutto il mondo. Piace a tutti, in virtù di un sapore delicato e adatto a tutti i palati. Si caratterizza anche per un certo potere nutrizionale, testimoniato da un apporto proteico che ha poco da invidiare alla carne. Inoltre possiede molti grassi insaturi, come gli acidi grassi omega tre; questi fanno bene all’apparato cardiocircolatorio, alla vista, alle funzioni cognitive e molto altro ancora. L’unico difetto del salmone è un apporto calorico non proprio trascurabile: 100 grammi di prodotto apportano 208 kcal, più della maggior parte delle carni rosse per intenderci.

Ricetta cartoccio con salmone

Preparazione cartoccio con salmone

  • Lavate e mondate le zucchine e i pomodori. Tagliate a cubetti le zucchine e i pomodorini a spicchietti.
  • Pulite i gamberi staccando la testa e il carapace, eliminate l’intestino e risciacquateli sotto l’acqua corrente.
  • Per la preparazione del cartoccio con salmone e gamberi iniziate versando i gamberi ben puliti in una ciotola contenente l’aglio tagliato a fette, il succo dei limoni e il pepe nero appena macinato.
  • Date un’abbondante mescolata, coprite la ciotola e lasciate marinare così per 15 minuti.
  • Ora prendete quattro fogli di carta forno e adagiate su ciascun di essi qualche fetta di limone, un filetto di salmone, tre pomodori  e tre gamberi.
  • Poi aggiungete qualche cubetto di zucchine, un po’ di olio extravergine d’oliva, il pepe verde, un po’ di sale e di pepe nero.
  • Chiudete i fogli formando il classico cartoccio e assicurandoli con lo spago da cucina, infine adagiateli su una placca da forno.
  • Cuocete i cartocci per un quarto d’ora a 180 gradi.
  • Una volta pronti, fateli intiepidire per 5 minuti prima di servirli. Buon appetito!

Ingredienti cartoccio con salmone

  • 4 filetti di salmone dal peso di circa 150 gr. l’uno
  • 12 gamberi
  • 2 limoni biologici
  • 12 pomodorini
  • 2 zucchine novelle
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 rametto di timo
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • qualche granello di pepe verde
  • q. b. di sale
  • q. b. di pepe nero.

I valori nutrizionali dei gamberi

L’altro protagonista di questo cartoccio con salmone sono proprio i gamberi. In verità il termine comprende molti esemplari, dunque in questo caso sta a voi scegliere quello preferite maggiormente. L’importante è utilizzarne tre per ogni piatto (quindi dodici in tutto per questa ricetta). Il consiglio, poi, è di utilizzare esclusivamente gamberi freschi, che sono quelli in grado di conservare meglio le proprietà nutritive che caratterizzano questa specie ittica. Tra queste proprietà troviamo un discreto apporto di proteine, pari al 13% del totale. I grassi rappresentano solo lo 0,6%, e per giunta sono tutti insaturi, quindi “buoni”. Tra i grassi figurano anche gli omega tre, che come ho già anticipato garantiscono importanti benefici per l’organismo.

Cartoccio con salmone e gamberi

I gamberi, a prescindere dalla tipologia, sono fonti eccellenti di sali minerali, e in particolare di potassio, magnesio, fosforo, calcio e ferro. Le quantità di vitamine sono esigue, ma si segnala comunque una certa presenza della vitamina B e C. Un altro pregio dei gamberi risiede nell’apporto calorico, che è davvero molto basso: 100 grammi di prodotto garantiscono solo 70 kcal, il ché li rende ideali per le diete dimagranti.

I tanti pregi nutrizionali delle zucchine

Le zucchine conferiscono una certa salubrità al cartoccio con salmone e gamberi, inoltre apportano un gusto in grado di spezzare quello del gambero e dei filetti di salmone (che risulta abbastanza forte). E’ un ingrediente molto utilizzato nella gastronomia italiana, ma forse date per scontate, almeno in termini di apporto nutrizionale. Le zucchine, infatti, possono offrire molto da questo punto di vista. In primis, si caratterizzano per un apporto calorico basso: 100 grammi di zucchine garantiscono solo 11 kcal. In compenso sono molto digeribili e ricchissime di vitamine e sali minerali. Tra questi ultimi spiccano in particolare il potassio, il ferro e il manganese. Per quanto riguarda le vitamine, si segnalano importanti concentrazioni di vitamina A e C.

Le zucchine sono una fonte straordinaria di fibre, che come tutti sanno contribuiscono ai processi digestivi e a risolvere gli episodi di stipsi. Le zucchine si caratterizzano anche per la presenza di aminoacidi essenziali, in particolare di triptofano, che contribuiscono alla rigenerazione cellulare e alla sintesi delle proteine. Ottimo, infine, il contenuto di antiossidanti, che agiscono soprattutto in funzione antitumorale contrastando i radicali liberi. In occasione di questa ricetta, le zucchine vanno semplicemente tagliate a dadini e poste all’interno del “cartoccio” insieme agli altri ingredienti, in questo modo diffondono il loro aroma in modo equilibrato ed efficace.

Perché abbiamo usato i limoni biologici?

La lista degli ingredienti del cartoccio con salmone e gamberi comprende anche il limone, che viene utilizzato in due occasioni: sotto forma di succo per marinare il pesce e a fettine sottili per rendere il cartoccio più aromatico. Vi consiglio di utilizzare il limone biologico in quanto è privo di sostanze chimiche che in genere vengono utilizzate nei processi di coltivazione industriale. Inoltre, è generalmente più buono e genuino.

Il limone impreziosisce la ricetta anche dal punto di vista nutrizionale. Non si limita a trasmettere il suo proverbiale aroma al pesce, ma trasmette anche le sostanze che lo compongono. Il riferimento è alla vitamina C, che giova al sistema immunitario e aiuta l’organismo ad assorbire il ferro. Troviamo poi il potassio (che regola la pressione del sangue) e l’acido citrico, che funge da gastroprotettore e riduce l’insorgenza dei calcoli renali.

Quali spezie usare per questo cartoccio con salmone e gamberi?

Come ogni cartoccio che si rispetti, anche questo con salmone e gamberi spicca per la sua semplicità. Questa caratteristica si riflette anche sulle scelte aromatiche. La ricetta, infatti, suggerisce solo l’impiego del timo. Questa erba aromatica, tipicamente mediterranea, si fa apprezzare per l’intensità ma anche per la capacità di rispettare gli altri ingredienti. Apporta inoltre un sentore che richiama al limone, ma non alla sua asprezza. Il timo è rinomato anche per la sua versatilità, infatti è perfetto sia sulla carne che sul pesce, oltre che su alcuni ortaggi come le patate.

Il timo è anche valido dal punto di vista nutrizionale. E’ ricco di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Nella medicina naturale è attestato come rimedio per il mal di gola, la gastrite, i disturbi digestivi e i dolori reumatici. Se il timo non vi piace potete sostituirlo con una delle tante erbe aromatiche adatte al pesce, per esempio con un po’ di rosmarino, origano e salvia.

Il ruolo dei pomodorini nel cartoccio con salmone

Anche i pomodorini vengono aggiunti al cartoccio. Il loro impatto è innanzitutto scenografico grazie al colore rosso acceso che impreziosisce la pietanza, trasformandola in un’esperienza gastronomica che coinvolge non solo il palato ma anche gli occhi. Ovviamente impattano anche sul gusto con il loro sapore un po’ acidulo, un po’ salato e un po’ dolce. 

Infine, i pomodorini impattano anche dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è alla vitamina C e al potassio, a cui si aggiunge un antiossidante speciale: il licopene. Questa sostanza, oltre a fungere da antitumorale, aiuta a prevenire le malattie cardiache e in particolare l’aterosclerosi, inoltre aiuta ad alleviare i sintomi dell’asma.

I pomodorini, esattamente come le altre varietà di pomodori, sono poco calorici: un etto non va oltre le 30 kcal.

L’aglio fa male?

Nella ricetta del cartoccio con salmone e gamberi troviamo anche l’aglio. Alcuni potrebbero storcere il naso a causa della sua presenza, d’altronde non gode di buona reputazione. L’aglio viene considerato pesante, pericoloso per l’alito e dannoso per la salute. In realtà è pesante solo se viene consumato da crudo e in grandi quantità, ma non è questo il caso. Sulla pericolosità per l’alito ci si può fare ben poco, ma è un effetto collaterale con cui si può scendere a patti. Che sia dannoso per la salute, invece, è una pura falsità, anzi l’algio fa molto bene alla salute.

Il riferimento è soprattutto all’allicina, una sostanza di cui l’aglio abbonda che preserva l’elasticità delle arterie. In tal modo diminuiscono le probabilità di insorgenza di ictus, rotture di aneurismi e infarti. Inoltre, l’aglio aiuta a regolarizzare la pressione del sangue.

Per il resto l’aglio abbonda di vitamine e sali minerali abbastanza rari. Sto parlando della vitamina A (che fa bene alla pelle e alla vista), dello zinco e del selenio, che fungono da antiossidanti e sostengono il sistema immunitario. Per quanto concerne l’apporto calorico non c’è nulla da temere, un etto di aglio apporta solo 40 kcal.

FAQ sul cartoccio con salmone

Che significa “al cartoccio”?

L’espressione indica un metodo di cottura che prevede la chiusura di carne, o più spesso pesce, dentro un fagottino di carta alimentare; il tutto viene completato con aromi e condimenti. E’ un metodo molto apprezzato in quanto velocizza la cottura, la rende più omogenea e garantisce un’efficace trasmissione dei sapori da un ingrediente all’altro.

Perché cucinare al cartoccio?

Il cartoccio rende la cottura omogenea, inoltre permette di ridurre al minimo l’impiego di olio e altri grassi.

Cosa utilizzare se non ho la carta forno?

Per il cartoccio, oltre ai fogli di carta forno, si può utilizzare anche la cosiddetta carta fata, che è un tipo particolare di pellicola trasparente. Questo tipo di carta tende a irrigidirsi durante la cottura, creando così un effetto scenografico.

Ricette al cartoccio ne abbiamo? Certo che si!

3.7/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...

Hamburger di verdure grigliate

Hamburger di verdure grigliate, un’alternativa vegetariana

Quali verdure usare per questo tipo di hamburger? L’hamburger di verdure grigliate si basa proprio su questi ultimi ingredienti per dare vita ad un secondo piatto davvero gustoso. Quali verdure è...

Lumache fritte

Lumache fritte, un finger food per stupire

Una panatura semplice ma efficace E’ proprio la panatura a qualificare come facile questa ricetta con lumache fritte. La impanatura è formata da farina, uova sbattute con sale e pepe,...